in

Ferrari: Marchionne torna a parlare di un possibile addio alla Formula 1

Il numero uno di Maranello è molto critico verso Liberty Media, l’azienda che gestisce il campionato di Formula 1

Sergio Marchionne Ferrari
Sergio Marchionne Ferrari

Le nuove monoposto di Scuderia Ferrari saranno svelate, esclusivamente online, il prossimo 22 di febbraio. In attesa della presentazione ufficiale, il Presidente della casa di Maranello Sergio Marchionne è tornato a parlare del futuro di Ferrari in Formula 1 e della possibilità che la casa italiana abbandoni il circus per creare un nuovo campionato, trascinando con sé altri costruttori. 

Marchionne è stato molto critico nei confronti di Liberty Media, la società che gestisce il campionato di Formula 1, evidenziando come, ad oggi, i piani futuri dell’azienda per la Formula 1 seguano una direzione opposta rispetto alle idee della casa di Maranello. Ecco quanto dichiarato da Marchionne:

“Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere di argomenti più importanti, come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza, come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene”

Le frasi di Marchionne chiariscono una forte insoddisfazione per il lavoro svolto da Liberty Media nella progettazione del futuro della Formula 1. Il numero uno di Maranello sottolinea come, probabilmente, alla fine il divorzio tra Ferrari e la Formula 1 sarà evitato ma, di fatto, la strada da percorrere è ancora molto lunga. 

Nei prossimi mesi il possibile abbandono di Ferrari tornerà, di certo, ad essere uno degli argomenti caldi per quanto riguarda il mondo delle corse. Per ora, in ogni caso, non ci resta che attendere il prossimo 22 di febbraio per la presentazione delle nuove monoposto della casa italiana per l’edizione 2018 del campionato di Formula 1. 

Fonte

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento