in ,

Multe auto col coprifuoco regionale

Quali sanzioni a chi sgarra in caso di nuovo Dpcm

carabinieri

Multe auto col coprifuoco regionale. Il nuovo Dpcm (decreto del presidente del Consiglio) è quasi pronto. Le linee guida sono tre per arginare il Covid: uno, coprifuoco alle 21 (sino alle 6 del mattino dopo); due, niente spostamenti da una Regione a un’altra; tre, centri commerciali chiusi nel weekend. Con rischi per il portafogli degli automobilisti che sgarrano

Multe auto col coprifuoco regionale: quale importo

Chi va in auto dopo le 21 (sino alle 6 del mattino dopo) prende una multa di 533 euro. Cosa c’è scritto sul verbale? In tale circostanza, gli operanti hanno constatato che l’interessato summenzionato non rispettava le norme imposte violando il prescritto dal Dpcm. Ci sono anche conseguenze penali se il soggetto era sottoposto alla misura della quarantena precauzionale che si spostava dalla propria abitazione o dimora. O, peggio, se viaggiava pur sapendo di essere positivo al Covid dopo tampone: attentato alla salute pubblica.

Pagamento agevolato con lo sconto

A piedi sono 400 euro. In auto 533 euro. Il mancato rispetto delle predette misure mediante l’utilizzo di un veicolo comporta l’aumento delle sanzioni fino a un terzo. Se il verbale viene pagato entro 30 giorni dalla contestazione o notificazione del verbale, alla somma dovuta si applica lo sconto del 30% con pagamento in regime agevolato di € 373,34.

L’interessato potrà effettuare il pagamento della somma sopra indicata alternativamente come di seguito riportato:

  1. violazioni a Competenza Statale pagamento a mezzo bonifico bancario sul Capo XIV Capitolo 3560 “PG 6 “Altre entrate di carattere straordinario” IBAN,
  2. infrazioni a competenza regionale, pagamento a mezzo bonifico bancario IBAN,
  3. altre infrazioni a competenza comunale (ordinanze temporanee) pagamento con bonifico bancario IBAN.
Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento