in

Fiat Chrysler: Class Action per il poggiatesta difettoso

In USA Class Action contro Fiat Chrysler a causa di presunti poggiatesta attivi difettosi

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Secondo una class action, questi modelli di Fiat Chrysler sono dotati dei sistemi di poggiatesta attivi presumibilmente difettosi:

Dodge Journey 2010-2018
Dodge Nitro 2010-2011
Jeep Liberty 2010-2012
Jeep Patriot o Compass 2010-2017
Dodge Caliber 2010-2012
Dodge Caravan 2010-2018
Chrysler Town & Country 2010-2018
Dodge Durango 2011-2018
Jeep Grand Cherokee 2011-2018
Chrysler Sebring / Avenger 2010-2014
Chrysler 200 2010-2014

I querelanti sostengono che Fiat Chrysler avrebbe dovuto informarli dei difetti nei sistemi di poggiatesta attivi, ma invece la casa automobilistica ha nascosto il problema.

Nel 2010, Fiat Chrysler (FCA USA) ha iniziato ad equipaggiare alcuni veicoli con sistemi di poggiatesta attivi prodotti da Grammer. Un poggiatesta attivo dovrebbe aiutare a prevenire il colpo di frusta del guidatore o del passeggero in caso di tamponamento.

La causa afferma che un sistema di poggiatesta attivo utilizza una parte anteriore imbottita e una parte posteriore imbottita con due molle che si trovano tra queste due sezioni. La parte anteriore imbottita del poggiatesta contiene una staffa di plastica, chiamata slitta, che contiene un’asta di metallo chiamata percussore.

La parte imbottita dello schienale del poggiatesta contiene un gancio collegato a un sensore. La class action contro Fiat Chrysler dice che questo tiene insieme il poggiatesta e lo mantiene in posizione. Quando il sensore all’interno del sistema di poggiatesta attivo rileva un urto posteriore, il gancio rilascia il percussore e la parte anteriore del poggiatesta si apre per attutire l’urto alla testa del guidatore o del passeggero.

L’attore sostiene che il sistema di poggiatesta in queste auto di Fiat Chrysler si attiva improvvisamente a causa del debole polimero plastico per la slitta e “la sua interazione negativa con un composto chimico presente in un rivestimento sui perni del percussore “. Secondo la causa, il polimero plastico non è abbastanza forte per resistere all’interazione con il composto. Le crepe nella plastica compaiono quando il composto sul percussore entra in contatto con il polimero plastico sotto carico.

La plastica presumibilmente si degrada e dispiega improvvisamente il poggiatesta quando questa si rompe. Quando i clienti si sono lamentati dei poggiatesta che si aprono all’improvviso e senza impatto, Fiat Chrysler li ha accusati di manomissione del sistema e li ha costretti a pagare per le riparazioni. Quelle riparazioni del poggiatesta attive possono presumibilmente costare più di $ 800 per un solo poggiatesta.

La Class Action sostiene che un cliente non può pagare centinaia di dollari per le riparazioni.  L’azione collettiva afferma che il governo ha ricevuto 94 reclami contro Fiat Chrysler per poggiatesta attivi difettosi durante un periodo di tre anni prima dell’ottobre 2018, con 35 consumatori che hanno affermato che i poggiatesta si sono improvvisamente aperti durante la guida.

Almeno 25 di questi reclami hanno indicato che i guasti si sono verificati a causa delle staffe di plastica e 15 consumatori hanno riportato lesioni al collo, alla testa e al viso. Uno dei querelanti afferma che stava guidando una Jeep Grand Cherokee del 2015 nel febbraio 2020 quando il poggiatesta si è attivato anche se non si è verificato alcun incidente.

L’autista è stata colpita alla testa, distraendolo dalla strada e presumibilmente causando emicrania cronica e dolore al collo che continuano ancora oggi. L’azione legale collettiva per il sistema di poggiatesta attivo di Fiat Chrysler è stata intentata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto del Massachusetts: Costa contro FCA US.

Ti potrebbe interessare: Class Action contro Fiat Chrysler Canada per mancata riparazione di veicoli

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento