in

Fiat Chrysler: scoppia la rivolta a Toledo a causa di COVID-19

Secondo le testimonianze di alcuni lavoratori nello stabilimento Fiat Chrysler di Toledo sarebbero già 26 i dipendenti infettati da Covid-19

Jeep Wrangler produzione Toledo

La rabbia ha raggiunto il culmine tra i lavoratori del Complesso di assemblaggio di Toledo di Fiat Chrysler dopo che è stato riferito che più di 26 lavoratori sono stati infettati dal COVID-19. Oltre 6.500 lavoratori producono Jeep Gladiator e Wranglers nel complesso di 312 acri nel nord dell’Ohio. I lavoratori non solo affrontano il pericolo di contrarre la malattia mortale e trasmetterla ai propri cari. Le temperature a Toledo hanno raggiunto questa settimana picchi molto elevati e sta diventando insopportabile lavorare a turni di 10 ore o più nella fabbrica scarsamente ventilata mentre i dipendenti sono costretti ad indossare una mascherina.

Secondo le testimonianze di alcuni lavoratori nello stabilimento Fiat Chrysler di Toledo sarebbero già 26 i dipendenti infettati da Covid-19

“Qualcuno è svenuto sulla linea”,  ha dichiarato un lavoratore dall’interno dello stabilimento mercoledì sera. “Sospetto attacco di cuore. Non hanno nemmeno fermato la linea. ” L’Ohio ha registrato quasi il record di nuove infezioni nell’ultima settimana e al momento ha avuto 60.000 casi confermati e quasi 3.000 decessi. La contea di Lucas, che comprende Toledo, ha avuto 2.300 casi e 303 morti.

All’inizio di questa settimana, un assistente sindacale ha dichiarato di essere risultato positivo per COVID-19. “Come rappresentante giro tutta la fabbrica”, ha scritto, chiarendo che avrebbe potuto infettare molti lavoratori. “Andate tutti a fare il test”, ha avvertito. “Se non sai di averlo e continui ad andare avanti così come sei, potresti essere asintomatico e infettare gli altri.”

“FCA si rifiuta di testare i lavoratori che sono stati esposti da altri lavoratori senza sintomi sufficienti”, ha detto un un dipendente dello stabilimento Fiat Chrysler di Toledo alla newsletter del WSWS Autoworker : “Ci sono stati 26-29 risultati positivi oggi. L’unione è ancora in silenzio e fa in modo che l’azienda gestisca tutto ” ha denunciato questo lavoratore che è voluto rimanere anonimo. Insomma sicuramente una situazione non facile per Fiat Chrysler in USA dopo le numerose interruzioni alla produzione che nei giorni scorsi si sono verificate per volontà dei lavoratori presso gli stabilimenti di Jefferson North e Sterling Heights.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler leader delle vendite in America Latina nel secondo trimestre del 2020

 

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento