in

La corte d’appello respinge la richiesta di GM di rimuovere il giudice dalla causa con Fiat Chrysler

Lunedì una corte d’appello degli Stati Uniti ha negato la richiesta di General Motors Co di rimuovere un giudice di tribunale inferiore dalla sua azione legale contro Fiat Chrysler

General Motors e Fiat Chrysler
General Motors e Fiat Chrysler

Lunedì una corte d’appello degli Stati Uniti ha negato la richiesta di General Motors di rimuovere un giudice di tribunale dalla sua azione legale contro Fiat Chrysler Automobiles, ma ha detto che i capi delle compagnie non devono incontrarsi per risolvere il problema. La sesta Corte d’Appello degli Stati Uniti ha dichiarato che il giudice distrettuale Paul Borman ha abusato della sua discrezione chiedendo al CEO di GM Mary Barra e al capo di FCA, Mike Manley, di incontrarsi faccia a faccia per ragioni estranee al caso e senza tener conto dei rischi di fare un viaggio durante la pandemia di COVID-19.

 

GM: respinta la sua richiesta di rimuovere il giudice dalla causa contro FCA

Anche l’ordine del giudice distrettuale di riportare le parti in tribunale in soli otto giorni era ingiustificato, ha affermato la corte d’appello. Borman a giugno ha ordinato a Barra e Manley di incontrarsi entro il 1 ° luglio, e successivamente ha modificato il suo ordine per consentire ad altri funzionari di prendere il loro posto. “Non intendiamo dire, tuttavia, che il giudice distrettuale non possa ordinare una conferenza di transazione preliminare e / o mediazione nel corso normale”, ha dichiarato la corte d’appello in un deposito.

Il tribunale ha sospeso l’ordine di Borman che imponeva ai funzionari delle due società di risolvere la causa, e lunedì ha respinto la richiesta di GM di un nuovo giudice per supervisionare il caso, affermando che il desiderio di Borman di un rapido insediamento era “non così estremo” da dover essere rimpiazzato.

GM ha dichiarato di essere grata che il tribunale avesse rapidamente rivisto e dato esito positivo alla sua petizione. La società non ha commentato il rigetto della sua richiesta di riassegnare il caso a un altro giudice. General Motors ha fatto causa a FCA l’anno scorso, accusando i dirigenti dell’azienda italo americana di aver corrotto funzionari sindacali della United Auto Workers per assicurarsi accordi di lavoro che mettessero in svantaggio GM.

Ti potrebbe interessare: La corte d’appello ritarda l’incontro tra GM e Fiat Chrysler

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento