in

I lavoratori di Fiat Chrysler di Detroit fermano la produzione per il secondo giorno

I lavoratori hanno continuato il loro coraggioso arresto della produzione presso lo stabilimento Fiat Chrysler Jefferson North Assembly (JNAP) a Detroit venerdì

FCA stabilimento Jefferson

I lavoratori hanno continuato il loro coraggioso arresto della produzione presso lo stabilimento Fiat Chrysler Jefferson North Assembly (JNAP) a Detroit venerdì. I lavoratori del “Team B” sono entrati nello stabilimento alle 16:30 e si sono rifiutati di lavorare in condizioni in cui “i protocolli di sicurezza e salute di base, comprese le misure di allontanamento sociale e le linee guida per la pulizia, vengono violati dalla società e dalla United Auto Workers Union (UAW) al fine di massimizzare i profitti.”

La produzione nello stabilimento è rimasta ferma a causa dell’azione dei lavoratori contro la corporazione e la UAW e la mancanza di manodopera dovuta al rifiuto dei lavoratori di denunciare il lavoro per legittime preoccupazioni di salute. L’arresto della produzione nello stabilimento, che impiega 5.000 persone, è iniziato giovedì a mezzogiorno, quando i lavoratori di “Un team” hanno smesso di lavorare dopo aver sentito che almeno tre colleghi si erano dimostrati positivi per COVID-19.

I lavoratori dell “team B” hanno continuato l’interruzione del lavoro dalle 16:30 di giovedì fino alle 2 del mattino di venerdì, quando i dirigenti della dirigenza e della UAW hanno cercato di costringere alcuni lavoratori a rimettersi in linea. Ma i lavoratori della “squadra C” hanno continuato la lotta dopo essere arrivati ​​allo stabilimento intorno alle 3:30 di venerdì mattina, i lavoratori hanno pubblicato video per fare appello per il supporto, uno dei quali ha oltre 1.600 visualizzazioni solo su Twitter.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: i lavoratori del suo stabilimento di Detroit fermano la produzione

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento