in

I capi di General Motors, Ford e Fiat Chrysler uniti in USA contro il razzismo

I capi di General Motors, Ford e Fiat Chrysler Automobiles si sono impegnati martedì a creare maggiore inclusione nelle loro aziende e a combattere il razzismo

FCA Ford General Motors
FCA Ford General Motors

I capi di General Motors, Ford e Fiat Chrysler Automobiles si sono impegnati martedì a creare maggiore inclusione nelle loro aziende e a combattere il razzismo a seguito dell’uccisione di George Floyd da parte di un ufficiale di polizia bianco, che ha scatenato proteste a livello nazionale, sia pacifiche che violente, negli ultimi giorni. Mary Barra di GM, Jim Ford di Ford e Bill Ford e Mike Manley della FCA nei loro messaggi ai dipendenti, hanno espresso sgomento o disgusto per le disparità razziali di lunga data della nazione e chiedendo il cambiamento. Hanno anche sottolineato il fatto che la morte di Floyd, catturata in un video angosciante, è solo una delle tante, con Barra, presidente e CEO di GM, che elenca altre due recenti uccisioni di afroamericani.

“Le recenti morti di George Floyd, Ahmaud Arbery e Breonna Taylor si aggiungono sorprendentemente all’importante e inconcepibile elenco di neri americani che hanno perso la vita in base al colore della loro pelle”, ha scritto Barra. ” Floyd è morto il 25 maggio a Minneapolis dopo che un ufficiale di polizia si era inginocchiato per alcuni minuti sul collo. Quell’agente è stato accusato di omicidio. Arbery stava facendo jogging a Brunswick, in Georgia, il 23 febbraio quando è stato ucciso a colpi di arma da fuoco, e Taylor, un tecnico medico di emergenza, è stato ucciso dalla polizia a casa sua il 13 marzo.

Mike Manley, CEO di FCA, ha dichiarato di respingere l’odio che ha portato alla morte di Floyd e altri. “A nome di tutti nell’azienda, respingo con enfasi l’odio e il pregiudizio che ancora ha causato lacrime per il tessuto della nostra società e che ha portato alla morte di George Floyd e così tanti davanti a lui … questo problema ha esposto negli Stati Uniti, la piaga del razzismo e della discriminazione. Come dipendenti di una delle più grandi aziende del mondo, abbiamo assolutamente il potere individuale e collettivo di fare la differenza. Partendo da come trattarsi a vicenda al lavoro fino a creare opportunità per tutti per realizzare il proprio potenziale, FCA può essere una forza potente e significativa per il cambiamento “, ha detto Manley.

Bill Ford, presidente esecutivo della sua azienda, e Hackett, presidente e CEO di Ford, hanno affermato che il razzismo non ha posto nella società. “Non possiamo chiudere un occhio al (razzismo) o accettare un senso di ordine basato sull’oppressione. Molti di noi non possono sapere com’è veramente far parte di una comunità di colore, sapere com’è avere paura per i nostri figli ogni volta che escono di casa, o preoccuparsi che questo giorno possa essere l’ultimo, ma finché tanti nostri colleghi, amici, vivono con quella paura, come possiamo vivere con noi stessi?”, hanno scritto.

Ti potrebbe interessare: Ford, GM e Fiat Chrysler riavviano le fabbriche statunitensi

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento