in

FCA ha richiesto a 24 mila dipendenti di restituire rimborsi in eccesso

FCA avrebbe richiesto a 24.000 dipendenti di restituire centinaia di dollari in “pagamenti in eccesso” da sussidi di disoccupazione supplementari

Fiat Chrysler Automobiles avrebbe richiesto a 24.000 dipendenti di restituire centinaia di dollari in “pagamenti in eccesso” da sussidi di disoccupazione supplementari noti come “pagamento SUB” dopo l’entrata in vigore dei fondi di soccorso federali COVID-19. Il contratto ratificato dalla United Auto Workers lo scorso anno con FCA che richiedeva che la casa automobilistica fornisse la retribuzione SUB ai lavoratori temporaneamente licenziati che porta il loro compenso al 74% dei loro soliti stipendi di 40 ore. Con ulteriori $ 600 a settimana per i disoccupati del Coronavirus Aid, Relief and Economic Security Act, tuttavia, la compensazione dei lavoratori supera quella soglia del 74% con il solo sostegno del governo.

Gli ulteriori fondi per la disoccupazione sono entrati in vigore retroattivamente la settimana che si è conclusa il 4 aprile, quando FCA ha inoltre erogato sussidi supplementari per una seconda settimana a seguito della chiusura di impianti automobilistici in Nord America a causa dell’epidemia di virus. Ora, FCA afferma che tratterrà un certo risarcimento per compensare quella sovrapposizione. Il pagamento medio è stato di $ 500, che può essere rimborsato con riduzioni del personale di $ 100 a settimana. Alcuni hanno anche pagato somme forfettarie.

“Sento che sono i nostri soldi”, ha dichiarato Tonya Washington, un dipendente di FCA di 11 anni che lavora come movimentatore di materiali presso lo stabilimento di assemblaggio di Sterling Heights. “Sarà una sfida per tutti ripagarlo. Ritirarli è come uno schiaffo in faccia a noi “. La richiesta di rimborso arriva quando Fiat Chrysler ha preso in prestito miliardi di dollari, ha sospeso i programmi di sviluppo, ha licenziato centinaia di lavoratori supplementari e ha differito le parti degli stipendi dei colletti bianchi per risparmiare denaro in seguito alla chiusura della produzione di due mesi in Nord America. Le fabbriche  hanno iniziato a riaprire la scorsa settimana.

“Il sostegno economico di 600 dollari a settimana fornito nell’ambito della legge CARES approvata a livello federale è una compensazione delle indennità di disoccupazione supplementari versate dalla società che un dipendente può avere diritto a ricevere”, ha dichiarato la società in una nota. “Poiché la prestazione CARES Act è stata versata retroattivamente, alcuni dipendenti di FCA hanno ricevuto un pagamento in eccesso delle loro prestazioni di disoccupazione supplementari, con una media di circa $ 500, che ora viene loro chiesto di rimborsare”.

Ti potrebbe interessare: FCA dona alle ONG in Brasile kit di igiene, cibo e acqua minerale