in

Fiat Chrysler e PSA: niente dividendo a causa del coronavirus

I consigli di amministrazione di Fiat Chrysler e del gruppo PSA Group hanno annullato una distribuzione di dividendi pianificata

I consigli di amministrazione di Fiat Chrysler Automobiles e del produttore di Peugeot PSA Group hanno annullato una distribuzione di dividendi pianificata alla luce della pandemia di coronavirus, ma sostengono che i piani per la loro fusione 50/50 restano sulla buona strada. Nell’ambito dell’annuncio della fusione dell’anno scorso, FCA e il gruppo PSA avevano dichiarato che ogni società avrebbe emesso una distribuzione di dividendi ordinaria di 1,1 miliardi di euro nel 2020 relativa all’anno fiscale 2019. Ma mercoledì hanno annunciato che il dividendo ordinario combinato era out.

Fiat Chrysler e Groupe PSA confermano che i preparativi per la fusione 50/50 delle loro attività annunciati a dicembre 2019 stanno procedendo bene, anche per quanto riguarda l’antitrust e altri documenti normativi. Il completamento della combinazione proposta è previsto nei tempi stabiliti, entro la fine del primo trimestre del 2021, soggetto alle consuete condizioni di chiusura “, recita un comunicato stampa.

I regolatori europei avevano precedentemente fissato una scadenza per il 17 giugno per annunciare se avrebbero approvato la fusione proposta, che avrebbe unito Jeep, Ram, Chrysler, Dodge, Fiat, Alfa Romeo e Maserati insieme a Peugeot, Citroen, Opel e Vauxhall. Le aziende, come la maggior parte delle case automobilistiche, sono state martellate da perdite connesse a COVID-19. Fiat Chrysler ha annunciato una perdita di 1,7 miliardi di euro nel primo trimestre dell’anno.

Ti potrebbe interessare: FCA e PSA: i regolatori europei decideranno sulla fusione entro il 17 giugno

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento