in

Fiat Chrysler ha già perso 1,7 miliardi per il coronavirus

Il coronavirus ha avuto un forte impatto sui risultati del primo trimestre di Fiat Chrysler che ha registrato perdite nette di 1,7 miliardi di euro

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Il coronavirus ha avuto un forte impatto sui risultati del primo trimestre di Fiat Chrysler Automobiles. Il gruppo italo americano ha registrato perdite nette di 1,7 miliardi di euro tra gennaio e marzo, rispetto a un utile di 508 milioni nello stesso periodo del 2019. Secondo i dati pubblicati martedì, le immatricolazioni a livello globale dell’azienda sono diminuite del 21% nei primi tre mesi del 2020, a 818.000 unità, a causa delle misure di contenimento adottate dalla maggior parte dei paesi al fine di arrestare l’espansione del coronavirus.

In questo contesto, il suo fatturato è diminuito del 16% rispetto al primo trimestre del 2019 , a 20.567 milioni di euro, mentre l’utile operativo si è contratto del 95%, a 52 milioni di euro. Fiat Chrysler aveva una liquidità di 18,6 miliardi al 31 marzo. Inoltre, all’inizio di aprile, ha firmato una linea di credito con due banche – di cui non ha dato il nome – per avere ulteriori 3,5 miliardi di euro. Nel caso fosse necessario combattere gli effetti della pandemia, il gruppo può usarlo per un anno, sebbene il termine sia prorogabile di altri sei mesi.

Nonostante questi risultati, il CEO della società, Mike Manley, si è detto ottimista e ha assicurato di avere piena fiducia che la multinazionale possa emergere più forte da questa crisi per continuare a crescere. Fiat Chrysler è in procinto di fondersi con il gruppo PSA. L’unione tra i due significherà la creazione del quarto gruppo automobilistico più grande al mondo per volume di vendite (8,7 milioni di unità).

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: ecco cosa sta facendo in Canada per aiutare i suoi clienti

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento