in

Fiat Chrysler: il mercato auto è tornato indietro di 50 anni in Brasile

Il mercato automobilistico brasiliano è tornato indietro di 50 anni, lo ha detto Antonio Filosa, presidente di Fiat Chrysler in America Latina

Fiat Chrysler Goiana
Fiat Chrysler Goiana

Il mercato automobilistico brasiliano è tornato indietro di 50 anni. La diagnosi viene fatta dall’italiano Antonio Filosa, presidente di Fiat Chrysler Automobiles (FCA) in America Latina. In un’intervista al sito web della rivista Exame, l’esecutivo afferma che la crisi innescata dal nuovo coronavirus ha portato il settore automobilistico a subire un calo di quasi il 90% delle vendite ad aprile, su una media giornaliera, mettendo nello stato circa 7.000 aziende della catena produttiva brasiliana in una situazione piuttosto critica.

Per Filosa, il problema è serio e diffuso. “In oltre 20 anni di lavoro in questo settore, non ho mai visto una crisi di questa portata. Il mercato automobilistico brasiliano è tornato indietro di 50 anni “, ha detto al giornale. Secondo Filosa, le vendite medie giornaliere di veicoli nell’aprile di quest’anno, di circa 2.300 unità, sono state registrate solo nei primi anni ’70.

I pochi volumi di vendita nel mercato brasiliano sono più concentrati nella vendita al dettaglio, afferma l’esecutivo di Fiat Chrysler, con un approccio di consumo crescente nelle vendite online. Attualmente, Jeep è il leader assoluto nei SUV con Renegade e Compass e Fiat ha invece molto mercato nei segmenti dei veicoli commerciali compatti, pick-up e leggeri.

“Questa crisi amplierà la nostra capacità di interagire con i clienti attraverso piattaforme digitali”. Il dirigente afferma che Fiat Chrysler è stato il primo gruppo automobilistico a lanciare concessionari digitali nel paese e che le catene Fiat e Jeep stanno lavorando più attivamente in questo formato.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: Filosa spiega quanto è difficile in questo momento ottenere aiuto dalla banche

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento