in

PSA non vuole aiuti dal governo in quanto potrebbe complicare la fusione con FCA

PSA non è attualmente interessato a un prestito governativo, poiché potrebbe complicare la sua fusione in sospeso con FCA

Nonostante il governo francese affermi che non lascerà che le sue case automobilistiche falliscano dal punto di vista finanziario, PSA non è attualmente interessato a un prestito governativo, poiché potrebbe complicare la sua fusione in sospeso con FCA. Lo stato tuttavia sta attualmente supportando dipendenti PSA sui piani di disoccupazione (che in Francia sono finanziati dal governo), ma questo è il solo aiuto di cui il costruttore automobilistico ha attualmente bisogno, riferisce Autonews Europa.

“Vogliamo che la società sia il più libera possibile dalla dipendenza pubblica”, ha dichiarato il capo finanziario di PSA, Philippe de Rovira, aggiungendo che la sua società non ha ancora richiesto alcun tipo di prestito garantito dal governo. Inoltre, PSA non ha deciso se pagare o meno un dividendo ordinario di 1,1 miliardi di euro sugli utili del 2019, anche se altre case automobilistiche come Renault e Ford hanno già detto che non pagheranno dividendi.

Il governo francese, che detiene circa il 12 per cento delle azioni del gruppo PSA (e il 15 per cento della Renault), desidera che le società che necessitano di aiuti di Stato eliminino o modifichino almeno i pagamenti dei dividendi. Durante la crisi finanziaria del 2008, sia PSA che Renault hanno accettato prestiti sostenuti dal governo francese per 3 miliardi di euro. Per quanto riguarda PSA, sono tali modifiche ai pagamenti che potrebbero complicare i piani di fusione con Fiat Chrysler . Quest’ultimo è tenuto a versare un dividendo analogo a 1,1 miliardi di euro sugli utili del 2019, nonché un dividendo una tantum di 5,5 miliardi di euro ai suoi investitori.

Ti potrebbe interessare: PSA: Carlos Tavares ha guadagnato 7,6 milioni di euro nel 2019

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento