in

Consumo carburante: venduti quasi 2 miliardi di litri in meno fra marzo e aprile

Diverse stazioni di servizio sono rimaste chiuse per vari giorni a causa della scarsa fornitura

Carburanti benzina
carburante

La diffusione del coronavirus sta mettendo in ginocchio i gestori delle stazioni di servizio poiché è stato registrato un calo consistente del consumo di carburante. Questa notizia arriva dalla Faib Confesercenti la quale lamenta che il Governo italiano non ha messo a punto delle soluzioni fiscali ed economiche atte a contrastare questa brutta situazione.

Tra la seconda settimana di marzo e il 6 aprile sono stati venduti in meno circa 1,95 miliardi di litri di carburante mentre è stata stimata una perdita di 2,9 miliardi di euro per quanto riguarda il fatturato complessivo (comprese le tasse e le imposte statali). Le vendite di reddito lordo per i gestori, invece, si attestano a circa 60 milioni di euro.

Sicilia carburante
Carburante, 2,9 miliardi di euro persi nel fatturato complessivo

Carburante: i consumi si sono ridotti drasticamente a causa del coronavirus

Martino Landi, presidente nazionale della Faib Confesercenti, ha dichiarato: “La distribuzione carburanti è tutt’ora attiva e garantisce i rifornimenti sia in sola modalità self-service, con accettatore di banconote o carte, sia in modalità servito. Ma siamo allo stremo. Nonostante siano stati firmati accordi con i principali fornitori petroliferi per attenuare il peso economico che grava sulle gestioni a fronte dei costi, molti dei quali rimasti invariati, i punti vendita hanno perso nel mese di marzo il 90% dei ricavi. Ora rischiano il fallimento“.

Landi ha proseguito dicendo: “In particolare, alcuni costi fissi di gestione, utenze e servizi ed il costo sostenuto per il personale rappresentano un peso economico insopportabile per le gestioni. Oggi i nostri impianti hanno un ricavo lordo che potremmo stimare in poco più di 10 euro al giorno derivante dai carburanti. In queste condizioni, senza interventi del Governo e l’accesso a tutte le possibili forme di difesa del reddito, fiscali e non, sostegni economici concreti, non credo che riusciremo a continuare a garantire il servizio pubblico ancora per molto“.

In questo momento, in Italia sono attive all’incirca 21.500 stazioni di servizio in cui si vende carburante, di cui circa l’80% funziona regolarmente. Oltre alle perdite stimate al 90% a marzo, le scorte medie si sono ridotte al minimo, tra i 2000 e i 5000 litri per prodotto. Addirittura, alcuni gestori sono rimasti chiusi per diversi giorni in attesa di fornitura perché avevano esaurito le scorte di carburante.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento