in

PSA: prestito bancario di 3 miliardi di euro per affrontare la crisi per il coronavirus

PSA ha annunciato lunedì di aver sottoscritto un prestito di 3 miliardi di euro da diverse banche per affrontare la crisi per il coronavirus

La casa automobilistica francese PSA (Peugeot, Citroën) ha annunciato lunedì di aver sottoscritto un prestito di 3 miliardi di euro da diverse banche per rafforzare la sua sicurezza finanziaria nel contesto dell’epidemia di coronavirus.

“Questa operazione rafforza la nostra capacità di affrontare questa situazione eccezionale e di prepararci per il futuro. È anche un segno di fiducia delle nostre banche partner nella solidità finanziaria” del gruppo, ha dichiarato il direttore finanziario, Philippe de Rovira, citato in un comunicato stampa.

“Questo prestito ha una scadenza iniziale di 12 mesi che può essere prorogato da uno a due trimestri aggiuntivi”, ha affermato PSA. “Si aggiunge a una linea di riserva confermata non tratta da 3 miliardi di euro per un importo totale di 6 miliardi di euro”.

Il produttore francese, attualmente in fase di fusione con il gruppo italo americano Fiat Chrysler (FCA), aveva messo da parte un comodo materasso finanziario alla fine dello scorso anno. Aveva 23 miliardi di garanzie finanziarie (liquidità che poteva essere mobilitata rapidamente), di cui 17 miliardi in contanti, incluso il fornitore automobilistico Faurecia, di cui detiene il 46%.

Tuttavia, la pandemia di Covid-19 sta attualmente costringendo tutte le case automobilistiche a bruciare denaro a un ritmo sostenuto. Devono in particolare pagare gli stipendi di migliaia di dipendenti e continuare a investire per prepararsi al futuro, mentre le vendite di automobili sono ferme e con loro gli afflussi di denaro.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo: con la fusione tra FCA e PSA i piani potrebbero cambiare ancora

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento