in

Fiat Chrysler sospende la produzione in Nord America

Fiat Chrysler ha deciso di sospendere la produzione in Nord America a causa del Coronavirus

Fiat Chrysler USA Sede Insegna
Fiat Chrysler USA

“Lavorando con la UAW e ascoltando le preoccupazioni della nostra gente, abbiamo deciso di cessare la produzione nei nostri stabilimenti in tutto il Nord America, iniziando progressivamente da oggi fino alla fine di marzo. Mentre la produzione è in pausa, la Società metterà in atto azioni per facilitare le fasi concordate attraverso la task force congiunta istituita tra la UAW e le case automobilistiche. Durante questo periodo, che rivaluteremo alla fine di questo mese, Fiat Chrysler lavorerà per migliorare le sue operazioni di produzione per facilitare le modifiche concordate con la UAW, inclusi tempi di trasferimento, strutture e protocolli di pulizia avanzati.” Lo ha dichiarato il gruppo italo americano in un comunicato.

Commentando questa azione, Mike Manley, CEO di FCA, ha dichiarato: “Lavorando con la UAW e avendo visitato ieri molti dei nostri impianti, dobbiamo garantire che i dipendenti si sentano al sicuro sul lavoro e che stiamo facendo tutto il possibile per proteggerli. Continueremo a fare ciò che è giusto per il nostro popolo durante questo periodo di incertezza. ”

“Con la nostra priorità verso la salute e la sicurezza della nostra forza lavoro, stiamo anche valutando l’impatto di tutte le misure intraprese all’interno dell’azienda e sulle condizioni macroeconomiche legate all’emergenza del Coronavirus sulla nostra attuale guida finanziaria. Forniremo un aggiornamento sulla nostra guida finanziaria al termine di tale valutazione e avremo sufficiente visibilità sulle condizioni del mercato”, ha concluso il numero uno di Fiat Chrysler.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler da oggi fino a domenica anche Atessa si ferma

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento