in

FCA, Ford e GM continueranno la produzione negli USA

FCA, Ford e GM hanno concordato martedì sera “stop parziali a rotazione” delle loro fabbriche, secondo United Auto Workers

FCA Ford General Motors
FCA Ford General Motors

Le tre grandi case automobilistiche negli Stati Uniti terranno aperte per ora le loro fabbriche nel paese, anche se con nuove restrizioni in atto per salvaguardare i lavoratori dal nuovo coronavirus. FCA, Ford e GM hanno concordato martedì sera “stop parziali a rotazione” delle loro fabbriche, secondo United Auto Workers. Il sindacato ha aggiunto che le case automobilistiche puliranno anche in profondità le loro strutture e attrezzature quando i lavoratori cambieranno turno e prolungheranno il periodo di tempo tra i turni.

L’annuncio è un compromesso tra il sindacato e le case automobilistiche FCA, Ford e GM. In precedenza la UAW aveva invitato le compagnie a chiudere completamente le loro fabbriche statunitensi per due settimane per “salvaguardare i nostri membri, le nostre famiglie e le nostre comunità”. Le case automobilistiche, a loro volta, avevano chiesto 48 ore per prendere in considerazione altri piani, secondo una lettera inviata martedì ai membri del sindacato. Le case automobilistiche e la UAW lo scorso fine settimana hanno dichiarato di aver creato una task force congiunta per elaborare pratiche per proteggere le fabbriche dal coronavirus.

“La salute e la sicurezza della nostra forza lavoro è la nostra massima priorità. Lavoriamo a stretto contatto con l’UAW e miriamo ad annunciare i dettagli nelle prossime 24 ore”, ha dichiarato la portavoce della Ford, Kelli Felker in merito ai nuovi piani. FCA ha convenuto, oltre alle misure già adottate, di apportare modifiche ai programmi e ai processi di lavoro. “Questi cambiamenti, che includono turni di rotazione per consentire una maggiore separazione dei dipendenti e migliorare ulteriormente i nostri nuovi protocolli di risanamento, sono focalizzati sulla fornitura di un ambiente sicuro e tranquillità ai nostri dipendenti nel loro luogo di lavoro”, ha dichiarato la società in una nota.

La crisi del coronavirus sta causando problemi a livello globale nel settore automobilistico. Le case automobilistiche in Cina hanno dovuto chiudere per settimane dopo che il virus era sorto per la prima volta lì. Questa settimana case automobilistiche tra cui il Gruppo Volkswagen, Fiat Chrysler e PSA, che producono automobili Peugeot, Citroen e Opel, hanno annunciato di aver chiuso le fabbriche in tutta Europa a causa del crollo della domanda e dei problemi con la fornitura di ricambi.

Ti potrebbe interessare: General Motors, Ford, FCA e UAW si uniscono per combattere il coronavirus