in

Fiat Chrysler e Ford limitano i viaggi aerei per dipendenti a causa del coronavirus

Fiat Chrysler e Ford stanno limitando i viaggi aerei non essenziali dei dipendenti – sia domestici che internazionali

Fiat Chrysler USA Sede Insegna
Fiat Chrysler USA

Con le case automobilistiche che stanno intensificando le precauzioni a causa dell’epidemia di coronavirus in espansione, Fiat Chrysler e Ford stanno limitando i viaggi aerei non essenziali dei dipendenti – sia domestici che internazionali – dopo che due lavoratori Ford hanno contratto la malattia respiratoria la scorsa settimana in Cina. “Questi due dipendenti in Cina stanno entrambi migliorando”, ha detto il portavoce della Ford TR Reid martedì, rilevando che per la sicurezza dei suoi dipendenti, la casa automobilistica Dearborn ha deciso di limitare drasticamente i viaggi aerei fino almeno al 27 marzo. “Pensiamo solo che la cautela sia la cosa giusta per la nostra gente “.

La diffusione del virus sta aumentando la vigilanza delle case automobilistiche per proteggere i dipendenti e gli altri, ma le compagnie sono attente a insistere sul fatto che non stanno vietando tutti i viaggi aerei. Ford consente viaggi “business-critical” purché approvati da dirigenti di alto livello. Fiat Chrysler ha richiesto che il viaggio abbia la priorità solo per “esigenze essenziali” e che sia stato pre-approvato da un membro del suo gruppo dirigente, ha dichiarato il portavoce Mike Palese in una nota.

Nel frattempo, General Motors Co. questa settimana – in vista di un evento mediatico e di investitori che presenterà i suoi piani per veicoli elettrici – ha iniziato a richiedere a tutti i visitatori di compilare un questionario prima di accedere alle strutture GM. Ai visitatori che affermano di aver avuto sintomi di raffreddore o influenza o che hanno viaggiato in Cina, Italia, Iran, Giappone o Corea del Sud negli ultimi 14 giorni (o che sono stati in stretto contatto con qualcuno che ha), verrà negato l’accesso. Restrizioni simili sono state introdotte negli stabilimenti Fiat Chrysler in Europa.

I dipendenti GM non sono autorizzati a viaggiare in Cina, Italia, Giappone e Corea del Sud e ulteriori viaggi extra nazionali sono limitati, sebbene i viaggi ritenuti critici possano essere approvati dal senior management. Ford ha dichiarato di non essere a conoscenza del fatto che altri dipendenti siano stati esposti al virus e Fiat Chrysler non ne è a conoscenza. GM non è stato in grado di fornire immediatamente dettagli su eventuali dipendenti infetti.

Ti potrebbe interessare: Il coronavirus complica il 2021 di Pirelli: annullato il test con la Ferrari

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento