in

Fiat Chrysler sta limitando l’accesso ai suoi stabilimenti per il coronavirus

Fiat Chrysler Automobiles sta limitando l’accesso ai suoi stabilimenti europei a seguito della diffusione del coronavirus nel nord Italia

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Il gruppo Fiat Chrysler sta limitando l’accesso ai suoi stabilimenti europei a seguito della diffusione del coronavirus nel nord Italia. Anche la società di ingegneria e design italiana Italdesign-Giugiaro ha chiuso le sue due strutture a Torino dopo che un dipendente si è rivelato positivo per il virus. I casi di coronavirus in Italia, il paese più colpito in Europa, sono saliti a oltre 200, con tre morti, spingendo il governo a chiudere le aree più colpite nelle parti settentrionali del paese.

Il gruppo Fiat Chrysler sta limitando l’accesso ai suoi stabilimenti europei a seguito della diffusione del coronavirus

Fiat Chrysler a Torino ha il suo centro amministrativo principale. Proprio in Piemonte si sono verificati tre casi di coronavirus. In una lettera a fornitori e visitatori, FCA ha dichiarato che l’accesso a tutte le sue strutture europee sarà rifiutato a coloro che sono stati in uno dei 13 comuni italiani colpiti dall’epidemia di virus. La lettera vieta l’accesso anche le visite di chiunque sia stato in Cina o in un altro paese asiatico negli ultimi 15 giorni. Sono escluse anche le persone che sono state in contatto diretto o indiretto con altre persone potenzialmente infette dal virus. Un portavoce della FCA ha confermato la lettera. Le fabbriche del gruppo italo americano in Italia sono aperte e funzionano normalmente.

Ti potrebbe interessare: FCA sigla una partnership per lo sviluppo di nuove leghe di alluminio

FCA non ha siti nelle aree interessate dal blocco. La maggior parte delle persone colpite dal coronavirus sono raggruppate intorno a Codogno, 60 km a sud-est di Milano. Domenica domenica Italdesign ha dichiarato che sospenderà le attività produttive nei suoi due siti a Torino per precauzione dopo che un dipendente che lavora nella sua struttura di Nichelino è risultato positivo al coronavirus. La società ha dichiarato che sta lavorando per identificare le persone che hanno avuto contatti con il dipendente interessato.