in

Fiat Chrysler: il sindacato UWA rischia l’acquisizione federale

Il procuratore Schneider ammette che il passaggio del sindacato UWA al Governo Federale è un’ipotesi concreta

Fiat Chrysler

Una minacciosa acquisizione federale del sindacato United Auto Workers è ora una possibilità concreta. Secondo il procuratore federale Matthew Schneider tutte le opzioni sono sul tavolo. E questa è una delle percorribili, stando alle dichiarazioni riportate dal Detroit Free Press, lo scorso 10 gennaio. Lo sciopero dei dipendenti GM davanti al quartier generale globale del 9 ottobre 2019 hanno manifestato la loro contrarietà alle manovre poste in essere dalle grandi compagnie industriali. Un clima di contestazione finito per travolgere pure la stessa Fiat Chrysler.

I lavoratori di Rank-and-file hanno pianificato questa protesta indipendentemente dalla leadership internazionale dell’UAW. In altre parole, lo Stato capitalista – palesemente ostile all’attività organizzata, specialmente sotto l’amministrazione Trump – potrebbe approfittare delle pratiche corrotte documentate per fare causa al sindacato in base al Racketeer Influenced Corrupt Organizations Act (RICO). Ciò porterebbe a una supervisione federale. Niente di peggio per l’UAW e per il movimento nel suo complesso.

Fiat Chrysler: i primi ad essere accusati di corruzione

Queste minacce fanno seguito a un’indagine federale sulle pratiche di corruzione da parte dei principali leader e del personale dell’UAW. I primi ad essere accusati sono stati individui del dipartimento Fiat Chrysler Automobiles (FCA) del sindacato, imputati di aver preso tangenti dall’azienda in cambio dell’accettazione di condizioni contrattuali inferiori e di averli spinti ad aderire all’associazione per l’approvazione. Anche i dirigenti della FCA sono stati accusati. E la sentenza emanata si è rivelata dura con ambo le parti sotto processo, condannate al carcere o alla libertà vigilata.

Ulteriori indagini federali hanno portato alla luce scandali di portata multimilionaria che hanno coinvolto tangenti di fornitori e l’espropriazione di fondi sindacali. Tra le persone coinvolte, il presidente in pensione dell’UAW Dennis Williams e l’ex presidente Gary Jones, insieme al direttore della Region 5, Vance Pearson. Jones e Pearson si sono dimessi a novembre. I membri sono giustamente indignati per il comportamento egoista di leader altamente retribuiti che si sono fidati di combattere nel loro migliore interesse.

Fiat Chrysler: il precedente degli airbag

Questo non significa che vogliano che gli agenti del governo anti-sindacale entrino e facciano pulizia per loro. E alcuni componenti mettono giustamente in dubbio le motivazioni alla base del più recente inseguimento federale del presidente Rory Gamble. Che ha preso il sopravvento quando Jones si è dimesso. Gamble è il primo presidente internazionale afroamericano negli 85 anni della sua esistenza.

C’è chiaramente un doppio standard da parte del governo nel modo in cui ne ha perseguito la corruzione. Una piccola patata bollente rispetto alla corruzione aziendale, pure secondo i media capitalisti pronti ad attaccare l’UAW.

Dopo tutto, la corruzione dell’UAW non ha causato incidenti mortali con un interruttore di accensione difettoso che la General Motors ha installato per risparmiare. Non è il sindacato che uccide e mutila gli autotrasportatori, qui e in altri paesi, perché le società non spenderanno i soldi extra per rendere il posto più sicuro. La Chrysler (ora Fiat Chrysler Automobiles) una volta ha combattuto il governo federale per i requisiti degli airbag, anche se sapeva che salvano vite umane.

Doppia serie di standard

Mike Herron, Local 1853 Shop Chair dello stabilimento GM di Spring Hill, Tenn pensa solo che ci sia sicuramente una doppia serie di standard. Il Caucus amministrativo dell’UAW, esistente dalla fine degli anni Quaranta, ha creato nel tempo una struttura disfunzionale, dall’alto verso il basso, di tipo corporativo, crivellata di nepotismo e clientelismo. La leadership ha abbracciato pienamente il collaborazionismo di classe e ha rifiutato la lotta di classe. Essi incarnano ciò che il leader della Rivoluzione russa, Vladimir Lenin, ha definito aristocrazia del lavoro. Uno strato all’interno del ceto operaio “comprato” dai capitalisti.

Tuttavia, la Costituzione dell’UAW ha delle disposizioni in base alle quali i membri possono agire per ripristinare il controllo democratico e le pratiche etiche. Con un sostegno sufficiente, hanno la facoltà di obbligare il sindacato a tenere una “Convenzione speciale”.

Elezione diretta

Un nuovo gruppo, Unite All Workers for Democracy – UAWD – ha iniziato la battaglia in salita per ottenere la convocazione di una Convenzione Speciale per l’istituzione di un nuovo meccanismo per l’elezione del Consiglio Esecutivo Internazionale. Attualmente, l’IEB è eletto dai delegati della Convenzione costituzionale quadriennale. Quello che l’UAWD cerca è abbastanza semplice: l’elezione diretta.

Tutto lo sforzo mira ad impedire un’acquisizione federale, secondo Scott Houldieson, fondatore di UAWD e membro dell’UAW Local 551 presso lo stabilimento di Chicago Ford Assembly. La migliore riforma è quella di dare agli iscritti del loro sindacato il potere di ritenere i propri funzionari responsabili di contratti deboli e pratiche corrotte.

Houldieson e altri tre attivisti dell’UAW hanno partecipato a un webinar il 17 gennaio, al quale hanno partecipato alcuni componenti del sindacato interessati. Per la convocazione di un congresso speciale, la Costituzione del sindacato richiede che le risoluzioni di sostegno siano approvate da persone del luogo rappresentanti almeno il 20 per cento del totale dei membri dell’UAW – circa 80.000. In questo momento l’UAWD si sta avvicinando a metà strada.

Le questioni affrontate dalla piattaforma UAWD

La piattaforma UAWD, ancora in fase di realizzazione, affronta molteplici questioni, tra cui la necessità di una solidarietà globale dei lavoratori e la lotta per una settimana più breve. La convenzione speciale potrebbe essere uno spunto per gli autotrasportatori per commentare un’ampia gamma di questioni e tracciare una vera e propria strategia per il rango e la pratica per riprendersi il loro sindacato. Sarebbe un passo verso la rottura dell’insidiosa partnership con i proprietari capitalisti. La rottura della cooperazione nella gestione del lavoro – constata Workers.com – è necessaria se si vuole che il peso rimanga rilevante per le nuove categorie sfruttate dalle grosse compagnie.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento