in

Ferrari 330 GTS: uno dei soli 99 esemplari prodotti andrà all’asta

Il probabile prezzo di vendita pronosticato da RM Sotheby’s si attesta attorno a 1.800.000 e 2.200.000 dollari

Ferrari 330 GTS 1966 asta

Fra il 1966 e il 1968, Ferrari produsse la Ferrari 330 GTS in appena 99 esemplari accanto alla versione coupé GTC realizzata in 600 unità. La Gran Turismo Spider ebbe come obiettivo quello di sostituire la 275. La presentazione ufficiale della scoperta avvenne in occasione del Salone di Parigi del 1966 mentre la berlinetta fu introdotta al Salone di Ginevra dello stesso anno.

Con la 275 e la 330 GT 2+2, la Ferrari 330 GTS condivideva il passo corto e le sospensioni posteriori indipendenti. In occasione di un’asta che si terrà in Arizona il 16-17 gennaio, RM Sotheby’s proporrà in vendita un esemplare del 1967 di questa vettura disegnata da Pininfarina.

Ferrari 330 GTS 1966 asta
Ferrari 330 GTS 1966 interni

Ferrari 330 GTS: RM Sotheby’s proporrà all’asta una delle auto più rare realizzate da Maranello

Secondo le stime fatte dalla nota casa d’aste, il numero di telaio 9781 dovrebbe essere venduto a una cifra compresa fra 1.800.000 e 2.200.000 dollari. La descrizione dell’asta riporta che la vettura dispone del certificato Ferrari Classiche (incluso il Red Book), è stata rifinita recentemente nella splendida colorazione Grigio Ferro, è stata documentata dal famoso Marcel Massini e ha vinto le edizioni 2017, 2018 e 2019 del Cavallino Platinum Award, oltre ad essere accompagnata da tutti i documenti e gli strumenti originali.

Seguendo le orme della 275 GTS, la Ferrari 330 GTS è stata progettata con l’intento di proporre ai clienti del cavallino rampante la migliore esperienza automobilistica a cielo aperto che si potesse acquistare in quel periodo. Da molti, tale vettura venne considerata veloce, elegante e pratica.

Ferrari 330 GTS 1966 asta
Ferrari 330 GTS 1966 motore

Forse l’unico errore fatto dalla casa automobilistica modenese è stato quello di costruire appena 99 esemplari quando la domanda sarebbe stata sicuramente più alta. Presentata per la prima volta al pubblico in occasione del Salone di Parigi nell’ottobre del ‘66, questa auto disegnata da Pininfarina rappresentava il meglio dell’eleganza italiana.

Troviamo degli interni splendidamente rifiniti con due sedili avvolti dalla pelle e un volante in alluminio con bordo di legno. Il telaio n°9781, che verrà proposto all’asta da RM Sotheby’s, era originariamente rifinito nella tonalità Nocciola con interni in Nero Franzi.

Ferrari 330 GTS 1966 asta

Complessivamente la vettura ha avuto cinque proprietari

La Ferrari 330 GTS in questione è stata consegnata come nuova a Luigi Chinetti Motors a Greenwich, nel Connecticut. Nel 1967, il veicolo venne venduto al suo primo proprietario di New York. Quest’ultimo ha posseduto la Ferrari per circa un decennio, fino a quando l’ha venduta nuovamente a Chinetti nel ‘76. Quest’ultimo vendette la vettura al suo secondo proprietario presente ad Alamo, in California.

Nel giugno del 1983, La Gran Turismo Spider passò nelle mani del suo terzo proprietario, un direttore di farmacie. Durante la sua proprietà, la vettura venne ridipinta in giallo e mostrata più volte durante gli eventi Ferrari organizzati in California.

Ferrari 330 GTS 1966 asta

Arrivando nel 2005, la 330 GTS venne venduta al suo nuovo proprietario di Scottsdale, in Arizona. Quest’ultimo ha conservato l’auto per diversi anni fino al 2011, in seguito a una vendita.

Nel 2014, la GTS ha ricevuto un completo restauro professionale che è costato ben 400.000 dollari. La Ferrari è stata comperata dall’attuale proprietario nell’agosto del 2015 e successivamente rifinita nel colore Grigio Ferro abbinato a interni in pelle nera e capote nera. Ad oggi, l’auto ha percorso circa 60.000 miglia (circa 96.561 km).