Alfa Romeo in Europa: Vendite al -9%, Giulietta fuori dalla Top 100

di -
Alfa-Romeo-Giulietta

In attesa dell’arrivo dei dati relativi al mese di novembre, che come da tradizione saranno disponibili nella seconda parte di dicembre, abbiamo già visto come il brand Alfa Romeo sia tornato a crescere in Europa, seppur di appena il 4%, dopo oltre tre anni di continua flessione. Naturalmente non si tratta di un dato davvero molto importante visto che oramai le vendite del marchio sono davvero ridotte all’osso con la sola Alfa Romeo Giulietta a mettere insieme volumi di vendita significativi che però non bastano a consentire alla segmento C di entrare nella top 100 delle auto più vendute in Europa nel 2014.

In totale, nei primi dieci mesi dell’anno in corso, Alfa Romeo ha venduto 50,289 esemplari con un calo complessivo rispetto al periodo gennaio – ottobre 2013 del -9%. In Europa, per ora, Alfa Romeo vende meno persino di Lancia, un altro storico brand italiano che, a differenza di Alfa Romeo, sarà progressivamente abbandonato da FCA. Lancia, grazie soprattutto alla Lancia Ypsilon, raggiunge quota 60,155 unità vendute.

Delle circa 50 mila unità vendute da Alfa Romeo in Europa 34,902 unità sono Alfa Romeo Giulietta e 14,437 Alfa Romeo MiTo. I restanti si suddividono tra Alfa Romeo 4C, nata non certo per vendere tanti modelli quanto per ridare lustro all’immagine del marchio, e qualche fondo di magazzino come gli ultimi esemplari prodotti della 159.

Come detto, l’Alfa Romeo Giulietta, con le sue 34902 unità vendute, non riesce ad entrare nella top 100 delle auto più vendute in Europa dovendosi accontentare di un 103esimo posto dietro anche, tristemente, alla Skoda Citigo. Le vendite dell’Alfa Romeo Giulietta, rispetto allo scorso anno, sono in calo del -13%. Un dato che evidenzia una certa difficoltà dell’auto a raggiungere i desideri degli automobilisti anche a causa di uno scarso supporto da parte dell’azienda. Nel corso dei prossimi mesi le cose potrebbero cambiare grazie al nuovo allestimento Alfa Romeo Giulietta Sprint che, grazie anche ad un chiaro riferimento alla storica Giulietta Sprint, potrebbe consentire alla segmento C italiana quanto meno di migliorare i risultati disastrosi del 2014.

Da notare che sia per la Giulietta che per la MiTo la metà delle vendite arriva proprio dal mercato italiano. In Italia, infatti, l’Alfa Romeo Giulietta ha venduto 16,953 unità, sino al mese di ottobre, mentre l’Alfa Romeo MiTo, sempre ad ottobre, si è fermata a 7,328 unità. Difficile che la situazione globale delle vendite di Alfa Romeo in Europa cambierà di molto sino alla prossima estate quando sarà presentata la nuova Alfa Romeo GIulia, il primo passo del processo di crescita del brand.
  • Nuovi modelli,non serve altro

    • Nicolò Bonafè in quale segmento a tuo modo di vedere, manca qualcosa? Secondo il nostro modo di vedere un Crossover compatto oggi potrebbe fare la differenza.

    • Mancano i modelli chiave prima di tutto,tipo la prossima Giulia berlina/sportwagon. Poi si il crossover/suv può servire,ma per un marchio storicamente sportivo servono modelli sportivi.
      E devono lavorare tantissimo sull’immagine e sulla percezione del marchio,quasi compromessa da quando è in Fiat

    • Il Crossover compatto è l’ultima cosa di cui ha bisogno un marchio Sportivo come Alfa Romeo, specie se ambisce a competere con le case Premium e specie in questo momento…L’Alfa Romeo non è la fiat, non concorre ne con VW, Opel, tantomeno con Ford, francesi comprese…di certo un modello simile non è il cardine, il punto di partenza sul quale riqualificare l’immagine sportiva e aspirazionale del marchio…anzi, la gamma attuale proprio su questo è da Rifondare…la mito…ma soprattutto la giulietta sono da rifare da capo dal punto di vista estetico, il frontale è un adattamento goffo (quasi orientale) delle linee ispirate dalla 8c…Manca tutto, manca la berlina premium, la coupè granturismo derivante..un coupè e una spyder di alta gamma, un’ammiraglia…la 4c ci sta pure ma è troppo estrema e aldilà della gamma reale oggi. In mezzo c’è un vuoto immenso. Per queste cose ci vuole tempo e investimenti ok, ma bisogna cambiare pure la mentalità…se si vuole competere con i grandi bisogna pensare e agire come loro…
      Si sbrigassero e soprattutto mi auguro che questa nuova “Giulia” sia furiosamente bella e all’altezza della storia e dei sentimenti che è in grado di muovere un marchio del genere (tesoro unico e incompreso dalla gestione fiat, alla vw lo hanno capito e hanno provato a fare l’offerta infatti)…per il momento c’è solo rabbia e un pò di speranza…

  • Modelli nuovi, fatti come Alfa comanda, non come Fiat.

  • Ok per i nuovi modelli, ma che vettura vorreste vedere con stemma #AlfaRomeo?

    • Vetture che corrono, e progettate per questo. Auto sportive che non partecipano a campionati, nemmeno monomarca, che sportive sono? Il wtcc o l’etcc è chiedere troppo?

  • Rivisitazioni delle vecchie Alfa, magari con qualche miglioria e modifica estetica, magari tornare ai motori trasversali e alle trazioni posteriori.

  • serve maggiore visibilità, maggior modelli in gamma e più qualità

  • Per contrastare il mercato estero serve innovazione, non restyling e basta, serve una concorrente della A4, BMW serie 5, e ammiraglia o SUV, la Thema firmata Lancia è un altro flop, inutili i 3 litri contro la concorrenza tedesca, loro inoltre hanno anche le versioni “quattro”. Insomma siamo fermi. O quasi. In bocca al lupo Gruppo

  • Nuovi modelli Motori migliori e affidabili prezzi più abbordabile.sono tropo care per essere Fiat. Ritornare a essere de le vere Alfa

    • Quella dei motori mi pare un pò assurda come cosa, visto che i motori Fiat, specialmente i diesel, sono tra i migliori e ci vengono invidiati da molte case concorrenti!

    • Motori? Mmm no quelli non servono. Ci sono e vanno benissimo. Alzare la cavalleria in alcuni casi per far concorrenza ai crucchi? Si quello forse si; almeno per non far montare I motori di grossa cilindrata provenienti dagli Usa. Questo grazie a Maglionne. E dal momento in cui hanno silurato il Busso la cosa fa girare le pxxxe.

    • Allora siamo sfortunati quelli che avviamo avuto guai con i Diesel fatevi un giro Per Google e vedete tutte rotture dei motori Alfa jtdm

  • Abbassare i prezzi

  • Ecco il successo dei modelli di punta solo con il TCT …

  • Più scelta, più marketing, meno costi per acquistare i modelli

  • Rifare la GTA con V6 da 400cv

  • modelli degni del marchio , sportivi e a trazione posteriore

  • Nuovi modelli degni del marchio e continuità di investimenti. Audi è partita dal nulla a metà anni 80.

  • Nulla..è la gente che non capisce un cazzo…il biscione non ha colpe

  • Dato che il gruppo Fiat perde gran parte delle risorse per produrre macchine che poi andranno ammassate negli immensi parcheggi e lasciate marcire, credo che sarebbe molto più conveniente produrre di meno ma nel frattempo dedicarsi maggiormente a far uscire delle macchine di qualità, sia di motore, carrozzeria e componenti elettriche, in grado di essere ai livelli delle tedesche, senza trascurare il design

  • Piu cavalli, fan^^^^^ la co2,piu agressiva oltre i 200 cv, versione tbi,aggiungere il tunnel centrale come la 156 e 159, osare di piu, inserire una Q4,la sprint sembra na mezza via ma troppo poco spinta

  • In primis un design migliore, più filante è ispirato a 147, non ad una bravo.. In secundis maggiore qualità sugli interni (fanno veramente pena), più Multimedia, più versioni con TCT, distacco da Fiat completo è una percezione di posizionamento più alto in generale

  • Una giulietta quattro ruote motrici, rimodulare il muso con dei gruppi ottici più filanti e magari un cofano più nervato e dare un segno di un pò più di solidità all’interno dell’abitacolo;sono salito in una golf poi in volvo v 40 una bmw serie 1 un’audi A3 e infine su una giulietta un po la differenza si percepisce fra la giulietta e le altre tre auto.. peccato perche alfa avrebbe più carattere.

  • Si ma se è dal 2009 che sono sempre i soliti due modelli per forza che prima o poi ce il calo di vendite.

  • cambiare i fari ..interni più sportivi ,design più ricercato,cerchi maggiorati fiancate più larghe in direzione dei passaruota ,più motori diesel e pubblicità più coinvolgenti con personaggi che piacciono ai giovani …ecc .ecc….

  • 159 !!

  • Ritorno alle origini.

  • siamo in Italia e la vw è più sponsorizzata dell alfa e poi ci domandiamo perché calano le vendite. Dove mi giro trovo cartelloni con pubblicità di vw o audi. Parlo di Bergamo. Poi dalle altre parti non lo so.

  • La cosa principale? Cambiare la mentalitá dell’Italiota medio per cui l’erba del vicino é sempre piú verde. In ogni caso una Casa Madre che si fa vanto del marchio di sportivitá e poi non é in grado di mettere su strada auto che possano gareggiare nei campionati mondiali; vedi Wtcc, farebbe meglio a cambiare il suo core business.

  • migliori finiture e maggiore attenzione ai reclami dei clienti, basterebbe informarsi e ovviare, non ignorarli (richiami ecc.!)
    usare meglio i social network!

  • Siamo fermi e le altre case automobilistiche producono e vendono …

  • Staccarsi dalla Fiat ed accantonate il multiair che è in flop madornale!!

  • servono modelli nuovi. e presto anche. Bisogna avere una gamma completa, come BMW mercedes e audi

  • Io ho una Giulietta 1.4TB 170cv multiair … 1) non economizzare nei materiali non ha nemmeno 50mila km e le plastiche si fanno sentire già da qualche km sono molto meglio quelle delle vecchie 155/75 … 2) i 170cv si fanno sentire solo con il bollo … Io sono un Alfista (notare la A maiuscola

  • Materiali di qualita!Sono possessore di Giulietta da 3 anni…materiali veramente veramente scadenti.Vergogna!25mila euro di macchina.Da qui si deve ripartire.

  • Più modelli innovativi, trazione posteriore, in poche parole costruire Alfa Romeo come da tradizione!

  • Nuovi modelli e non solo 2 in gamma, ma 4/5 con motori che partono da 1.2 e arrivano fino a 3.0 se nn oltre e con prezzi che se li possonono permettere tutti dai giovani ai signori, per intenderci e, mi fa male dirlo, prendere spunto dalle tedesche, per le basse cilindrate alla VW e per quelle alte alla BMW e Mercedes, siamo onesti, nel mercato loro non hanno rivali…

  • Meno soldi. Costa troppo x l auto che è.

  • io ho una giulietta m.a .170cv e son contentissimo,quando l’ho acquistata ho fatto anche preventivi con le tedesche e per il prezzo poche balle.. l’ho pagata meno! il problema son tutti gli anni precedenti dove i marchi italiani si son fatti voler male,sopratutto fiat,creando auto pessime,facendole pagare troppo, e chiedendo sempre soldi allo stato sotto minaccia di licenziamenti,quindi creando un unico gruppo (fiat,lancia e alfa) non ci si può aspettare molto,inoltre aver tolto elementi di sportività come la trazione posteriore è stato per molti una “delusione” io infatti la mia giuli se fosse stata posteriore la preferivo.
    ma la cosa forse da cambiare veramente,è la testa degli italiani! siamo al mondo i meno nazionalisti e patriottici (certo,a veder la politica interna vien da vomitare vero..) ma comunque preferiranno sempre le auto straniere,io l’unica cosa che posso “lamentarmi” trazione posteriore,mancanza interni sabelt (visto che sulla mito erano disponibili) e magari sulla mia un 30cv in più con la possibilità di disattivare tct e balle varie.. sicuramente un assetto più basso,visto che ho quello sportivo ma tra muso e passaruota è un p’ò altina.. per il resto non mi lamento,e spesso.. le blasonate con i cerchi sulla griglia,magari naftoni,devono accontentarsi di guardar quanto sia bello il retro della giuli!

  • Venderla agli indiani assieme a jaguar e land rover

  • E tornare agli anni 70, dove tutte le case sono quasi assenti tranne ad esempio la BMW serie 1 coupé, e proporre un bel 1750 coupé? Macchine piccole e sportive! Per l’utilitaria c’è altro…

  • MiTo GTA motore M.A . 1750.

  • Magari facessero altro!

  • 240 cazzuti cavalli.

  • Più qualità!!!

  • Un restyling serio di Giulietta e Mito e nuove auto al più presto

  • 159

  • L’Alfa ha (purtroppo) 2 modelli che possono fare grandi vendite, difficile chiedere di più. Comunque intanto il cambio doppia frizione dovrebbe essere più pubblicizzato, la quadrifoglio dovrebberlo farla più cattiva, tipo 250cv e carreggiata allargata (stile Deltone), magari un turbo diesel da 250cv e 4×4 richiamerebbe un certo tipo di clientela. Una versione a metano non sarebbe male, magari differenziandosi in qualche maniera, tipo mettendo il 1.4 turbo e il 1.8 turbo. Un turbo metano da 180cv sarebbe un bel modo di distinguersi, di questi tempi secondo me bisogna un po’ esagerare, basta guardare il nuovo 2.0 TDI della Passat da 240cv….

  • Italian People prefer to spend money in a VW!

  • Ritorno alle competizioni. Nn ci si può vantare della propria presunta sportività se nn ci si confronta “sul campo” con la concorrenza. Quindi Wtcc o meglio ancora Dtm che, oltre a sfidare le tedesche a casa loro, è diventato oramai il campionato di riferimento. Dal punto di vista del prodotto creare nuovi modelli utilizzando materiali di qualità, componentistica tutti rigorosamente Alfa e nn fiat così da giustificare i prezzi un po’ più elevati.