Alfa Romeo, per Marchionne è “Tutta da rifare”

di -
Alfa Romeo

Dopo l’annuncio del debutto di una nuova Alfa Romeo fissato per il prossimo 24 Giugno 2015, sarà la nuova Alfa Romeo Giulia, Sergio Marchionne, amministratore delegato del gruppo FCA, torna a parlare del futuro del marchio Alfa Romeo riassumendo la situazione del brand con poche ma precise parole “E’ tutta da rifare” che non lasciano dubbi sull’avvio, oramai da ritenersi ufficiale, di una vera e propria rivoluzione che porterà l’Alfa Romeo a vivere, si spera, una nuova stagione di successo grazie ad una gamma completamente rinnovata che possa cogliere, in pieno, l’essenza del marchio italiano.

Come già ampiamente riportato nelle settimane passate, il piano di rilancio di Alfa Romeo prevede investimenti per 5 miliardi di Euro sino al 2018 con l’obiettivo di ricostruire un’identità al marchio che dovrà diventare una vera alternativa a marchi premium come Mercedes, Audi, BMW, Jaguar e Land Rover.

Il progetto di rivoluzione dell’Alfa Romeo di Marchionne si accompagnerà ad una forte crescita del numero di auto vendute in tutto il mondo dal brand che dovranno passare dalle 74 mila del 2013 a circa 400 mila unità grazie anche al supporto del mercato del Nord America dove l’Alfa Romeo si appresta a ritornare con l’Alfa Romeo 4C per poi presentare una versione speciale della nuova segmento D, la futura Alfa Romeo Giulia. Negli USA, il progetto di rilancio di Alfa Romeo sarà curato da Reid Bigland, fautore del rilancio del brand RAM. In Italia, invece, l’Alfa Romeo ripartirà dallo stabilimento di Cassino da dove, nella seconda metà del prossimo anno, usciranno i primi esemplari della nuova Alfa Romeo Giulia.