Considerazioni Pneumatici sportivi

di -

Le auto sportive di lusso, con i loro comodi abitacoli e i loro motori potenti, richiedono una scelta oculata in fatto di pneumatici. I requisiti da soddisfare riguardano sicuramente la maneggevolezza su rettilineo ed anche in curva, alta aderenza in ogni condizione con un occhio, laddove possibile, alla riduzione dei consumi e delle emissioni dannose per il pianeta. Fantascienza?

Al target delle auto sportive di lusso, in realtà, sono dedicati parecchi pneumatici fabbricati dalle più importanti case produttrici.

Vediamo qualche esempio.

Cominciamo da SP Sport Maxx RT di Goodyear Dunlop testato con successo da Adac nel 2013 nella dimensione 225/45 R17 Y. Frutto dell’esperienza nelle corse di Dunlop, questi pneumatici sono progettati per offrire prestazioni ottimali. in particolare:

–          Massima aderenza su fondo asciutto e bagnato grazie ad una tecnologia – presa dal mondo delle corse – che permette alla mescola di adattarsi al manto stradale, rendendo notevole il contatto con la strada.

–          Controllo in curva garantito dagli imponenti blocchi della spalla esterna. Ciò regala armonia e stabilità su tratti stradali misti (rettilinei e curve).

–          Spazi di frenata ridotti anche ad alta velocità. Ciò è garantito da blocchi molto rigidi che aumentano il contatto con la pavimentazione in fase di frenata.

–          Risparmio carburante, caratteristica interessante e garantita da una costruzione leggera che permette a questa linea di pneumatici una ridotta resistenza al rotolamento con conseguente diminuito consumo di carburante ed emissioni di CO2.

Un altro esempio interessante è costituito dalla linea Potenza di Bridgestone, in particolare Potenza Adrenalin RE002. Pneumatico dal disegno esclusivo e sportivo, garantisce una esperienza di guida potente e precisa al tempo stesso. Potenza Adrenalin RE002 regala:

–          Una risposta sportiva e precisa, grazie ad una particolare tecnologia che evita la deformazione dei tasselli aumentandone la rigidità. A questo si possono aggiungere una aderenza perfetta in curva ed una pneu-sportivi-alfamanovrabilità complessiva di qualità eccezionale.

–          Stabilità alle alte velocità, grazie all’alta aderenza con l’asfalto garantita dalla nervatura ad ampio disassamento con tasselli centrali del battistrada ondulati. Anche il passaggio dal rettilineo alla curva avviene in modo fluido.

–          Resistenza all’aquaplaning dovuta al profilo ondulato delle scanalature e a deflettori situati sul fondo delle scanalature stesse. Ciò permette un miglior deflusso dell’acqua, migliorando l’efficienza e la sicurezza su fondo bagnato.

E che dire di Pirelli con il suo Pirelli P Zero Rosso? Scelto da molte case italiane e straniere, Pirelli P Zero Rosso sposa un’alta performance al comfort di guida. Si può giocare montando i due battistrada disponibili:

–          Direzionale, da montare sull’avantreno e caratterizzato da intagli a freccia con ampi canali longitudinali per una alta aderenza su tutti i fondi. Per un’esperienza di guida davvero sportiva.

–          Asimmetrico, da montare posteriormente ( o su entrambi gli assi) caratterizzato da un battistrada che si differenzia in tre elementi: blocchi sulla spalla esterna, fascia centrale semi-slick con incavi curvi trasversali, spalla interna più aperta.

Importante sicuramente per una guida sportiva, Pirelli P Zero Rosso non dimentica il comfort e la sicurezza anche ad alte velocità.

Messi i tre pneumatici a confronto su strada, tutti hanno rivelato prestazioni notevoli perché portano tecnologie da gara sulla strade comuni, rispettando quel che le case produttrici promettono.

In genarale, le tre linee si sono attestate su livelli alti ed hanno dimostrato un’ottima tenuta su tutti i fondi, reattività in curva ed in frenata, rumorosità nella norma.

Volendo trovare, a tutti i costi, un difetto, possiamo dire che la linea Potenza si è dimostrata un po’ più debole su fondo bagnato, mentre i Goodyear Dunlop sono risultati più rumorosi dei competitors. Il rosso Pirelli, che mira a soddisfare la passione per la guida, si è rivelato un po’ “spigoloso” – nervoso – e meno veloce di quello che dovrebbe essere in realtà.

Rimane il fatto che, attraverso questi pneumatici sia possibile un’esperienza di guida a livelli alti. Da non dimenticare il fatto che molto dipende dall’auto su cui sono montanti e dal tipo di guida di ogni conducente.