Alfa Romeo Giulia: terza berlina più venduta dopo Audi A4 e Bmw Serie 3

Alfa Romeo Giulia 2.0 benzina Salone di Parigi 2016

Come vi abbiamo annunciato ieri Alfa Romeo Giulia anche nel mese di settembre appena trascorso ha trascinato le vendite della celebre casa automobilistica italiana nel nostro paese. Il biscione infatti ha segnato un incremento del 47,25 per cento rispetto a quanto ottenuto nello stesso periodo dell’anno precedente. In totale in Italia sono state vendute oltre 3800 vetture targate Alfa Romeo. Si tratta ovviamente di Giulietta, MiTo e Giulia. A proposito di Giulia questa, secondo i dati di Unrae, è risultata essere la terza berlina di segmento ‘D’ più venduta nel paese dietro ad Audi A4 e Bmw Serie 3.

Alfa Romeo Giulia a settembre 762 unità immatricolate

Entrando più nel dettaglio vediamo come Alfa Romeo Giulia nel mese di settembre ha venduto esattamente 762 unità. Per quanto riguarda le sue rivali Audi A4 che ancora una volta è risultata essere la berlina di segmento ‘D’ più amata dagli italiani, ha venduto 1408 unità, mentre la Bmw Serie 3 che ad agosto aveva venduto meno di Giulia, a settembre ha immatricolato 816 vetture nel nostro paese. Bisogna però dire che il risultato di Alfa Romeo Giulia è limitato dal fatto che anche a settembre la gamma della berlina italiana è ancora incompleta.

Quando la gamma sarà completa è facile ipotizzare il primo posto

Dunque è facile ipotizzare che quando finalmente la gamma di Alfa Romeo Giulia sarà completata con l’arrivo delle versioni turbo benzina, di quelle con cambio automatico, dell’allestimento Veloce con trazione integrale Q4 e di quella ‘AE’, le cose non potranno che migliorare e dunque è probabile che anche le berline di Audi e Bmw saranno definitivamente superate. Lo stesso Alfredo Altavilla al Salone auto di Parigi ha confermato che le cose per Giulia in Italia stanno andando molto bene e che già a fine settembre sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati per il 2016.

L’importante dirigente di Fiat Chrysler Automobiles ha pure chiarito che l’accoglienza di Alfa Romeo Giulia sul mercato è stata ottima anche al di fuori dei confini italiani, come dimostrano gli incrementi nelle vendite segnati in molti dei più importanti paesi europei. Adesso si aspetta l’esordio di Giulia anche al di fuori dei paesi dell’area Emea come ad esempio negli Stati Uniti dove i primi esemplari arriveranno tra meno di due mesi.

Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia

Leggi anche: Fiat Chrysler: in Spagna bene le vendite di Alfa Romeo, Jeep e Maserati

Anche a settembre il segmento ‘D’ del mercato è dominato dai Suv

Nella classifica delle vendite di settembre del segmento ‘D’ del mercato, ricordiamo che sono presi in considerazione anche i Suv. Dunque al primo posto assoluto a settembre troviamo Volkswagen Tiguan con 2015 immatricolazioni seguita da Audi A4 e Land Rover Range Evoque. Presenti in classifica anche Ford Kuga, Bmw X1, Mercedes GLA e Audi Q3.

 

  • La Giulia tra un’anno sarà la segmento “D” più venduta d’Europa e la seconda, terza più venduta al Mondo…

  • Iohann Margutti

  • Pian piano .. Batteremo tutti ….. 🍀👍

  • Mons

    Se non arriva prima neanche in Italia… 🙁

    • umberto

      E più probabile che arrivi prima in Germania, da noi ci sono troppi inutili esterofili!…. Dopodiché c’è la parte migliore, ma e minoritaria….

  • umberto

    Un buon risultato, ma sopratutto bisogna considerare che è l’unica non presente nel 2015….. Quindi! …. Comunque tra queste c’è anche la mia…. In maniera modesta ho contribuito al risultato

    • Alfonso

      Come ti trovi con la Giulia? e com’è la cura degli assemblaggi? Racconta, racconta…

      • umberto

        Mi ci trovo molto bene, ottimo motore, anche se è ancora in rodaggio, tenuta di strada e reattività da Alfa Romeo, impianto frenante esagerato e ben modulabile, posizione di guida perfetta, materiali degli interni di buona qualità e molto ben assemblati, non vi sono sbavature o fili a caso, rifiniture vano motore molto ben fatte.
        Rifiniture bagaglia da migliorare, la parte del cielo è un po’ vuota, e il vano ove viene posizionato il kit di riparazione gomme non dà proprio una sensazione di perfezione.
        L’unico reale difetto che ho riscontrato, per adesso poi vedremo con il tempo quali altri ci saranno, è la parte interna del volante che è un materiale un po’ fastidioso, per me!
        Nell’insieme una macchina ottima, dopodiché valuterò con il tempo la qualità e i problemi, perché noi Alfisti non abbiamo problemi ad ammettere pregi e difetti delle nostre auto, non siamo come i possessori dei cessi stranieri che raccontano un fracco di balle sulla qualità dei loro cessi, onestamente ti posso dire che la Giulia è nettamente migliore della concorrenza

  • Maurizio Viola

    la giulia ha sicuramente le carte in regola per primeggiare nel segmento D in Europa ma ritengo sarebbe opportuna una versione SW come hanno Audi e Bmw

  • Dario

    Buon risultato, ma speriamo non sia l’effetto “novita’” Senza la SW però finirà presto l’entusiasmo.

    • umberto

      non penso che sia l’effetto novità e sono convinto che sia meglio non farla sw….. è tornata l’Alfa di una volta e le giardinette non le facevano….erano Alfa Romeo, non auto della spesa!….. d’altronde i piani di vendita non sono per “sbaragliare” la concorrenza, se uno vuole una macchina più “comoda” si compra lo Stelvio (o come si chiamerà), diversamente nell’ambito del gruppo vi sono anche i prodotti sw, quindi la scelta c’è!
      in una intervista recente De Meo, amministratore di Seat, ha detto: “Alfa in ogni caso è un marchio talmente straordinario che non appena gli dai un po’ di benzina la gente si infiamma” …… con la Giulia la benzina è quella Avio!!!

  • Massimiliano

    Andrea Senatore in realtà la Giulia è prima tra le berline del segmento D, che sono a loro volta un numero esiguo. Infatti se vai a vedere i dati di vendita per carrozzeria noterai che di 1408 Audi A4 vendute, le SW sono 1325, quindi le A4 berlina vendute sono solo 83, mentre le Serie 3 vendute in tutto sono 816, ma di queste la SW ha venduto 657 unità, quindi la Serie 3 berlina ha venduto 159 unità. Quindi questo dimostra senza ombra di dubbio che le berline nel segmento D premium, almeno in Italia, praticamente non le vuole nessuno (al massimo in tutto con la Giulia siamo intorno alle 1000 unità), ma è una tendenza di tutta l’Europa, il che rende irrealistico l’obiettivo di 100.000 Giulia vendute l’anno. Se in Italia se ne riuscissero a vendere 10.000 unità sarebbe già tanto, altrettante in Europa sarebbe un miracolo (guardate i dati di vendita di alfa in Germania e Francia e vi renderete conto che è difficile), altre 10.000 unità in Usa sarebbe già un altro miracolo visto che le berline non si vendono più in Usa, visto il flop della Chrysler 200, e il calo di vendite delle Dodge, poi altre 10.000 in Cina dove l’Alfa non è ancora venduta, sarebbe un altro miraggio, poiche già il tentativo di vendere la Fiat Viaggio è stato un flop e se ne vendono pochissime. Quindi nella migliore delle ipotesi 40.000 unità l’anno. Questo dimostra come una versione Sw sia indispensabile e verrà probabilmente lanciata nel 2017 dopo lo Stelvio. Quindi le vendite si concentrano sulla SW, e mi spiace per Umberto ma non sono auto della spesa, ma auto richieste dal mercato e la Bmw le produce, la Mercedes le produce e quindi sarebbe saggio che le producesse anche l’Alfa Romeo. E’ chiaro che i vertici FCA ritengono di riuscire a orientare la domanda di Sw sul Suv, che dovrebbe essere più sportivo, con una linea laterale spiovente stile Porche Macan, tipo X6 etc. Non resta che aspettare i risultati di vendita per vedere se questa filosofia è corretta. Cmq non si può escludere che in futuro, una volta avviato il piano di rilancio non arrivi una versione SportWagon visti i bassi costi di sviluppo.

    • umberto

      per carità non ti dispiacere per me rimangono sempre auto della spesa, dopodichè la tua analisi è molto precisa e dimostra che vi è un mercato ben disponibile per la Giulia. Vedi i dati di vendita dimostrano chiaramente che la linea bmw e vecchia, che le audi berlina fanno pietà tanto sono brutte e quindi inserire una berlina come la Giulia è sicuramente positivo. La dimostrazione l’abbiamo proprio dai dati di vendita da te citati, le berline straniere sono 242, Giulia 762! Dopodiché il mercato spinge sempre di più verso i suv, quindi, a mio parere, è più logico investire su quelli che su una sw.
      Per quanto riguarda le vendite future lo vedremo con il tempo, le analisi oggi sono premature sia in positivo che in negativo.

  • Des Troyer

    Sarà che sono un tantino prevenuto nei confronti dei SUV (è più forte di me, proprio non li sopporto), ma una Giulia Sportwagon con i 2 scarichi posteriori tipo 159 SW, cerchi da 18/19, colore ROSSO COMPETIZIONE con minigonne, tetto e montanti dei finestrini NERI, bella, massiccia ed imponente, pagherei oro per averla! Altro che Tiguan!