Fiat Punto nuova generazione: le parole di Altavilla creano qualche speranza

Nuova Fiat Punto
Fiat Punto muova generazione: render di Automotive JTDesign

Fiat Punto nuova generazione rappresenta un sogno per molti appassionati della principale casa automobilistica italiana, che si augurano vivamente di vedere, nel futuro prossimo del brand di Fca, un nuovo modello di un veicolo che ha fatto la storia recente della casa italiana. A lungo si è discusso sulla possibilità reale che questo sogno si possa tramutare in realtà.  Per un lungo periodo si era pensato che la Punto attuale sarebbe stata sostituita da una Fiat 500 a 5 porte, successivamente questa ipotesi è tramontata, quando i dirigenti di FCA hanno smentito queste voci. Alcune foto spia del presunto muletto camuffato di Fiat Punto nuova generazione, scattate in Brasile, avevano fatto ipotizzare a tanti che questa possibilità non fosse così remota.

Da Parigi si torna a parlare di Fiat Punto nuova generazione

Tuttavia nei mesi scorsi il numero uno di Fiat Chrysler, l’amministratore delegato Sergio Marchionne, si è affrettato a ribadire che un nuovo modello in quel segmento di mercato non sarebbe arrivato per motivi di opportunità economica. Infatti le condizioni di mercato attuali sconsigliano investimenti nel breve periodo in quel settore del mercato auto, questo almeno secondo le parole del numero uno di FCA. Adesso però dobbiamo segnalare che da Parigi, Alfredo Altavilla, importante dirigente del gruppo italo americano è tornato a parlare di Fiat Punto nuova generazione. 

Altavilla lascia aperto uno spiraglio

Parlando della possibilità di un’erede per l’attuale Fiat Punto, Alfredo Altavilla, oggi nel corso di un’intervista rilasciata alla stampa specializzata ha dichiarato: “Bisogna fare ragionamenti pragmatici e vedere se i soldi che s’investono in nuovi modelli poi tornano effettivamente a casa”. Le parole ribadiscono quanto detto da Sergio Marchionne negli scorsi mesi, tuttavia lasciano aperto uno spiraglio, a differenza di quanto invece dichiarato dall’amministratore delegato, che aveva totalmente chiuso a questa eventualità. Questo fa capire che in FCA il dibattito sulla possibilità di produrre in futuro una Fiat Punto nuova generazione è più aperto che mai.

Fiat Punto nuova generazione
Fiat Punto nuova generazione render by Laco design

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia e Fiat Tipo: la soddisfazione di Alfredo Altavilla

Il dibattito in FCA è più aperto che mai

Fonti interne al gruppo italo americano infatti affermano che al momento tra i dirigenti della principale casa italiana ci sarebbe una divisione tra coloro i quali ritengono che fare uscire una Fiat Punto nuova generazione non sarebbe conveniente per le casse di Fiat e chi invece sostiene che il lancio di un modello di questo tipo finirebbe per rappresentare un vero e proprio shock per il mercato auto soprattutto per quello che riguarda il nostro paese dove da sempre questo modello è tra i più amati e venduti dell’intero settore.
  • Blackimp

    sarebbe una hatchback molto funzionale come purtroppo la Giulietta non è. Se poi mettessero anche dei motori benzina e non di dimensioni decenti sarebbe perfetta. Il difetto di molte 2 volumi di oggi è ,perché si vuole farle con un profilo areodinamico migliore, la ridotta altezza del soffitto per i passeggeri di dietro e il ridotto bagagliaio. L’unica macchina che non segue questo trend a scapito anche dell’eleganza è la Golf che in effetti ha un sacco di spazio in più delle altre. La Giulietta sta bene che sia una via di mezzo ma è una delle più lunghe, il che non ha senso.
    Un punto grandicella, pensata più per questi aspetti, con un po’ di cavalli sarebbe un’ottima due volumi.

    • ILKönz

      Sì ma Golf e compagnia sono auto di segmento C.
      Dalle hatchback di segmento B non è che puoi aspettarti dimensioni di bagagliaio enormi…comunque la Fabia, la Jazz, la 208 superano già i 300 litri là dietro, e direi che sono capacità di tutto rispetto per la categoria, parliamo pur sempre di automobili lunghe 4 metri scarsi…
      Sui motori benzina c’è poco da sperare, la mania del downsizing turbocompresso con la scusa dell’efficienza ormai dilaga ovunque, anche se proprio ieri ho buttato un occhio sul video di presentazione della nuova i30 a Parigi e si parlava di un inedito 1.4 aspirato sopra i 100 CV. Soltanto che, appunto, è una i30, quindi si va di nuovo dalle parti della Golf…

      • naja

        interessante che anche Hyundai resti, almeno in parte, sugli aspirati.
        questo 1.4 é stato annunciato piú o meno ufficialmente, o si parlava di un futuro piú lontano?
        sarebbe ottimo, giá sono contento che Mazda abbia sviluppato gli SkyActive, e vedremo se l’Infiniti a compressione variabile arriverá anche come aspirato, come presunto da qualcuno.
        niente contro i turbo per se stessi, ma dove ci stanno, eresie come sostituire il 6 in llinea col 4 cilindri turbo alla BMW non dovrebbero succedere.

        per la Punto, vedremo, certo sará molto improbabile vedere un erede nei prossimi tempi, ma io ritengo molto pericoloso per la Fiat lasciare questo spazio alla concorrenza, dopotutto la Punto é stata per anni di fila l’ auto piú venduta in Europa, ma son cose che la clientela dimentica velocemente, e ritornare nel segmento diventerá sempre piú difficile.

      • Blackimp

        turbocompresso mi va benissimo, elimina il problema della orribile curva della coppia degli aspirati. il problema sono le dimensioni e la potenza. motorini da 95 cv o cose del genere non si possono vedere. comunque ho sbagliato io non ricordando che la punto era di un segmento più piccolo. ho guardato il rendering di copertina e ho pensato al segmento c. in pratica manca una bravo.

        • naja

          come, manca una Bravo?
          la Tipo é di segmento C…

          • Blackimp

            ma è enorme per essere del segmento C

            • naja

              certo, sicuramente non é piccola, ma sono “solo” 4.35 m, 10 cm piú di una Golf, 308 o Giulietta, 5 cm piú di una Classe A, ma per esempio 10 cm meno della Mazda 3, che dovrebbe essere, mi sembra, la piú grande del segmento.
              la tre volumi ha 4.55 m, 10 cm piú della A3 limousine, o della serie 2 coupé, la familiare é grande quanto la Golf Variant, anche sui 4.55, sono le dimensioni che aveva il segmento D fino a un paio di generazioni fa, ma ogni segmento cresce di continuo.
              la A4 attuale é lunga 4.72 m, la serie 3 4.62 m, la Giulia 4.64, la Passat, che sta un po’ con un piede nel segmento E, ha 4.86 m!
              e anche il segmento B supera ormai spesso i 4 m (Corsa, MiTo) o ci si avvicina (Polo).

              • Blackimp

                la tipo non è una hatchback vera è una lunga in versione 5 porte ma è anomala come tipica due volumi. è stata semplicemente mozzata. anche la Giulietta è 4.35 m ma è molto meno spaziosa dietro proprio perché non è stata ottenuta da una 3 volumi mozzata. non ha neanche i motori di una 2 volumi un filo brillante, non dico sportiva. mah

                • naja

                  certo, anche la Mazda 3 é una due volumi allungata, ma la Tipo é riuscita meglio…
                  mozzata o no, é semplicemente stata fatta con un po’ di testa, e con l’ accento sull’ abitabilitá.
                  la Giulietta basa ancora su una versione parecchio piú vecchia dello stesso pianale, se non erro piú corto e stretto, e doveva essere soprattutto bella e sportiva, lo spazio dietro non era importante, e comunque, non é che si sieda cosí sacrificati, direi, se non si é grossi due metri.
                  i motori, sí, ovviamente, per quanto il 1750 faccia il suo lavoro bene, ovviamente fa sorridere, oggi che una Classe A ha 380 CV…
                  ma non ci sono alternative da FCA, i motori piú potenti sono per la trazione posteriore, e sarebbe assolutamente assurdo andare a strizzare ‘sto povero motorino, come fanno da Mercedes…
                  sará interessante vedere che ci fanno, con la Giulietta, se continua a venir costruita sulla stessa base, non sarebbe male che FCA modifichi il 2.0 da 280 CV per la trazione anteriore, se possibile, ci starebbe bene anche in altri modelli del gruppo.

  • Des Troyer

    La Fiat Punto nuova generazione rappresenta “un sogno”? Il bravo Andrea Senatore, autore del suddetto articolo, dovrebbe smetterla di fumarsi le ortensie piantate in balcone.

    • gaetano il mio cognome

      vero cazzo, meglio l’audi a1…………

      • Des Troyer

        “Meglio l’Audi A1”? Ma de che?

      • Maurizio Liccardo

        state fuori, che ca**o di sogni sono!? punto, quel cesso di a1… ma andate a… ca**re

    • Maurizio Liccardo

      Ma infatti che cavolo di sogno è!

  • Matteo

    Praticamente questi rendering sono la vecchia punto con la calandra e i gruppi ottici ispirati alla tipo. Un ragionamento che non fa una piega…

  • naja

    é veramente un peccato, ma dubito fortemente che per il momento sia possibile che arrivi un’erede della Punto.
    é una questione di costi, di una segmento B bisogna costruirne e venderne parecchie, per poterci guadagnare qualcosa, ma questo implica investimenti non indifferenti, e ‘sti soldi non ci sono, per adesso.
    anche come tecnica, il B-wide é troppo caro, il pianale della Tipo troppo pesante, penso che una Punto diventi possibile appena nel momento in cui si rifá la Panda, chissá, forse arriva un pianale un po’ modulare, e che non costa tanto.

  • PIERANGELO FAE

    date il mio numero ad Altavilla…

  • 1cr

    secondo me FCA dovrebbe fare un nuovo modello di ingresso biposto a 3 ruote molto simile a Elio Motors magari comprandosela come organizzazione, aggiungendo alcune caratteristiche sterzanti posteriori simili alla Dymaxion di Fuller, poi ancora potrebbe prendere spunto da quanto già sviluppato da Piaggio e Puegeot nei 3 ruote tipo MP3… montare un sistema GNU+Linux invece che microsoft e navigazione Navtec/Garmin invece che teleatlas… una joint-venture italo americana… per un tre ruote global car… anti smart fortwo.

    • naja

      a una macchinetta del genere ci penso anch’ io, e giá da parecchio tempo, soprattutto in collaborazione con la Piaggio, che non capisco perché non produca niente di simile giá da sola, avendo per esempio giá Ape, Porter ecc in programma.
      lo Smart ha avuto un successo incredibile, soprattutto in Italia, anche se specialmente la prima serie era piuttosto un cesso con le ruote che un’ auto…
      eppure, solo Toyota ha avuto l’ idea di farci concorrenza, con ‘sto orrendo IQ, copiato, e male, dallo Smart, e ancora piú caro, non si capisce…
      da quando Renault vende il Twizy mi chiedo ancora di piú se Piaggio dorme, ma non so come funzionano le leggi nei diversi paesi europei, il Twizy é fatto su misura per questa legge francese che prevede appunto ‘ste minicars, da quello che ho capito, qui in Germania per esempio avrebbe il Twizy una velocitá limitata a 25 km/h, il che non avrebbe senso, ovviamente.
      anche Fiat ha una tradizione a cui potersi riferire, nelle auto microscopiche, e la 500 attuale é cosí “grande”, che lascerebbe senza problemi spazio per una due posti al di sotto, cosí avrebbe anche un po’ piú senso il due cilindri.
      peró penso che in America un cosino del genere non abbia nessuna speranza, lí mi potrei immaginare piuttosto un monoposto, qualcosa di piccolo, essenziale, si ricorda ancora qualcuno del Sinclair C5 di trent’ anni fa?

      • 1cr

        Piaggio… l’ho tirata in ballo perchè l’MP3 di fatto lo ha sfornato, con l’ape all’epoca ha fatto numeri, quando erano gente seria, hanno anche un comparto aeronautico… oggi sono ascrivibili alla voce “politicizzati”, mi riferisco in particolare al fatto che fanno i ricamini sulle scocche in alluminio sulle felpe e i gadget ma non fanno innovazione sostanziale, vendono più marketing che prodotto, non hanno NIENTE di elettrico tranne il calessino ape e il porter da infilare in qualche deposito di qualche amministrazione compiacente a prendere polvere come le vecchie panda elettra anni 90… è pure fatto male, che forse forse il V27 della DFSK cinese se lo mangia.
        Si sono rimessi a fare il vespone PX riesumandolo dal fine produzione dopo che hanno visto che gli indiani della LML facevano la STAR meglio di loro e uscivano a 1000 euro in meno qua da noi… senza considerare il nulla totale nello scooter elettrico che nelle moto e negli scooter a livello cittadino e trasporto locale oggi ha più senso che mai, citando ad esempio BRAMMO, Stealth electric Cycles, GREYP, MAXUS, ZERO, e la italiana OXYGEN,…
        Fiat, nonostante tutto, mi da l’idea, nonostante tutto ancora (lo ripeto), di essere un tantino più seria… e ricettiva degli input.

        • 1cr

          Il Sinclair C5 è abbastanza improponibile.
          Voglio dire che si fa prima a prendere una velomobile tipo Orca o Sinner Mango elettrica… sembra uno Stallion in miniatura. Nei tre ruote Dymaxion, Carver1 e cugino Linx, Sam, Veeco, Campagna, Alias, sono dei “reverse trike” il migliore attualmente mi sembra quello di Eliomotor… vuole venderlo a 6800$

          • naja

            ooh, non sapevo che la Piaggio si fosse ridicolizzata cosí…
            io avevo la Piaggio in mente per via di Ape e Porter, ed un prototipo che avevano presentato che ne so, piú di vent’ anni fa, praticamente un’ Ape a quattro ruote, chiusa dietro l’ asse posteriore, non so piú che nome aveva, ma evidentemente non l’hanno prodotto…
            ma alla ricerca dei tre ruote che Lei ha elencato, di cui ne conoscevo neanche la metá, ho scoperto che la Piaggio ha presentato ‘sto NT3, che é piú meno quello a cui pensavo anch’ io, cioé la versione intelligente dello Smart, tre posti, leggero, motore da scooter con l’ ibrido, che ormai andrebbe meglio solo elettrico…
            ma dopo mezz’ ora di ricerca, non ho ancora ben capito perché di ‘sto coso si parla da ormai sei anni, se viene costruito o no, se solo per l’ India, o se non se ne fa niente…
            o l’ altro estremo, che secondo me avrebbe anche senso, qualcosa di mezzo tra Twizy, che per una persona sola é giá troppo grande, e appunto un’ Orca o Sinclair (che avevo preso in considerazione solo perché giá trent’ anni fa qualcuno aveva pensato a qualcosa di piccolo e poco costoso), ma senza pedali, il piú piccolo possibile, ma (mezzo) chiuso e con un minimo di comoditá, senza pretendere di voler essere un’ auto.
            mi sembra la Honda aveva presentato, anni fa, praticamente una poltrona reclinabile, chiusa con una calotta di policarbonato, e con le ruote, da manovrare con un joystick, per la cittá sarebbe perfetto.
            i Carver e simili (esiste ancora la Dymaxion???) per conto mio hanno senso solo per divertirsi, visto che alla fine ingombrano quanto un’ utlitaria, anche se offrono al massimo spazio per due, e le prestazioni sono di solito molto piú alte che solo per l’ uso cittadino.
            e con queste dimensioni e prestazioni le tre ruote non hanno piú senso, a parte per il Carver, che peró costa definitivamente piú che troppo…

            • 1cr

              Costo e Prezzo non sono mai la stessa cosa.
              Le aziende lavorano per fare il margine e per gli utili, non vendono costi industriali applicando un’aliquota fissa, si mettono in tasca tutto ciò che riescono e fanno il conto alla fine del ciclo di vita di un prodotto…
              Quanto sei disposto a investire per avere le utilità che una cosa ti offre è l’intorno matematico del prezzo che ti proporranno indipendentemente dal costo di fabbricazione.
              Quando il prodotto è inflazionato dalla sua storia industriale ecco che ne finisce la produzione per fare spazio a qualcosa che torni a offrire margini.
              Esempio, la vecchia panda lanciata a circa 3000000 di lire evolvendosi con la fine della lira veniva venduta a circa 10000000 che poi rif e raf diventarono 10000 euri con gli stampi i progetti le linee di produzione oramai più che ammortizzati degli ultimi esemplari… E’ una dinamica comprensibile.
              Così come è comprensibile che le strade e i parcheggi sono più lunghi che larghi da percorrere e che una sagoma affusolata consuma meno e inquina meno per lo stesso tragitto spostando meno aria inutilmente…
              Io un Eliomotor come il P5 fatto di componenti standard metrici da FCA a 6800€ lo comprerei… FCA “gatto” che si mangia la “topolino”.
              Secondo me, tuttavia, gli va implementato l’aspetto sterzante posteriore di Fuller proprio per l’aspetto delle manovre cittadine (qualcosa analogo lo ha renault)… magari un bel 1000 fire o un 1.3 mtj… e domani elettrico…

              • naja

                sí, ovvio che costo e prezzo sono due mondi diversi, non capisco peró che abbia a che fare questo, con quello di cui stavamo parlando…
                ma seguendo proprio questo discorso, dovrebbe essere chiaro che, se FCA costruisse un Elio, non potrebbe venderlo in nessun caso al prezzo che chiede Eliomotors, appunto per questioni di costi, che devono venir ammortizzati.
                non é neanche un problema di tecnica, l’ Elio sembra proprio ben pensato e ben fatto, il “problema” é il concetto, che va forse (!) bene per un costruttore di nicchia per il pubblico americano, ma é quasi inpensabile per l’ Europa, qui é raro che uno si debba fare 100 km di highway per andare a lavorare, ma é cosa di ogni giorno che si giri mezz’ ora o piú per trovare un parcheggio, quindi, due posti per 4 metri di lunghezza (!) non fanno per niente al caso nostro.
                per lo stesso prezzo (che chiederebbe FCA), il 99% dei clienti si continuerebbe a prendere la Panda, con 4 posti comodi e un po’ di bagagliaio.
                o, per due posti, il 99% dei clienti si prenderebbe lo Smart, per via del metro e mezzo di lunghezza in meno.
                o, per due posti e 4 metri, il 99% si prenderebbe una MX/5 o 124, che costa sí molto di piú, ma offre anche molto di piú in tutti i sensi, a parte nei consumi.
                non é un caso che lo Smart si continua a vendere benissimo, mentre Elio e storie tese 🙂 simili non ingranano, anche se esistono ormai da decenni.
                …ma proprio parecchi decenni, il Messerschmitt aveva un concetto pressoché identico, 65 anni fa (!), e non é un caso che nessun costruttore abbia ripreso questo concetto, a parte quel paio di VW e Audi, o con prezzo allucinante e a numero limitatissimo, o che resteranno prototipi.
                (sarebbe un’ occasione perfetta per continuare a inveire sul mio “amatissimo” gruppo VW, ma lasciamo perdere stavolta…)
                Elio e simili continueranno a restare prodotti di nicchia piccolissima, in Europa, eventualmente per un paio di pendolari, ma piú che altro per divertirsi o per farsi vedere.
                …mentre lo Smart si vende anche negli USA…
                ricordo anche che, nonostante tutti parlino di inquinamento, e tutti i costruttori parlino di peso, aerodinamica, consumi ecc, le auto continuano a diventare sempre piú grosse e pesanti, e il tipico sig. Rossi si compra sempre piú spesso il SUV, non l’ Elio…
                per cui, io resto dell’ idea che gli unici concetti che potrebbero funzionare sarebbero o uno Smart/Twizy, piú semplice e meno costoso, nonché un po’ piú intelligente dello Smart, ma non so appunto com’ é la legislatura, se fosse possibile e avesse senso costruire una minicar, o qualcosa di veramente piccolo e facile, solo per una persona, solo per la cittá, la sedia a rotelle coperta insomma.
                …oddio, la sedia elettrica… :-)))

                • 1cr

                  constato come te molti punti ma divergo totalmente nelle tesi finali.
                  Innovazione, progresso per i molti DEVE essere fatto secondo me, non nicchia per pochi illuminati, anche gli stupidi e i tardi di mente che oggi comprano i suv e gli Hummer con la mitragliatrice per girare nella zona C di Milano devono essere forzati a comportarsi con intelligenza dal contesto industriale… sono positivista in questo, nonostante il paradosso dei costi e le speculazioni ovvie. Sta bene che qualcuno ci guadagni, ma penso che va fatta LA COSA GIUSTA.
                  Esempio panda: 1980-2003 fine prod. 4500000esemplari : costi ammortizzati, la prima costava 3milioni di lire l’ultima 10000 euri circa 20milioni… eppure i costi fissi sono stati annichiliti dalle economie di scala… il prezzo, dunque, segue il margine mercantile fattibile, mai strettamente i costi di produzione che pure lo compongono, questa è la mia tesi.

                  Eliomotors dice che con 6800 dollari si può fare, io gli credo ma FCA… ,invece, è possibile che ragioni così… per un’auto nuova una famiglia spende circa 10000 l’FCA “gatto” lo vendo a 9999,99 e con il finanziamento della mia banca e le gabole delle mie assicurazioni in 3,5 anni arrivo a scucirgli 13000 senza il business assistenza.

                  Invece io voglio che Marchionne leggendoci ragioni così: Nessuno lo ha ancora fatto sul mercato globale tranne smart e qualche coupè… ed eliomotor.
                  Mi compro eliomotor e produco nei miei stabilimenti con componenti già maturi tipo il 1000fire o il 900 twinair propongo con la mia rete e il mio marketing l’idea che è alternativa e originale, la struttura industriale per farla nei grandi numeri c’è e mi prendo per primo tutta una nicchia di mercato oggi inesistente di scooteristi, di bmwC2isti benelli ecc smartisti e traccheggio ancora un po’ sull’auto elettrica… Perchè non poterbbe funzionare? PS. il P5 ha il baule che visto l’andamanto in crescita degli acquisti on-line serve sempre meno.
                  Aggiungo ancora che in Italia i carburanti costano una follia rispetto agli USA.e ripeto che l’auto molto corta non serve a niente perchè anche la smart non si parcheggia di traverso ma guidandola beve circa come la panda o un’altra auto.

                  • naja

                    ahiahiahi, adesso mi tocca scrivere un romanzo pseudofilosofico-politico…
                    allora, prima di tutto, finiamola con ‘ste storie tra auto e inquinamento, né Elio, né le storie tese, né la Prius, né Tesla salveranno il mondo.
                    a livello mondiale il traffico su ruote, compreso tutto dappertutto, quindi i V8 americani, i camion giganteschi che si portano via gli alberoni dall’ Amazzonia, le Land Rover di 30 anni fa nel Sahara, le Lada di quarant’ anni fa in Russia e vicini, il risció a due tempi in Asia, ecc, ecc, ecc, ecc, ecc, produce poco piú del 10% (mi sembra 12) dell’ inquinamento atmosferico globale.
                    quindi, se domani di colpo tutto il traffico su ruote europeo diventasse elettrico, sarebbe un miglioramento dell’ inquinamento globale di…
                    tadaaaa…
                    …0.015 % (zerovirgolazeroquindicipercento), quindi é un po’ esagerato condannare a priori, o sbeffeggiare e insultare chi si compra il SUV, o sentirsi come gli unici intelligenti al mondo se si guida Elio, Prius, Tesla o che ne so… parlare della “cosa giusta” e poi comportarsi cosí arrogante e con i paraocchi non aiuterá sicuramente la sua causa.
                    e finché la produzione di una maglietta consuma tanta acqua, quanta basterebbe a una famiglia intera per un mese, finché ci mangiamo l’ avocado che fa fuori foreste e popoli interi, i fagiolini dall’ Uganda e le fragole a Natale, finché ci compriamo ogni anno un nuovo telefonino, le cui terre rare vengono estratte da bambini in condizioni disumane, finché compriamo tutto dove costa meno, senza pensare a cosa significa, e altri 345mila ecc, finché é cosí bisognerebbe vergognarsi di parlare della “cosa giusta” parlando di consumi di un’ auto, per le nostre comoditá distruggiamo il mondo e i suoi abitanti, noi “civilizzati” occidentali.
                    mi tengo indietro con la mia opinione su quelli che pensano di dover indottrinare gli altri, perché in teoria risparmiano un po’ di benzina, e pensano per questo di essere meglio degli altri, o gli unici che hanno capito tutto, e fanno “la cosa giusta”, altrimenti vengo arrestato.
                    maaaaamma miiiiaaaa…………..
                    …e adesso una bella camomilla, e back to topic.
                    la maggiorparte di quelli che si comprano un SUV lo fanno non per accelerare la fine del mondo, ma per la comoditá nell’ entrare e uscire dall’ auto, per la visibilitá molto migliore, per lo spazio interno (anche se in un van ce n’ é di piú), e il resto é psicologia, qualcuno ce l’ ha piccolo, ma ha la schiena troppo in malora per sdraiarsi nella Ferrari, qualcun’ altro preferisce scaricare le aggressioni facendo paura alla signora nella Panda che sta davanti invece di uccidere il datore di lavoro, e la maggiorparte si gode semplicemente il senso naturale di sicurezza, e di avere tutto sotto controllo, che dá il posto di guida elevato.
                    sono d’ accordissimo che il mondo é pieno di deficenti, e sicuramente tanti si comprano il SUV semplicemente perché é in moda, ma nessuno é automaticamente deficente perché guida un SUV, e nessuno é automaticamente intelligente se guida quacos’ altro.
                    anzi, se uno pensa di aver capito tutto perché guida il contrario… va be’, lasciamo perdere…
                    allora, il risparmio nei consumi guidando un Elio é sí elevato, ma solo a velocitá piú elevate, dove l’ aerodinamica é piú importante, e questo (perlomeno ancora) non interessa a nessuno, soprattutto in Europa, dove i consumi in cittá di una segmento C ( con cinque posti e 8 volte tanto di bagagliaio, e tutto il resto) sono pari ormai a quelli di un’ Elio.
                    o, per meglio dire, i lati negativi sono per la maggiorparte dei clienti maggiori di quelli positivi.
                    e di lati positivi, oltre al consumo (e prezzo, finché non lo vuole nessuno) minore, l’ Elio non ne ha.
                    gli ingombri sono pari a un’ auto con quattro posti, é basso come un’ auto sportiva, una sola ruota motrice é ovviamente in grado di sostenere la metá delle forze di due, quindi stabilitá, tenuta di strada ecc sono nettamente minori, due posti in tandem vuol dire mai vedere in faccia colui con cui si parla (se é poi possibile, non so com’ é l’ acustica), e il prezzo bassissimo é soprattutto dovuto all’ assenza, praticamente, di qualunque dotazione, che qualsiasi utilitaria offre di serie, l’ utilitaria senza, o l’ Elio con, costerebbero piú o meno uguale.
                    e ancora non capisco cosa dovrebbero spiegare le storie di costi, prezzi, speculazioni ecc, é il concetto che non funziona, almeno, o direi soprattutto, per l’ Europa, quindi i pensieri sui soldi non se li fa nessuno dei costruttori di automobili.
                    evidentemente, non è la mia opinione, come detto, il concetto esiste giá da 65 anni, e non ha mai avuto successo.
                    quindi, mi dispiace, ma a Marchionne non interessa assolutamente niente cosa Lei vorrebbe da lui, anch’ io vorrei che mi regali una Ferrari…
                    certo che le strutture industriali giá ci sono, e non solo da FCA, e che in 65 anni nessuno abbia avuto l’ idea di usare queste strutture per produrre un Elio vuol dire che non ha senso, direi.
                    la nicchia di cui Lei sogna é fatta da pezzi di altre nicchie, che ognuna per sé offre vantaggi che un Elio non puó offrire, anzi, un Elio offre gli svantaggi delle altre nicchie riuniti.
                    e dire che il baule serve sempre meno per via degli online shops é un’ altro sogno, o piuttosto alibi, difatti tutte le auto moderne sono senza baule, no?
                    come quello che l’ auto corta non serve a niente, perché allora va lo Smart cosí bene?
                    è carissimo, la prima generazione aveva una tecnica da schifo, dall’ inizio del cambio a singhiozzo automatico alla fine del test dell’ alce, consuma troppo, ecc ecc.
                    o formulo la domanda diversamente, perché la Panda allora non é lunga cinque metri e mezzo?
                    sogno io, o forse, accanto al marciapiede, dove ci stanno tre Elio, ci passano cinque Smart?
                    Lei vive e lavora in periferia o in campagna, evidentemente, o viaggia con mezzi pubblici o bicicletta, altrimenti non direbbe eresie del genere.
                    un consiglio da parte mia, prima di convincersi di qualcosa, resti aperto per altre opinioni, e ponderi anche quelle, invece di cominciare a insultare, potrebbe anche essere che Lei non abbia sempre ragione, ci ha mai pensato?
                    …e io che pensavo si potesse instaurare una discussione intelligente…

                    • 1cr

                      In Italia circa il 73% di quanto si spende in 10 anni immatricolazione-demolizione per un’auto sono imposte, tasse e oneri.
                      Il suv, questo carrozzone spesso si prende in locazione per scaricare i canoni dalle tasse della propria azienda pasteggiando sui mancati contributi ai dipendenti coi vaucher…
                      L’auto, e gli incidenti che produce è una delle principali cause di morte e di infortunio permanente.
                      Eliomotor no, certo che non salva il mondo, come non lo salva la Bluecar ex-B0, il ModelS o la Leaf, per il momento è uno dei tanti palliativi transitori alla questione, domani arriverà il teletrasporto tipo quello di Startrek… Tra un Bosone e l’altro si sta lavorando anche su questo.
                      OBBLIGARE LA COSA GIUSTA è arrogante, vero.
                      Un’auto verniciata di nero arriva ad una temperatura di 80°, ha maggiori consumi per via del A/C sempre accesa, animali e persone dimenticate al suo interno muoiono, le plastiche e le colle di montaggio invecchiano più velocemente, richiede spesso più costi e cure per la manutenzione e più chimica per i lavaggi per essere presentabile…
                      Credo che capirei una casa automobilistica che dice di pensare alle persone e produce solo auto dalle tinte chiare magari trattate nanotecnologicamente perchè non vada lavata spesso come le vetrate al titanio di alcuni palazzi.
                      LA COSA GIUSTA?
                      C’è quello che dice che l’auto deve essere nera perchè è elegante, anzi rinforza la sua tesi dicendo che la vera auto è solo nera…
                      C’è quello che dice, no l’auto elettrica no perchè mi piace sentire il rumore del motore, C’è quello che dice che il cambio lo vuole sentire in mano,
                      C’è quello che no il cruise control gli fa paura…
                      La cosa giusta … e dai che lo sai anche tu, è la punta dello stronzo, ma non si dice.
                      Invece è politicamente corretto sentire stronzate così… o che le auto regalano emozioni, o che compongono la personalità delle persone…
                      Nulla cambia se continuiamo a fare le stesse cose aspettandoci un risultato diverso.
                      La tecnologia mette a punto soluzioni, ma è l’industria che ce le offre a disposizione e che dovrebbe educare e prevenire scelte irrazionali.
                      La cosa veramente bella della panda se l’hai mai guidata nel traffico non è che è corta per parcheggiarla, (anche questo talvolta) ma che fa 1,60m da uno specchietto all’altro e i passaggi stretti, le manovre complicate sono più agevoli.
                      Nonostante questo, in città come Milano Genova, Roma, quelle della riviera romagnola e dove il clima lo consente spesso gli scooteroni, i C2,i Tmax… sostituiscono l’auto o una delle auto necessarie alla famiglia. Auto Necessarie perchè lo stato ha voluto e creato le condizioni per cui lo fossero, necessarie.
                      Nel 2016 come milioni d’anni fa nasciamo nudi, totalmente ignoranti e indifesi, siamo dove siamo oggi per un insieme di prove e di errori. Penso che tra generazioni ci possiamo trasmettere conoscenze ed esperienze per evitare gli errori più grossolani e progredire.

                    • naja

                      mi dispiace che rispondo appena adesso, non ho spesso tempo per i miei romanzi, e non voglio solo buttar giú due righe qualunque.
                      …e sono quasi sconvolto a vedere che sottosopra di risposta mi ritrovo, fortuna che ho avuto tempo di rilassarmi…
                      non per offenderla, ma che ca**o sta cercando di dire???
                      …vago il tentativo di un riassunto, con commento diretto, visto che un filo conduttore, o un paio di posizioni chiare, non li trovo…:

                      allora, le tasse son molto alte, quindi chi compra un SUV non paga i contributi ai dipendenti (ovvio, e chi guida Mitsubishi ha gli occhi verdi), ma l’ auto é pericolosa (ah, grazie dell’ avviso, non lo potevo immaginare, morde? …o forse chi guida Elio ha meno incidenti? ha l’ angelo custode di serie?).
                      Elio non salva il mondo, ma é l’ unica realtá possibile, tutto il resto é fantascienza (e il mondo é piatto).
                      “OBBLIGARE LA COSA GIUSTA è arrogante, vero.” (eh, appunto… o no, meglio, non prendere in considerazione che ci possano essere altre possibilitá, oltre ad aver ragione, questo é arrogante. pensare di dover non solo indottrinare gli altri, ma addirittura di obbligarli a seguire la propria religione é terrorismo)
                      l’ auto nera si scalda, quindi si devono guidare solo auto chiare. (e chi vuole un’ auto nera, al muro, e subito! puó essere solamente pazzo e pericoloso, anche i carri funebri sono tutti della malavita, che altro? oddio, e tutti i carabinieri??? son vestiti di nero, anche se le auto sono blu, é sicuramente un complotto dei marziani…)
                      “LA COSA GIUSTA?” (???)
                      gusti son gusti, quindi la cosa giusta é la punta dello stronzo… (potrei piú o meno capire cosa intende, se non fosse che proprio Lei stesso ha tirato in ballo “la cosa giusta” che deve venire imposta a tutti, e Lei stesso vorrebbe impedire ai clienti di seguire i propri gusti, perché Lei ha deciso che ci sono cose piú importanti)
                      “Invece è politicamente corretto sentire stronzate così… o che le auto regalano emozioni, o che compongono la personalità delle persone…”
                      (eeehhhh??? stronzate “cosí” come? in un foro di appassionati di una marca automobilistica, Lei si azzarda a dire che un’ auto non suscita emozioni??? oooooookaaaayyyy… poi, con ‘ste personalitá composte, da che, dalle auto??? …non so eh, ma mi sa che Lei ha visto troppi film dei Transformers…).
                      bisogna cambiare per forza, anche se in peggio e senza bisogno (certo, Lei ha bisogno dell’ Elio, ok, buon divertimento, gli altri no, ma anche loro hanno il diritto a una propria opinione, e a non dover accettare il parere di altri come dottrina assoluta), l’ industria non é che esista giá da sempre e per principio quasi solo per far soldi, ma dovrebbe tornare ad essere quello che é in realtá, cioé esempio perfetto di etica e morale (eeeeeehhhh??? di industria ce n’ é cosí tanta, non ci servono piú né scuole né chiese, vero? ma che droghe si prende? nemmeno a preti, politici e insegnanti interessano etica e morale, almeno l’ industria lo dice apertamente, e da sempre, che vuole solo soldi e potere, il capitalismo che stiamo sempre piú vivendo é proprio il nemico principale di etica e morale, per chi non se n’ é accorto ancora).
                      la Panda é divertente perché non é larga (quindi, deduco, l’ Elio é altrettanto divertente perché 20 cm piú largo? o molto piú divertente di un’ auto, perché altrettanto largo? …sssssiiiii, una logica mooolto stringente…).
                      nonostante questo (questo che?), tanti si comprano un due ruote, per sostituire un’ auto (certo, ovvio, se possibile, e allora? un Elio non offre praticamente nessuno dei vantaggi di un qualsiasi due ruote, quindi nessuno comprerebbe un Elio invece di uno scooter/moto/motorino), che peró resta necessaria perché lo stato cosí vuole (eeh? cosa intende, che lo stato stesso ha iniziato un complotto per boicottare l’ Elio?), nessuno nasce maestro (no, ma un nano diventerá difficilmente un giocatore di pallacanestro – se non in un campionato per, o una squadra di nani – , per quanto possa imparare), bisogna fare esperienza e tramandarla (certo, esperienza, da non confondere con pareri, soprattutto se tutt’ altro che obiettivi).

                      non so se ha scritto questo commento in sanscrito, e l’ ha fatto poi tradurre da qualche concorrente cinese di Google, ma questa é l’ impressione…
                      …o la speranza…
                      senza voler insultare, in una discussione non sarebbe sbagliato cercare di esprimersi in maniera comprensibile, come del resto Lei aveva anche fatto negli altri commenti, almeno parzialmente…

                    • 1cr

                      quindi elio P5 resta un prodotto di nicchia ed FCA non può valutare nemmeno di farne uno migliore più corto e più stretto e diverso da inserire nella gamma… e va beh.

                      Questo non è un problema. Non mio almeno.

                      l’industria automobilistica, tra cui FCA, si preoccupa dei crash test, del test dell’alce, dei consumi e dell’inquinamento come argomento di vendita o di crollo del valore azionario… si preoccupa o la fanno preoccupare della trasparenza nei finanziamenti, mette lo start e stop, toglie il tappo così non lo si dimentica … e non può invece nemmeno pensare anzitempo a proteggere persone ed animali, ad esempio valutando e motivando il fine produzione della verniciatura nera/scura sulle sue auto o alcuni dei modelli più popolari in modo da ovviare le problematiche già esposte (magari distinguendosi da FORD per questione storica…)? A togliere l’accendisigari dagli optional per suggerire di non fumare in auto? A mettere di serie il cruise control per viaggiare a velocità costante…?

                      La cosa giusta non va mai fatta comunque?

                      Mentre invece l’auto deve esprimere carattere e personalità, estenderla e la completarla, ci emoziona come il primo bacio o la morte di una persona cara o la nascita di un figlio, metteranno anche uno psichiatra sul cruscotto come optional? Qual’è la sua tesi finale? Che sono uno stronzo? La aiuto io così non si sporca. Va beh, il mondo è grande nessun la obbliga a stare qua a discutere con me e decriptarmi. Qual’è il punto? Che a tre ruote si possono fabbricare solo le velomobili elettriche come il Sinclair già fatto, e perdente, o come la vetturetta autarchica (veda youtube) altrettanto? O che il fatto che un’azienda globalmente strutturata se ne possa uscire con qualcosa al di fuori dagli schemi e dai paradigmi che il suo mercato ha già impostato e maturato è inconcepibile? Senza fare i giocatori d’azzardo, tutti i più grandi successi di vendita del settore sono nati così compreso l’MP3 che secondo me è un veicolo assurdo, ma a molti è garbato.

                      Oppure che errori e scelte di progettazione poco felici non possano comunque mai venire aggiustate se non per l’intercessione di qualche santo? Questo non è altrettanto ne un problema mio e forse nemmeno di FCA.

                      La mia opinione ed è un’opinione non un’imposizione. E’ che i costruttori dovrebbero portare i clienti a compiere scelte razionali. Escludendo alcune possibilità autolesioniste se necessario? Anche.

                    • naja

                      prima di tutto grazie per il testo, di nuovo piú o meno comprensibile.

                      allora, un momento, finora abbiamo parlato dell’ Eliomotor P5, che Lei ha scelto come migliore esempio possibile, e pubblicizzato piú o meno come l’ unica alternativa sensata alla morte sicura…
                      io ho scritto di altri concetti, che io trovo molto piú sensati, soprattutto per il mercato europeo, dove il problema é nelle cittá, e non in parecchi km di highway con relativo consumo e inquinamento.
                      Lei ha solamente cercato di difendere l’ Elio stesso, di “migliore, piú corto, piú stretto, diverso” non ne ha parlato finora, nemmeno una volta sola.
                      per questo Le ho spiegato quali secondo me sono gli svantaggi dell’ Elio, non di un concetto piú o meno simile, migliore, corto, gialloverde in qualche maniera, che Lei si é sognato appena stanotte, oppure, per oscuri motivi, non voleva o poteva comunicare prima…

                      non vedo neanche per che motivo FCA non dovrebbe poter valutare quello che vuole, sono addirittura convinto che un’ idea come quella dell’ Elio, o simile, sia giá stata valutata piú di una volta da piú di un costruttore, o pensa che tutti i costruttori di tutto il mondo hanno aspettato 65 anni, per far rinascere il Messerschmitt, finché é finalmente arrivato C1P8, ah, no, Super1cr a raccontare la lieta novella, che é nato Elio, il salvatore?
                      aaah, i Men in Black hanno fatto dimenticare a tutto il mondo, per 65 anni di fila, che esisteva il Messerschmitt, capisco…

                      …ma non capisco che problema non c’ é, almeno per Lei… (???)

                      …ma allora vive veramente in Wonderland…
                      l’ industria, indifferente in che settore, in che stato, in che mondo, si occupa esclusivamente di fare soldi, punto.
                      se l’ industria fa qualcosa di buono, non é un caso di morale, ma la maniera migliore di fare soldi senza perdere completamente la faccia, l’ industria non toglie l’ accendisigari, ma ti dá l’ humidor in piú, e nel frattempo ti caccia il comecazzosichiama nel condizionatore, che si infiamma facilmente, e produce poi gas cosí tossici, che ci si puó morire in secondi.
                      e sa cosa dice l’ industria? l’ impianto é stabile abbastanza, va benissimo cosí, mica si rompe…
                      le vittime degli incidenti solo in un secondo tempo mortali, quelli che crepano perché vogliono aiutare, e quelli che crepano perché nessuno vuole crepare per aiutarli, ringrziano di cuore giá adesso.
                      e sa perché tutta ‘sta situazione assurda? perché negli USA il CO2, che potrebbe essere utilizzato senza NESSUN pericolo nei climatizzatori, viene considerato come gas inquinante….
                      ma che bravi gli americani, che pensano al clima, no?
                      QUESTA é l’ industria, questo é il lavoro delle lobby, si rende conto di che cosa dice?
                      provi ad andare in una fabbrica (!!!) che produce (!!!) uova o carne, e chieda gentilissimo al capo se non potrebbero forse dare l’ esempio, e trattare gli animali un po’ meglio…
                      il mio consiglio per set e setting: possibilmente con pantaloncini corti, le gambe un po’ incrociate, un pollice quasi in bocca, la treccina bionda nell’ altra mano, sbattendo gli occhioni e con la voce da bambina…
                      ma faccia un video giá dall’ inizio, e mi raccomando, lo mandi in diretta, ogni secondo potrebbe essere troppo tardi, per…
                      …per qualsiasi cosa, oltre a spingere i rapanelli dal di sotto…
                      …o far parte della mortadella la prossima settimana…
                      maaadonnnnaaaaaa, spero veramente che Lei abbia non piú di 7 anni, altrimenti la vedo male per Lei, se prima o poi si accorge che lí fuori non é Wonderland…

                      momento, mi asciugo le lacrime di compassione, e poi…
                      back to topic…
                      ah no, una domanda ancora, se l’ industria é responsabile per l’ etica, allora i preti si occupano dell’ educazione sessuale dei bambini, e i politici stanno in fabbrica, no?
                      funziona cosí nel Suo mondo?

                      capitolo 666
                      – la cosa giusta –
                      veramente, 7 anni allora…
                      la cosa giusta non esiste, quel che é buono per me, uccide lei, quel che adesso é ottimo, fa schifo in un’ ora, e due cose, ognuna indispensabile, possono avere un’ effetto mortale se messe assieme.
                      diventa l’acqua “sbagliata”, se invece di berla ci butto il phon?
                      diventa sbagliato tirare su la lampo, se ci rimane la pelle in mezzo?
                      quindi diventa giusto andare in giro con l’ uccello di fuori, perché tirare su la lampo é diventato di colpo sbagliato?
                      e se poi viene arrestato, cos’ é poi piú giusto, e cosa piú sbagliato, finire in galera per aver mostrato l’ uccello, o perché il tipo al bagno del bar non voleva lasciarsi convincere, che andare in giro con l’ uccello di fuori sia giusto, neanche se Lei lo voleva aiutare?
                      cos’ é piú giusto, i due denti davanti rotti ed ingoiati nello stesso momento, o lo stupro che segue, appena si viene a sapere, in galera, cos’ é successo?
                      ma come, non puó essere giusto, beccarsi l’ uccello nella lampo…
                      che complicato ‘sto mondo…
                      solo la chiesa si permette di parlare di cose assolutamente giuste, e questa é blasfemia fatta in casa, ma certo, loro possono, hanno il permesso scritto del datore di lavoro…
                      altrimenti non trovo assolutamente niente, che sia sempre ed in ogni caso solo ed esclusivamente giusto o buono…
                      tutto quello che ci serve assolutamente per vivere potrebbe anche ucciderci, TUTTO.
                      quindi, visto che “la cosa giusta” non esiste, chi pensa di averla trovata é proprio quello che dovrebbe accorgersi, e velocemente, che qualcosa non funziona, ne va della salute…

                      – la pratica –
                      allora, secondo Lei sarebbe giusto offrire il cruise control sempre e solo di serie, perché secondo Lei é una cosa sensata.
                      ok, i 300€ me li spendo piuttosto al cinema per i bambini, o mi compro 500 metri di elastici per le mutande, almeno cosí decido io per cosa butto via i miei soldi.
                      e poi, perché solo il cruise control, su una serie 3, per esempio, si puó spendere senza nessun problema anche 50.000€ solo di opzioni, anche se l’ auto stessa ne costerebbe 30.
                      bé, la BMW non avrebbe problemi a vendere solo auto con la dotazione completamente assoluta, serve meno personale, meno cura del sito, e una serie 3 costa da 80 a 200.000€, a seconda del motore, il resto é tutto di serie, fa pesare l’auto 200 kg in piú, il che aumenta il consumo di 1 litro per 100 km, ok?
                      il doppio di pezzi che si possono rompere (e lo fanno anche…), la tecnica il piú complicata possibile che fa alzare ancora l’ assicurazione, se ce ne fosse bisogno, tutto il mondo sa a che ora Lei si alza, di notte, per andare a pisciare, e ovviamente che dentifricio usa, e se Lei ha sudato, l’ auto va automaticamente all’ autolavaggio, ma con il tetto aperto.
                      ma heeeey, é tutto solo per il Suo bene, la Sua sicurezza, la Sua salute, la Sua comoditá, non puó essere sbagliato…
                      e per la BMW, che avrebbe avuto l’ idea, sarebbe stato perfetto, guarda caso…

                      chi é Lei, per decidere cos’ é bene, o giusto, per gli altri?
                      per conto mio Lei ha bisogno di uno scossone, quindi dovrebbe spogliarsi nudo e camminare attraverso tutta la cittá nell’ ora di punta, per poi sdraiarsi sul laghetto ghiacciato per almeno un’ ora.
                      perché non lo vorrebbe fare, sarebbe solo per il Suo bene, io devo beccarmi anche il cruise control, che Lei ha deciso sia “giusto”…
                      e poi dove finiamo, chi é che deve decidere, alla fine, per tutti?
                      per favore, non il computer, perché se comincia veramente a capire qualcosa, ci fa fuori tutti…

                      uno psichiatra sul cruscotto non lo vuole nessuno, penso, ma se la macchina comincia a ordinarmi cosa devo fare, e quando, perché qualcun’ altro, o l’ auto stessa ha deciso che sia giusto cosí, presto mi serve sí, lo psichiatra.
                      che un’ auto provochi emozioni é logico e umano, nessuno comprerebbe cubetti grigio comunista tutti uguali per tutti, se ci sono altre possibilitá.
                      questo non vuol dire che queste possibilitá siano sbagliate, anche se l’ auto mi serve per trasportare sacchi di cemento o vuotare i canali, non deve per forza farmi vomitare giá a vederla, o sbaglio?
                      che il marketing cerchi di usufruire di queste emozioni é proprio il senso del marketing, non capisco il problema…

                      la tesi finale? arriva alla fine, forse.
                      perché uno stronzo? su, dai, un po’ di piú stima in se stessi fa bene, ogni tanto…
                      e che, mi vuole anche toccare???? AIUTO, oltraggio sessuale, o come si dice, AL FUOCO, AL FUOCO!!! (sennó non viene nessuno…)
                      come giá detto discuto volentieri, mi sono solo permesso di dire che l’ altro suo commento era quasi indecifrabile, avrebbe preferito che scrivo…
                      aha…
                      síi…
                      aha…
                      certo…
                      eh…
                      sisí…
                      e cosí via?
                      preferisce credere di venir capito, invece di sentirsi chiedere una spiegazione? ok, non mi meraviglia piú niente, ormai…
                      che punto e punto???
                      il punto era che Lei adora l’ Elio, e io lo trovo assurdo, punto. questo é il punto.
                      io non ho mai affermato che si possano costruire solo velo, Sinclair, blablabla, e sicuramente sarei l’ ultimo a dire che non si possa andare al di fuori degli schemi abituali, anzi, non capisco come Lei possa arrivare a questa idea, l’ unico concetto “normale” di cui io ho parlato é la Panda, ah, e la serie 3 da 80.000€, vero…
                      vabbé, “normale”…
                      vede, in confronto all’ Elio, l’ MP3 ha molto piú senso, perché risolve un problema, invece di crearne altri.
                      tutti i successi di vendita di che settore sono nati cosí, dei tre ruote?
                      e cosí come, come intende Lei, con un’ idea fissa che non corrisponde assolutamente alla realtá?
                      sbagliare non é sbagliato, se si impara qualcosa, e chi parla di sbagli incorreggibili, se non dai santi?
                      ah siii, la Sua opinione é un’ opinione, non un’ imposizione, ceeeerto.
                      e la Sua opinione, non imposizione, é che bisogni obbligare la gente a fare scelte, che qualcun’ altro ha deciso siano giuste, ma “obbligare” non ha assolutamente niente a che vedere con “imporre”, se il prete ha detto che é cosa giusta, non é vero? quanto é costato, quattro padri nostri, o il chilo e mezzo di verza?
                      …e le possibilitá autolesioniste, porca vacca, é vero, domani non vado a lavorare, perché l’ aria inquinata mi farebbe star male…
                      l’ auto non la prendo, perché potrei chiudermi una mano nella porta, e se poi mi saltasse in mente di andare contro al muro?
                      l’ importante é che lo faccia senza accendisigari…

                      la tesi finale?
                      …oh mio dio, oh la madonna, e tutti gli angeli in colonna…
                      e che tesi vuole, mica siamo a scuola…
                      se vuole, glielo dico che é molto difficile seguire i Suoi pensieri, e che é quasi incredibilie che Lei non ci arrivi da solo a certe conclusioni, ma ho paura di offenderla, non si puó mai sapere che problemi possa avere un’ altro, e veramente, seriamente, non mi piace l’ idea di riderci sopra…
                      …ma ho ancora la speranza che lei abbia 7 anni, sarebbe la soluzione veramente migliore per tutti.

                    • 1cr

                      Primo commento… L’elio, secondo me è brillante come intuizione ma deve essere rielaborato da FCA “qualcosa di simile”, dovrebbe ad es. recepire contenuti tecnici della sterzatura della Dymaxion che all’epoca era molto più ingombrante ma si girava su un francobollo video storici in rete (la Dymaxion era progettata anche per volare nelle intenzioni di Fuller, oggi con i rotori dei droni virtualmente tante cose potrebbero essere diverse, ma qua almeno il concetto messerschmit qualcosa incastra… anche se secondo me è meglio stare con le ruote a terra…).
                      L’elio è già frutto di componenti automotive americani, ricambi standard di auto di serie e questo è un aspetto con due facce, perchè il mondo parla sistema metrico e ISO non imperale americano ma una linea di produzione lo può tirar fuori impiegando quanto è già negli scaffali dei magazzini.
                      Il P5 ovviamente non è la soluzione ai grandi guai del mondo ma potrebbe essere un’alternativa proponibile interessante e diversa e trovare un suo posto tra twizy e Smart e iQ dove invece L’NT3 della piaggio non ha alcuna storia da raccontare nemmeno contro la Tata nano degli indù.
                      Per quanto concerne la differenza con smart ed altre auto, secondo elio si tratta di un’auto americana media fatta a metà per il lungo, quindi… mentre una smart pur essendo corta ( e la nuova panda si è allungata per essere fruibile… NDR) non si può parcheggiare di traverso su una piazzola e viaggiando consuma come un’altra utilitaria, virtualmente due P5 elio potrebbero trovare posto affiancati nella stessa piazzola di un parcheggio a lisca o pettine.
                      Il resto verza verza verza fine della discussione con un bambino di 7 anni.

                    • naja

                      interessante, come Lei riesca in un mezzo romanzo ad evitare quasi completamente di rispondere alle domande poste, ha veramente talento, ma allora non capisco cosa sia, secondo Lei, una discussione…
                      l’ Elio non é un’ intuizione, ma l’ edizione “moderna” di un concetto di 65 anni fa.
                      forse il concetto di quella volta era brillante, togliendoci gran parte della brillantezza dell’ idea, cioé le dimensioni molto contenute, resta solo un’ opinione opaca.
                      opaca, diffusa, come ‘sto “qualcosa di simile”.
                      certo, qualcuno dovrebbe veramente far qualcosa di abbastanza simile a qualcos’ altro, per raggiungere qualcosa che sia qualcosa di simile a qualcos’ altro…
                      …un concetto veramente stringente…
                      é filosofia, o si puó buttare?
                      le ruote (o la ruota) posteriore sterzanti hanno anche degli svantaggi, non tutti gli ingegneri sono imbecilli come Lei crede, e non é un caso che solo carrelli elevatori, veicoli da cantiere, miniera e simili usino questa soluzione.
                      per lo stesso motivo, sul paio di automobili a quattro ruote sterzanti (incredibile, che certe soluzioni si possano addirittura usare in serie, senza dover chiedere a Elio…) le posteriori sterzano al massimo di un paio di gradi, quelle anteriori assolutamente normale.
                      non servirá a niente, ma La invito a pensare da solo perché sarebbe assurdo pensare di costruire un qualcosa con una ruota posteriore singola, motrice e anche sterzante.
                      non mi meraviglia che Lei parli di auto volanti, con o senza drone é indifferente, quello che mi meraviglia é il collegamento con il tema.
                      si tratta effettivamente della stessa ditta, peró speravo fosse ovvio che non parlavo del Messerschmitt del Barone Rosso, ma del Kabinenroller di Fend…
                      nel terzo millennio non esiste penso piú una sola ditta internazionale che non sia in grado di lavorare con sistemi di misura, pagamento e tutto il resto, di altri paesi.
                      di questi tempi ci sono addirittura computer camuffati da telefonini, che risolvono questi problemi giganteschi in frazioni di secondo.
                      e come Geiger per l’ Europa, ci sono dappertutto ditte che si occupano di omologazioni di veicoli stranieri, e penso che almeno un paio dei fornitori di almeno un paio dei costruttori di automobili fornisca sia in America che in Europa, non capisco veramente dove sia il problema…
                      l’ auto fatta a patchwork é possibile solo per una ditta piccolissima, che puó adattare il proprio progetto ai pezzi che trova.
                      i costruttori sfruttano giá il piú possibile le sinergie con altri modelli, componenti standardizzati ecc, ma al giorno d’ oggi non si fanno piú modelli di nicchia, solo variazioni sul tema.
                      perlomeno in Europa, i giapponesi osano giá piú spesso a costruire auto a piccola tiratura, con un pianale concepito solo per quel modello, é una specialitá che solo loro possono offrire, questione di modi diversi di pensare e lavorare.
                      qui non fa piú nessuno giá una piccola coupé o roadster perché non conviene, nonostante sarebbe necessaria solo una carrozzeria su meccanica 100% conosciuta da altri modelli, si immagini per un’ Elio o simili, non ci crederá, ma non é che si possa usare piú che motori e sospensioni anteriori di derivazione “auto giá in produzione”.
                      e se giá una spiderina venderebbe troppo poco, immaginarsi un’ Elio.
                      sí, oramai lo sanno anche i sassi, Lei costringerebbe tutti a costruire, guidare e mangiare Elio, ed io costringerei Lei ad andare in giro nudo in inverno, fa bene per la circolazione e per la condizione, quindi indirettamente anche per il cervello…
                      il P5 non é la soluzione per nessun problema, é un’ idea non veramente convincente con svantaggi consistenti, e neanche pensato bene.
                      interessante, sí, come tutto quello che é diverso, ma altrettanto interessante come un trike o uno Stallion, molto meno interessante di un Carver, molto meno intelligente di un MP3, che rende lo scooterone molto piú sicuro da guidare, con svantaggi minimi per quanto riguarda peso, agilitá e ovviamente prezzo.
                      e c’ é addirittura un concorrente a quattro ruote sullo stesso principio, fanno loro stessi pubblicitá che non é piú grande, né pesa di piú, né costa (tanto) di piú di uno scooterone, ma ha quattro ruote piú grandi di uno scooter, e addirittura un differenziale.
                      e ‘sto coso so lascia guidare anche in fuoristrada, o di traverso su e giú per il marciapiede, ecc, il principio stesso é autolivellante, senza grosse diavolerie elettroniche, a parte l’ ABS.
                      questa é un’ intuizione brillante, i vantaggi della moto e del quad riuniti, e senza svantaggi, solo l’ inclinamento in curva e l’ agilitá non arrivano ai livelli di una supersportiva…
                      sarebbe brillante metterci un minimo di carrozzeria attorno, e scommettiamo che consumerebbe molto meno del P5?
                      e sarebbe largo la metá e lungo neanche tre quarti.
                      …e ci si divertirebbe molto di piú, sarebbe molto piú pratico per salirci e scenderci, sarebbe altrettanto comodo, si troverebbe parcheggio anche di traverso, dove si puó, su un parcheggio ce ne starebbero quattro o cinque, sí, e “virtualmente” anche 32, se ci gioco a Tetris come lei coi P5.
                      la matematica non é un’ opinione, é uguale cosa “dice Elio”, un’ auto media americana é larga neanche due metri, la metá sarebbe meno di un metro, non 1.80 m, come misura il P5.
                      e non mi venga a raccontare che in un’ Elio si ha la stessa libertá di movimento che in un’ auto, per non parlare di tutte le altre comoditá.
                      e poi, macché aerodinamica e consumi, dai, basta ragionare un momento…
                      l’ aerodinamica diventa importante appena dagli 80 kmh, e sulle highways si va ancora a 85, mi sembra, quindi, non so se ha cosí tanto senso parlare di aerodinamica.
                      e ancora meno senso ha montare un 1000 cc da 55 CV su un’ auto da 500 chili, se si vuol consumare meno.
                      allora, se il pensiero fosse stato quello di consumare meno, si sarebbe preso motore e trasmissione di uno scooterone, che avrebbero risparmiato un differenziale e due semiassi anteriori, quindi ancora parecchio peso.
                      le prestazioni sarebbero state minori, quindi forse si sarebbero potute avvicinare le ruote anteriori, e farle piú piccole, avrebbe risparmiato ulteriore peso.
                      l’ Elio ha piú del 70% del peso sulle ruote anteriori, mi vien da ridere vedendo le foto sulla neve, o si va in giro scodinzolando, o si resta fermi perché l’ ESP (se c’ é) regola via tutto.
                      con il motore da scooter dietro sarebbe la distribuzione dei pesi (minori) molto migliore, la trazione sarebbe forse minore, ma stabilitá e guidabilitá mooolto maggiori, e la lunghezza potrebbe diminuire di molto.
                      e i consumi sarebbero molto minori, i 2.8 l/100 km sulla highway sembrano pochi, ma a 85 kmh costanti non consuma neanche una berlina diesel da 180 CV molto di piú, e in cittá ci arriva anche ai 4.8, vedi 320d.
                      quindi, tutto ‘sto risparmio non lo vedo proprio, vedo piú o meno solo svantaggi, dovuti a un’ idea non convincente, e non pensata e sviluppata a fondo.
                      allora, un’ Elio di meno di tre metri di lunghezza, su base scooterone, con le ruote piccole integrate nella carrozzeria, diciamo larga 1.20-1.40, con meno di 350 chili, cosí guidabile con la patente per la moto, e con consumi piú o meno dimezzati, allora sí, sarebbe un concetto stringente dall’ inizio alla fine.
                      …o un Twizy, o un NT3, che non so perché non venga prodotto, sicuramente non perché il concetto non sia buono, non é un caso che si continuino a cercare soluzioni per il poco spazio in cittá, e non per risparmiare solo in teoria e solo sulla highway, e che quindi quasi tutti i costruttori hanno giá presentato prototipi tra Smart, Twizy, NT3 e, guardi un po’, mooolto meno Elio…
                      …e non so se é un caso che io ritenga Eliomotors ancora un po’ piú ciarlatani degli altri produttori, e che l’ unica casa ad aver portato un paio di prototipi tipo Elio é stato il mio “amatissimo” gruppo VW, uno che era ovvio che rimane un prototipo, visto che veniva dalla Audi, e ‘sto L1/XL1, che da ibrido con la carrozzeria di carbonio pesava 390 chili, con quattro ruote, e una larghezza di 1.20 m, nonostante una velocitá massima di 160 kmh.
                      il modello di “microserie” non ha piú i due posti in tandem, ma uno vicino all’ altro, ed é largo solo 1.60 m, ma costa 111.000 €…
                      e VW non lascia trapelare quanti ne abbia venduti, si parlava da 50 a 250 pezzi, che evidentemente non sono stati raggiunti, visto che si vende ancora, cioé, che ancora ci provano…
                      …e non so se i record di consumo valgono ancora, forse avevano anche quelli centraline truccate… 🙂
                      il Twizy é fatto a misura per le leggi francesi, ma l’ idea é molto buona.
                      l’ IQ era mostruoso e costava troppo, per cui in Europa non lo voleva nessuno, visto che lo Smart si era giá stabilito, altrove si vende ancora.
                      resta appunto lo Smart, che, nonostante fosse una catastrofe totale, si vende ancora benissimo, e sa perché? perché offre i vantaggi di un’ auto molto corta, ma nessuno svantaggio per via del concetto, e in piú era simpatico da vedere, originale e pratico.
                      vada pure alla Benz, a dirgli che sono scemi a costruire lo Smart invece che l’ Elio, ma filmi per favore anche questo…

                    • 1cr

                      romanzi… elio ha trazione anteriore o così dichiara… motore da scooter (panda 30 vecchio 500 raffreddamento aria)? massa ridotta… (500 tettuccio in tela)? perchè no? Autolivellaniti a tre ruote mercedes ha già fatto un concept di una specie di spider alternativo e la Toyota stessa ha già in produzione l’iRoad elettrico virtualmente come a te sembra meglio… guardalo ti innamori…, poi c’è anche uno scooterino 3 ruote Automoto un 150cc cinese credo, ovvimente il BMW C2 amato da medici e commercialisti milanesi e Aquila/Adiva benelli (non so che fine ha fatto) tanto per dire di veicoli già presenti sul mercato dei diversi… diversi che hanno tutti dei minimi comuni denominatori.

                      In città,come prima cosa serve la città urbanisticamete organizzata che non ti fa fare il ping pong e non ti crea situazioni intasate a gratis, poi servono mezzi pubblici affidabili e ben coordinati h24 senza biglietti che tanto le perdite le paga lo stesso lo stato quindi la cittadinanza, compresi i 7milioni di biglietti falsi usciti dalla tipografia ATAC, in città biciclette, moto, motorini scooteroni e auto elettriche in condivisione “qualcosa simile” (lo so che non ti piace qualcosa di simile) ad Autolib a Parigi (una metropoli enorme per estensione)… addirittura in alcuni comuni si fa già oggi car pooling e “piedibus” amputando il servizio scuolabus.
                      In altre ci sono perfino i trenini elettrici turistici… e uber e i tassisti e qualche tuo parente con cavallo e carrozza…
                      l’auto propria offre la sua massima utilità per viaggiare extraurbano e autostrada portando la persona cioè il bene più prezioso spesso solo al lavoro per poi tornare a casa, povera bestia che lavora per pagarla l’auto…
                      Di fatto, con la panda o con un altra utilitaria, uno può anche andare al centro commerciale a comprare il frigorifero o un armadio (a parte che trova prezzi migliori on line, più gamma e il servizio corriere già previsto perchè quella merce spesso sta già presso le piattaforme logistiche dei corrieri come i televisori maxi ed altri generi…), ma è difficile che pur avendolo comprato lo mette nel baule o sul tettuccio, chi vuole questo, spesso vuole la cosa sbagliata, come la moglie che si porta la pelliccia al mare a ferragosto nel suv con la mitragliatrice perché va di moda e ha dell’aggressività da reprimere, e mio cognato che gli da retta con le biciclette sul tetto, il tetto rovinato e la multa per eccesso di carico, anche un bimbo di 7 anni che domani si farà chemioterapie per colpa di queste “decisioni sbagliate” lo sa, e domani 13 anni si fumerà erba cresciuta sui rifiuti tossici per lenire il dolore e non pensare su quanto sono cretini i suoi genitori.

                    • naja

                      lo so che l’ Elio ha la trazione anteriore, l’ ho anche giá scritto da qualche parte che lo trovo assurdo…
                      oh, ma che ben informato, io non conosco nessuno scooter che utilizzi il panda 30.
                      ma parecchi mono- e bicilindrici moderni, con fino a 80 CV e piú, volendo, una buona via di mezzo sarebbe un bicilindrico sui 400-500 di cilindrata, adattato sui 30 CV, quasi come sulla Panda, ma con tre volte tanto di coppia e la metá del peso…
                      massa ridotta, certo, che c’ é di sbagliato, che non si fanno pagare migliaia di € per CFK e acciai da fantascienza, che vengono usati solo per compensare in parte il peso della dotazione che si é obbligati a comprare?
                      e perché no il tettuccio in tela, l’ ultimo Z4 con il motore, cioé non i tagliaerba a 4 cilindri, pesa 1.800 chili, nonostante il tetto sia di alluminio, magnesio e plastica. il tettuccio di tela avrebbe risparmiato… diciamo 100, o anche solo 50 chili? mica son niente…
                      porca miseria, grazie che mi parla dell’ iRoad, mi devo scusare ufficialmente dalla Toyota…

                      ovviamente lo conosco, l’ iRoad, ed ovviamente lo trovo molto ma molto piú intelligente e riuscito di un’ Elio, visto che si avvicina moltissimo a quella che io considero per il momento la soluzione migliore per la situazione europea del traffico.
                      ok, lavato in lavatrice, perché no, 2.35 x 0.85 m, ce ne stanno quattro sullo spazio che serve ad un’ Elio, perché all’ Elio si é ridotto in lavatrice solo il pisello, cioé, la supposta abitabile… ah no, anche il cervello…
                      dov’ é ‘sto sbaglio gravissimo, cos’ é che un’ Elio fa cosí meglio di un iRoad e tutti gli altri?
                      …ok, il lavaggio del cervello e l’ indottrinazione sono stati portati da Elio a un livello incredibile, che conoscevo solo da estremisti piú o meno religiosi, indifferente se il dio é Dio, Allah, Apple, VW, Trump, Elio o il Gorgonzola, é tipico comportamento religioso negare fatti ed evidenze, e ribadire di continuo che solo il Gorgonzola, o Trump possono aver creato Elio e i piedi puzzolenti.
                      …o ha capito forse male la storia della religione come oppio del popolo?
                      …la Bibbia non si fuma!!!

                      e cosa pensa possa significare, che i concorrenti teorici dell’ Elio hanno tutti un’ impostazione direi piú lontana dall’ Elio, che vicina tra loro?
                      certo, se non é diverso abbastanza non é buono abbastanza, anche Lei mangia solo pane blu, gli spaghetti solo con la cannuccia, e le lenti a contatto le porta attaccate di fuori sugli occhiali, vero?
                      …o per avere un’ auto assolutamente unica ci butta, appena nuova, un secchio di acido solforico sopra per battezzarla, perché sicuramente nessun’ altro avrá mai un’ auto cosí.
                      l’ importante é essere diversi, se non si é gay lo si diventa, chi non ha tatuaggi é obbligato a farsene uno sulla fronte, col marchio di Eliomotors, e guidare un’ auto é ormai cosí fuori moda, che bisognerebbe darci fuoco a tutte, no? o almeno a tutte quelle che hanno un colore simile all’ auto vicina, com’ é possibile parcheggiare senza un minimo di diversitá, ah, non c’ é piú religione…
                      …ma sempre piú fanatici…
                      perché non prova a respirare con le orecchie?
                      con naso e bocca lo fanno tutti, che noioso…
                      …o a sentire gli odori con gli alluci?
                      …o a pensare col cervello?… no, dai, adesso esagero, non facciamo le cose troppo difficili…

                      due motori elettrici da 3 (tre, non trenta, non 130, ma semplicemente 2 x 3 CV = 6 CV) per 300 chili, mica dev’ essere una Ferrari, se non venisse bloccato a 45 km/h (cosí si puó guidare, in Francia, a 16 anni, come il Twizy) arriverebbe anche agli 85 della highway, e potrei scommettere che anche con un motorino a benzina consumerebbe mooooolto meno dell’ Elio.
                      ah sí, anche la sezione frontale é molto piú piccola, visto che per risparmiare non serve fare i fighetti con l’ auto larga 1.80 m e le ruote “scoperte” (come la formula uuunooo? direbbe la biondina…).
                      insomma, non é un caso, che l’ iRoad, l’ MP3, il C2 e simili vengano addirittura prodotti da produttori un po’ piú grossi, hanno semplicemente senso, e si vendono…
                      ma anche alla Toyota sono scemi, perché dovrebbero produrre l’ Elio, no?
                      comunque, niente paura, dell’ iRoad ce ne sono solo una trentina, con cui si raccolgono informazioni per un po’ di tempo, anche e soprattutto perché, nonostante Toyota abbia sicuramente tutti i pezzi possibili e immaginabili per farci un puzzle, l’ iRoad costerebbe adesso quanto una Golf, quindi quattro volte tanto un’ MP3, nonostante la base tecnica non differisca piú di tanto, é stata “solo” evoluta, raffinata, elettrizzata, e carrozzata.
                      questo succede quando un costruttore di quelli grossi si mette a progettare qualcosa di nuovo.
                      …e Lei parla di un’ Elio a 5-6.000 € ?
                      certo, costruito a casa (da Eliomotors) nel garage.
                      saranno ormai una decina d’ anni che Elio ci prova, no? ma ancora si vedono solo prototipi e pubblicitá…
                      ma come, secondo Lei sarebbe cosí facile e conveniente e convincente, “LA” cosa giusta ecc, e pensa che nessuno se ne sia mai accorto, e che Elio non abbia mai provato a contattare nessuno finora?
                      aaah, adesso capisco, non volevano che un’ idea cosí assolutamente fantastica, rivoluzionaria e priva di difetti arrivasse al pubblico, per evitare follie di massa come da Robbie Williams, o che qualcuno dei grandi costruttori arraffi l’ idea, e costruisca l’ Elio prima e meglio (non che sia poi cosí difficile…)…
                      certo che un iRoad non potrá da solo risolvere i problemi del traffico di tutto il mondo, ma sicuramente molti di piú di un’ Elio, che non ne risolve ma proprio nessuno.
                      a paritá di vantaggi, ma con molti svantaggi in meno.
                      non ho niente contro niente di simile a niente, ma su di niente o qualcosa di simile si puó difficilmente discutere, o qualcosa di simile.
                      e Lei continua a fare discorsoni tutto attorno, senza centrare un tema, che a dir la veritá avrebbe dovuto/voluto/potuto essere il tema della discussione giá dall’ inizio.
                      …e magari avessi parenti con cavalli e carrozze, forse avrei anch’ io un po’ di soldi in piú…
                      e Lei, ne ha di parenti con criceti e pantaloni di pelle? di verza?

                      aha, l’ auto propria ha vantaggi solo extraurbani?
                      eeeehhh?
                      certo, tutte le nonnine vanno a fare la spesa almeno a 150 km di distanza, ogni giorno, perché altrimenti non val la pena avere un’ auto.
                      anche per andare a comprare le sigarette si va almeno 30 km lontano, anche se il tabacchino é sotto casa…

                      …e che c’ entra il bene prezioso, e quanto costa l’ auto adesso?
                      offre l’ Elio una sicurezza maggiore di un’ auto? no, né come senso di sicurezza, né, ancora meno, la sicurezza effettiva.

                      Lei si farebbe probabilmente le seghe mentali per tutto il tragitto, pensando (erroneamente) di salvare il clima con l’ Elio, o sta scritto da qualche parte, oltre che nella pubblicitá, che l’ Elio sia piú appagante, o divertente da guidare, di qualcos’ altro?
                      come giá detto, l’ Elio, se mai andrá in produzione, costerá poco solo finché sará a livello di bricolage nel garage di casa.
                      e con gli stessi soldi mi compro un’ utilitaria poco usata, che é molto, ma moooolto piú pratica.
                      ah sí, dove si porta a riparare l’ Elio, bisogna avere la lista di tutti i fornitori, per sapere in che officina deve andare?
                      cioé, se é il n. 43 dell’ interno della porta bisogna andare alla Ford, per il 44 dalla GM, ma solo fino a quest’ anno, perché poi fornisce Mitsubishi un relais che costa 0.03 € meno.
                      e visto che non si compra una lavatrice ogni giorno, un’ auto col baule non serve, proprio per questo le familiari e i SUV si vendono cosí poco, e sempre meno, in Europa, vero?
                      piú o meno nell’ 80% dei casi in cui io ero all’ IKEA, o al fai-da-te, non mi sarebbe bastato il baulettino dell’ Elio.
                      …ma neanche l’ abitacolo stesso.
                      e non c’ é proprio nessuno, in tutta Europa, che ha animali, o compra ogni tanto piante o tappeti, che sarebbe meglio vederli dal vivo che online, ma neanche i cartoni della pizza ci passano, dai…
                      e nonostante io sia spesso appunto da IKEA, ed abbia aiutato da un bel po’ di traslochi, l’ unico graffio che ho sul tetto é per via di un deficente che mi ci ha buttato le chiavi, una multa per sovraccarico non l’ ho neanche mai presa (e a Napoli girano in quattro sul motorino, sullo stesso! é anche colpa di chi non compra l’ Elio? offerta speciale, per ogni Elio venduto si regala un motorino a un napoletano?).
                      e che ca**o c’ entra di nuovo ‘sto discorso con genitori deficenti e bambini malati, ma si coltivi il cotone da solo, e ci faccia le magliette, farebbe molto di piú per l’ umanitá.
                      …anche perché cosí sarebbe piú impegnato, ed avrebbe cosí meno tempo per pensare a certe stron*ate…
                      non aveva detto che Lei stesso che neanche l’ Elio risolverá i problemi del mondo?
                      …e allora come mai suona di nuovo esattamente cosí?
                      e che c’ entra l’ Alfasud adesso?
                      certo che era eretica, visto che ha iniziato un’ era drammaticamente nuova all’ Alfa, il fatto che non sia stata l’ era migliore fa risentire ancor di piú, é ovvio.
                      ció non toglie che la tecnica era ottima ed all’ avanguardia, soprattutto in confronto con le concorrenti, le sue qualitá erano a scanso di ogni dubbio, ma i problemi di qualitá erano veramente non indifferenti.
                      …e quello era solo l’ inizio…
                      ma secondo Lei bisognava costringere tutti a comprarsi l’ Alfasud, perché era l’ unica “cosa giusta” possibile, no?
                      io penso piuttosto che l’ Alfasud e la 33 abbiano contribuito molto all’ immagine degli italiani che sono sempre in ritardo, costringendo i possessori spesso in officina…
                      se vuole fare confronti, l’ Elio non é per niente eretico, visto che non é né nuovo, né veramente diverso, né fatto bene, non contraddice niente, a parte il buon senso, é semplicemente cosí insulso, che chi crede sia la salvezza per il clima dovrebbe veramente farsi un giretto in chiesa, forse aiuta…
                      dubito, ma un’ appuntamento dallo psicologo richiede parecchio tempo, e la cosa mi sembra parecchio urgente, Eliitis acuta puó diventar pericolosa, e la perdita di contatto con la realtá é solo l’ inizio…
                      l’ Elio non salverá neanche nessun bambino dalla chemio, e non fará diventare nessuna pazza ( con la pelliccia al mare e la mitragliatrice non ne ho ancora viste, ma, non è che Lei abita in Afghanistan, o “qualcosa di simile”? …spiegherebbe tante cose…) “normale”, e i rifiuti tossici crescono indipendentemente dall’ Elio.
                      …o insieme al motorino viene consegnato a Napoli anche un sacco per i rifiuti tossici?
                      65 litri di bagagliaio, ci sta per sbaglio una borsa della spesa…
                      seguendo lo stesso pensiero, visto che i 55 CV dell’ Elio non si potrebbero sfruttare praticamente mai, visti i limiti negli USA, ne basterebbero… diciamo 6?
                      parla di “oggi in FCA”, e poi di Innocenti Mille e Uno?
                      Delta e Ypsilon sono modelli oramai vecchi, che si costruiscono solo ancora per un paio di mercati, non so cosa voglia dire coi “successoni”…
                      allora, la Uno era un successone, ma proprio grande, la Ypsilon non é mai stata un’ auto per tutti, ma qualcosa di particolare, e come anche l’ ultima Delta era veramente una bella macchina (scarabocchiate dallo stilista? ok, bellissimo l’ Elio, peró, piú bello e ricercato di una Ferrari d’ epoca…), nessuna delle due é stata pensata come auto da milioni di pezzi, la Ypsilon si vende addirittura ancora oggi, un po’, e la Delta era un’ ottima macchina, ma il modello sbagliato al momento sbagliatissimo.
                      la Dart, per quello che so, era una buona macchina, non so com’ era la qualitá, se non erro é stato un flop, ma posso assicurarla che non-essere-Elio non é l’ unico motivo che possa condurre un’ auto a diventare un flop.
                      anzi, l’ Elio resta comunque e ancora un flop.
                      e che numeroni da brivido?
                      la Rolls Royce ha venduto questo mese piú che Elio in tutta la vita…
                      …o vorrebbe insinuare che l’ Elio al posto della Delta, o del Dart, avrebbe regalato miliardi su miliardi a FCA, e da subito, per sempre, senza rischio di alcuno sbaglio?
                      e che c’ entra la proprietá invariantiva adesso, ma che cerca di dire?
                      o devo ricominciare anch’ io con la proprietá inversamente proporzionale della supercazzola permaturata sull’ iperbola delle verze col K-way?
                      e che sforzi di chi che insiste a replicare perché male che cose, che contenuti, che son sempre gli stessi???
                      delle parecchie auto che FCA ha presentato, non me ne viene in mente nemmeno una che possa far pensare al perseverare su qualche errore, che sembri sforzata, fatta male o obsoleta, e gli sbagli che son stati fatti all’ inizio erano ancora resti dei problemi che ha creato il gruppo Fiat.
                      la qualitá é stata migliorata di qualche 100%, la tecnica é all’ altezza della concorrenza o addirittura piú avanti, la produzione é tra le piú efficenti al mondo, almeno in qualche fabbrica, i soldi arrivano, pian piano, ma non si fanno piú debiti come era normale una volta, piuttosto si aspetta, non so di che sforzi Lei sogni, di che sempre stessi sbagli parli, die che repliche mal fatte stia delirando…
                      aaaaah, che l’ Elio é una replica fatta malissimo del Messerschmitt, e che all’ Eliomotor ancora non capiscono che buttano via tempo e soldi, perseverando sullo stesso concetto, che anche i sassi oramai hanno capito che non avrá mai successo?
                      …allora Le dó pienamente ragione! (l’ eccezione che conferma la regola…)
                      ooh, e quali sono le differenze interessanti dell’ Elio rispetto all’ iRoad? che é stato creato per risparmiare benzina, o cosí vogliono far credere, e invece risparmia pochissimo, e solo in situazioni particolari, mentre gli svantaggi sono continuamente presenti?
                      …ma non consuma per niente poco, giá in confronto a un diesel moderno in una compatta o addirittura media, se l’ iRoad ci fosse, e a benzina, consumerebbe ma neanche forse un quarto dell’ Elio.
                      insomma, si potrebbe dire che l’ Elio é giá predisposto per la pelliccia d`estate, la mitragliatrice e il bambino intossicato, no?
                      un SUV non consuma quattro volte tanto un’ utilitaria, e se non ha 5 metri e 300 CV non consuma neanche quattro volte tanto un’ Elio…
                      ma l’ Elio consuma sí quattro volte tanto, almeno, di un MP3, che é cosí nato male…
                      …vedo giá crescere la mitragliatrice…
                      si chiama poi “Eli(min)o”?
                      le differenze con lo Smart, soprattutto negli ingombri, sono proprio il motivo che ha fatto avere successo allo Smart, e ha tirato centinaia di prototipi di tutte le marche dietro a sé, mentre l’ Elio non ha mai interessato a nessuno, a parte a VW, che vuol solo farsi importante, o almeno ridicola, l’ importante é rimanere sulla bocca di tutti.
                      …”scimmiottare uno spider cabrio o un frecciarossa”?
                      ma, scusi, per cosa usa Lei l’ auto? per scimmiottare? …a me sembra che Lei piuttosto raggiunga di farsi scimmiottare, soprattutto con certe uscite tipo questa…
                      e cosa c’ entrano cabrio e spider col Frecciarossa?
                      …ci mancano di nuovo solo verze e lampadine…
                      …e che pinna di che BMW dovrebbe soddisfare, e come, quali motivazioni di acquisto?
                      allora, diciamo la veritá, non é che l’ Elio Le piaccia per via dell’ idea o dei consumi, ma semplicemente perché Le permetterebbe di farsi sentire quasi in una supersportiva, basso com’ é, e Lei potrebbe far credere a qualcuno (conosce cosí tanti cretini? non che mi meraviglierebbe veramente…) di essere il piú figo in assoluto, perché va in giro con la supersportiva (della Barbie), che ovviamente non ha nessuno (a parte qualche suo amico, forse?), e che solo Lei crede che salvi il mondo, e sia assolutamente necessario…
                      50 anni fa credevano anche che far buchi nel cranio fosse assolutamente necessario per fare uscire “il male” dalla testa, che provoca le migrane.
                      e ancora non ho capito quante sarebbero tutte ‘ste molteplici motivazioni di acquisto, di cui parla spesso…
                      allora, i consumi non sono, gli ingombri neanche, lo spazio interno o nel baule, la comoditá, il comfort, la variabilitá, neanche…
                      il prezzo neanche, visto che non si puó comperare, e come giá detto, un’ utlitaria poco usata ha quattro posti, un bagagliaio, NACP-crashtests, la possibilitá di stendere braccia e gambe, di vedere in faccia colui/colei con cui si parla, e di farci quel che si vuole, ma mi raccomando, solo se l’ auto é ferma! …e se anche lui/lei vuole, non si obbliga nessuno, anche se io garantirei senza alcun problema, e senza mentire, che puó solo che far bene…
                      madooonna, pensi, se invece della 500 avesse avuto successo il Kabinenroller non ci sarebbe piú nessuno per pagarci la pensione!!!
                      non ha solo la forma fallica, é il migliore preservativo che ci possa essere!
                      …ok, lasciamo stare i Brands, e cosa sono allora FCA e Innocenti? ok, FCA é un gruppo, ma Innocenti cos’ é, se non un brand, anche se morto?
                      macché gatto, proprio una Topolino a due posti, con le dimensioni di uno Smart, ma l’ ottica ancora piú piccola e simpatica della 500, sul pianale della Panda accorciato, e magari stavolta di base veramente spartano, vedi Dacia.
                      i costi di sviluppo sarebbero irrisori, visto che basterebbe quasi “tagliare una fetta” in mezzo all’ auto, invece di utilizzare la porta della 124, i pedali Jeep e i cavi Dodge, si prende un’ auto pronta e si accorcia, ci si rifá il trucco, punto.
                      e si sa che si vende.
                      mentre dell’ Elio non si sa solo che non si vende, ma anche che nemmeno si produce.
                      e che cavolo solo componenti metrici, se deve vendersi, deve essere pensata anche per gli USA, come succede adesso é assurdo, le 500 per l’ Europa e gli USA sembrano uguali, ma ci sono taaante di quelle differenze addirittura di telaio, che si puó quasi parlare di due auto diverse.
                      e Lei lo trova giusto, per evitare la “scocciatura”?
                      ma di che sta parlando, di auto o di anarchia?
                      …o di fascismo?
                      non lo so, eh, vuole obbligare le ditte a produrre, e la gente a comprare quello che Lei trova giusto, quello che non é come per Lei é sempre stato, é automaticamente sbagliato, rompe le palle e deve venire, boh, non so, distrutto, corretto, convertito, curato, pervertito?
                      cosí vengono solo creati costi inutili, che ovviamente pagano i clienti, e per cosa, per evitare la “scocciatura” di vendere non solo in Italia?
                      madonna, oh, si prenda le medicine, dai, per favore…
                      no, senza fumarci sopra, stavolta…
                      se l’ ultimo paragrafo del suo commento dovrebbe suonare ironico, mi dispiace, ma non funziona.
                      in confronto alla concorrenza ci sono addirittura un paio di punti dove FCA é piú avanti, Lei sembra veramente non avere idea di cos’ è cambiato, dai tempi del Gruppo Fiat, che giá non era proprio tirchio con novitá tecniche, soluzioni non tipiche ecc.
                      un paio di Engine of the year se li son presi, un paio di auto dell’ anno ecc ce li hanno anche, i pianali modulari ce li aveva il Gruppo Fiat prima ancora che VW cominciasse a pensarci, e nonostante VW faccia un casino di pubblicitá, come se avessero inventato, non scoperto, l’ acqua, della flessibilitá, dei costi, e dei limiti praticamente infiniti del sistema Fiat ci sognerá VW ancora per un bel po’.
                      tutto sommato, nell’ era Marchionne non é stato prodotto assolutamente niente di cui bisogni vergognarsi, anzi.
                      la fantascienza puó restare tranquillamente qualcosa per i prototipi, soprattutto se é molto piú fanta che scienza, finché le varie Ferrari, Maserati, Giulia, 500 e famiglia, le Jeep, la Tipo, la 124, il Toro, son cosí buone come sono, allora la fantascemenza la lascio volentieri a Lei, al suo adorato Elio, a verze e consorti.

                    • 1cr

                      e rimetti a Fiat i suoi debiti. Amen

                    • naja

                      sí, Elio nostro, che sei nei cieli…
                      ce l’ ha l’ altarino vicino al letto?
                      con un pezzo di highway, forse, per far finta che abbia senso almeno lí?

                    • 1cr

                      Insomma 84 Miles per US Gallon sono 35/36 Km per litro con un motore 900cc benzina, i crash tests sono passati o almeno così affermano e gli americani, che, come nel caso dieselgate non scherzano… 35km litro non li ho mai fatti neanche con la vespa 50 special, con la panda 1,3 diesel 95CV ad andare bene se ne fanno 28 /29 extraurbano male 22 , media circa 25/26 Km litro.
                      E poi, Fiat ha maggiore interesse nel vendere più veicoli personali a un tot di persone, a ciascuno il suo, piuttosto che un veicolo condiviso pubblicamente da tutti in assistenza ai mezzi pubblici, anche perchè, molti paesi hanno sistemi logistici che non si adattano affatto al trasporto pubblico condiviso o centralizzato, insomma l’Italia e il mondo in genere non è gli USA ma non è neanche il Giappone o la Cina.
                      La panda ha 2 grossi difetti… e tutti quelli che l’hanno recensita lo ribadiscono… il posto guida è angusto specie se dietro c’è un adulto con la consolle che angoscia il ginocchio e poi, inspiegabilmente, un auto spesso impiegata come vicolo da lavoro non ha alcuna possibilità di cruise, certo la sua abitabilità nell’ultima versione è migliorata tanto ma molti hanno preso la smart perchè l’abitacolo è più confortevole e rifinito delle panda di riferimento, i polacchi secondo me sono sempre stati tentati di togliere i due sedili dalla 126 e mettere la guida centrale farne un 3 posti simile alla MIA belga…
                      Ikea, ad ogni modo, fa la vendita online con consegna a domicilio. Se vuoi vai, visiti la bottega, ordini e te lo portano a casa, se no compri senza nemmeno andare e hai a disposizione tutto l’assortimento e le giacenze anche degli altri negozi ikea.
                      Si diceva che Fiat fosse il re mida della merda per le case auto che comprò, invece io gli do fiducia, penso che ha delle qualità, e spero di vedere o l’Elio o un prodotto analogo L’FCA GATTO da fiat, una due poltrone comode e tre ruote in 4 metri o meno.
                      Sempre per la lunghezza … datti una sbirciata al monotracer Peraves quello si che è un siluro… vediamo le cose in modo diverso, il tempo dirà delle ragioni e dei torti.

                    • naja

                      ma dai, veramente non capisce quanto sono ciarlatani quelli dell’ Elio?
                      32 km/l li faceva giá la Lupo 3L 15 anni fa, e oggi dai 30 ai 35 li fa quasi ogni utilitaria diesel.
                      dichiarati, come quelli dell’ Elio.
                      se lo scopo dell’ Elio fosse veramente risparmiare carburante, per non esser ridicoli dovrebbe consumare perlomeno meno della metá.
                      per esempio, il VW XL1 costa un paio di centomila, ma di km/l ne fa 111, e nonostante i due posti a sedere affiancati, mentre tutti i prototipi avevano ancora i posti in tandem.
                      quindi, 1. i posti in tandem evidentemente non fanno tutta ‘sta differenza.
                      2. ci sono tantissimi altri modi, migliori e con meno svantaggi, per migliorare l’ aerodinamica, per esempio ruote sottili vicine all’ abitacolo.
                      3. per risparmiare benzina non serve un 900 da 55 CV, per muovere 600 chili senza fermare il traffico ne basterebbero 20. e un motorino da 20 CV peserebbe meno, e occuperebbe meno spazio.

                      che vuol dire “i crash test li ha passati”?
                      un’ auto moderna ha almeno tre stelle nell’ NCAP, non 10+ nel test della nonna.
                      avessero fatto il test all’ NCAP, e con un risultato non troppo disastroso, ci farebbero la pubblicitá, invece che con questa ridicolissima “zona deformabile il doppio piú grande che in un’ auto”…
                      …ma di che auto, di uno Smart?
                      io ci scommetterei le palle che una Classe S ce l’ ha piú grossa…
                      …o la Classe S non é un’ auto?
                      senza contare, e raccontarlo ai clienti, che questo vale solo se l’ altra auto arriva in un angolo ben definito, questo é vero anche per le auto, che per l’ Elio questo angolo dev’ essere moooolto piú stretto penso sia ovvio abbastanza.
                      all’ NCAP ci lanciano l’ auto anche di traverso sul palo, il “passato” é quello che resta dell’ eventuale guidatore dell’ Elio, se succede dal vero…

                      in un’ auto ci viaggiano di media 1.3 persone, quindi, sarebbe giá un’ auto per ciascuno, o quasi.
                      e come i clienti non rinunciano volentieri ai quattro posti, cosí non vende neanche Fiat volentieri mezza auto a un quarto del prezzo (che comunque non sarebbe realizzabile, in una serie piú grande).
                      per una sportiva o una spider peró ci rinunciano sí a due posti, e spesso anche al baule…
                      e un paio ne vengono prodotte, anche se si vendono poco e ci si guadagna ancora meno.
                      il car sharing é giá realta, e chi non ci fa parte rischia perdite immense nel futuro non troppo lontano.
                      tutte le case automobilistiche hanno i loro progetti, o collaborano con ditte (europee, americane, cinesi, giapponesi, ecc, i problemi sono piú o meno gli stessi nelle grandi cittá) che offrono questi servizi, e ci spendono anche miliardi.
                      l’ auto non é piú per tutti lo status symbol che era una volta, per tanti giovani, che nemmeno si fanno piú la patente, il bike/car sharing é giá normale, e un milione di likes, o il telefonino nuovo ogni due mesi, sono piú importanti del Golf GTI.
                      tutti i costruttori sanno giá che devono diventare fornitori di mobilitá, e lo fanno anche.
                      certo, penso anch’ io che una parte del traffico resterá personale, ma il problema resta lo spazio in cittá, per muoversi e per parcheggiare.
                      quindi, per chi andrá in giro in cittá c’ é bisogno di concetti per una o due persone, che hanno bisogno di pochissimo spazio, non che consumino forse un po’ meno in autostrada.
                      e dall’ altra parte, probabilmente i mezzi pubblici diventeranno piú personali, ci sono tanti progetti di taxi autonomi, per quattro-sei persone, scelte in base alla rotta e all’ orario di cui hanno bisogno, l’ autobus non ha piú senso, oltre che ovviamente per strade molto frequentate, ma anche lí ci sono tantissime idee piú o meno da fantascienza.
                      e qualcuno deve comunque costruire anche questi mezzi di trasporto.
                      anzi, per i costruttori diventerá molto piú pratico, visto che la maggiorparte dei veicoli saranno pubblici, quindi non personalizzati di fabbrica, ma eventualmente personalizzabili da chi li usa in quel momento.
                      e in tutte queste storie l’ Elio non ha nessun posto.

                      ok, la Panda ha due difetti, angoscia il ginocchio, e non “ha alcuna possibilitá di cruise” (??? cruisen é possibile anche in bicicletta, e non ha niente a che vedere con “veicoli da lavoro”)…
                      mentre l’ Elio angoscia completamente, non solo le ginocchia, per via dell’ effetto bara, e non ci si puó grattare né il culo né la testa senza sbattersi i gomiti da qualche parte…
                      la Panda é una macchina robusta per tutti e per non troppi soldi, lo Smart é un giocattolino costoso da fighetti in cittá, che costa di piú anche se é mezza macchina, ci mancherebbe altro che non fosse almeno meglio rifinito…
                      il confronto ci starebbe meglio con la 500, che é anche lifestyle, ed offre ancora meno spazio della Panda, e costa di più.
                      …ed é stata maledetta dalla Smart, che fino a quel punto aveva trovato in Italia il paese dei balocchi.
                      la prima serie non era neanche ben rifinita, faceva schifo da guidare, si rovesciava attorno agli alci, o dopo, con l’ ESP, si fermava giá a vedere una curva, per paura di rovesciarsi, e ti faceva cadere i piombi dai denti, consumava troppo, e costava troppo.
                      …e ne hanno venduti in un mese piú che Elio da sempre…
                      che lo Smart sia sempre stato largo non é niente di nuovo, ed ovviamente in 2.5 m di lunghezza ci sará abbastanza spazio per due…
                      la Panda é forse piú stretta perché in Italia ci sono piú stradine strette che in germania?
                      questione di scelte, mica che piú larga é l’ auto, meglio é…
                      quindi, l’ Elio, che é largo come una Panda, di fuori, e come una bara di dentro, non é meglio, ma la stronzata dell’ anno…
                      …non so che c’ entra adesso il confronto Panda-Smart, ma vabbe’…
                      la MIA é una delle tante idee di auto semplicemente piccole, e i tre posti sono ottimi per lo spazio (ma occhio alle ginocchia, dietro), difatti non ne mancano di concept e prototipi a tre posti (nonostante ci siano anche svantaggi, per via delle porte e finestre piú lontane), come per esempio il Piaggio NT3, che é ancora un po’ meno “auto” della MIA, quindi piú concentrato sulla cittá.

                      lo so benissimo che anche IKEA ha un’ online shop, che consegnano a domicilio, e addirittura progettano anche la cucina, la fanno e montano su misura.
                      lo sa Lei, che tutti ‘sti servizietti costano, e non poco?
                      se con un’ ordine da IKEA per un tavolino da 20 €, di cui me ne passano 8 in macchina (ho un coupé) spendo quello che ho risparmiato (in teoria…) con l’ Elio in un mese, ho fatto proprio un’ affare, vero?
                      poi c’ é la nonna, che nella Panda ci monta, nell’ Elio no, e il taxi costa due mesi di risparmio.
                      e mi raccomando, non si trasportano animali, piante o simili, non ci si incontra mai con piú di un’ amico, per paura di dover portare qualcuno a casa, e l’ amico non deve avere né sovrappeso, né bagagli, né claustrofobia, né aver sudato o mangiato un döner…

                      effettivamente, la Fiat ne ha avute e provocate abbastanza, di catastrofi, ma FCA sembra sia una storia diametralmente opposta, fanno qualcosa solo se son sicuri di poterla far bene, e vendere abbastanza.
                      non so se Lei sa che l’ Elio viene costruito dalla Comau, che é pressoché un laboratorio da fantascienza che appartiene a FCA.
                      quindi, non ci sarebbe niente di piú facile che comprarsi Eliomotors, casa e famiglia, e fare una Fiat Elio, fatta, con unpo’ di tecnologia ecc, se ci fosse interesse.
                      invece, evidentemente a FCA e/o Comau l’ Elio non ci frega proprio assolutamente niente, altrimenti ci sarebbe almeno un minimo di collaborazione, ma cosí male come é fatto, é piú che ovvio che non c’ é né un minimo di testa e conoscenze da parte di FCA, né un minimo di know-how della Comau.
                      ci rideranno dietro, a Elio, quelli della Comau, e a ragione!
                      per quello che riguarda Fiat, secondo me sarebbe stato il caso giá da parecchio tempo, e tempo fa ne parlavano anche, di togliere un metro di lunghezza e la panca dietro alla 500, e farci cosí una Topolino, da vera concorrente dello Smart, costerebbe alla Fiat molto poco, e si potrebbe vendere a un buon prezzo,sia per i clienti che per Fiat, ma nemmeno questo conviene, sembra.
                      il Pervers, eeehm, Peraves é una moto carrozzata, ed offre molti dei vantaggi della moto (piega in curva, é stretto quanto una moto con le valigie, pesa “relativamente poco”, 485 kg sono comunque un quintale abbondante meno di un’ Elio) con quelli dell’ auto (é chiuso, non si rovescia né al semaforo, né in curva, dove nelle pieghe piú basse si appoggia sulla rotella rientrata, non serve un differenziale), mentre un’ Elio offre piú svantaggi di tutte e due, é largo fuori e stretto dentro, le curve lé prende né divertendosi a piegare, né con la stabilitá di un’ auto, di cui peró ha motore e avantreno, quindi larghezza e parte del peso.
                      e ci scommetterei che consuma meno dell’ Elio, visto che ha motore e trasmissione da moto (BMW K100, 90 CV), aerodinamica e peso migliori, e nonostante corra fino a 240, contro i 160 dell’ Elio.
                      …ed é non solo piú stretto, ma anche mezzo metro piú corto.
                      altri hanno presentato concetti simili, ma piú “nobili”, con giroscopi invece che rotelle ausiliarie, e addirittura con quattro posti su due ruote, il che é altrettanto assurdo come un’ Elio.

                      certo che vediamo le cose in modo diverso, io sono critico, e lei accetta la pappa in bocca dal primo che passa, e Le fa pensare di avere inventato l’ acqua calda…
                      il tempo l’ ha giá dimostrato piú che ampiamente, il Kabinenroller c’ era giá 65 anni fa, ed ha avuto anche parecchio successo.
                      da quella volta mai piú é arrivato un concetto simile (e ce ne sono stati non pochi) oltre allo stadio di prototipo, oltre all’ XL1, che peró per la miniserie é diventato un’ auto.
                      mentre lo Smart é esploso come una bomba sul mercato, fregandosene che Lei pensi il concetto sia sbagliato.
                      il C1 e l’ MP3 sono stati anche costruiti e addirittura venduti, appunto perché risolvevano un problema, il Twizy si vende bene, dove ha senso comprarlo.
                      …ma l’ Elio ancora non é neanche in vendita, anche se saranno giá dieci anni che ne parlano, e se veramente arriva, sicuramente ne venderanno, come si vendono anche bambole gonfiabili coi buchi, occhi di capra come delicatezza e maglioncini di peluche verde neon per i cagnetti, che poi decide ognuno per conto suo quanto senso abbiano…
                      per quel che riguarda il futuro, l’ Elio non é previsto, é una brutta risposta a una domanda che nessuno ha posto, e non risolve nessun problema, neanche quello di “come far soldi” di chi se l’ é pensato.
                      certo, si puó anche contare sulla fede cieca dei possibili clienti, per vendere qualcosa, lo fanno non solo VW o Mercedes, ma anche qualsiasi ditta che faccia in qualche maniera pubblicitá, soprattutto quando questa promette il paradiso.
                      io peró preferisco le ditte che si impegnano a fare non solo pubblicitá, ma soprattutto un prodotto serio, che dimostri di avere dei veri vantaggi, o contribuisca a risolvere alcuni problemi.
                      un SUV almeno compensa un po’ il complesso del pisellino di qualche cliente, l’ Elio non compensa niente, e non serve a niente, soprattutto non a quello di cui vaneggiano quelli che l’ hanno inventato.
                      e se il concetto viene ripreso, allora quello del Kabinenroller (vedi VW, Audi e un paio d’ altri), non di sicuro quello dell’ Elio.

                    • 1cr

                      Dopo il modello S di Tesla motors (che anche allora seguivo assiduamente da prima dell’uscita, io ad esempio non comprerei una ferrari, ma un model S si), dopo la B0 di pininfarina Bolloré oggi castrata Bluecar coi supercapacitori… dopo la Aptera e tutto il mercato delle conversioni elettriche anche di auto d’epoca, guardando oggi ad un auto con motore a scoppio di qualunque tipo si vede un prodotto ridondante e sulla via dell’obsolescenza, salvo l’unica prerogativa che è l’autonomia… specialmente dopo le possibili applicazioni del Grafene a batterie di nuova generazione che ora sono allo studio… per non parlare della guida autonoma che lascerà disoccupati i camionisti. In alcune città Amazon punta alla consegna automatica con i droni in 30 minuti.
                      Lupo/Arosa rendevano pressapoco come una panda diesel attuale senza prestazioni ma sono anche passati un mucchio d’anni, 3,6 litri per 100km e senza un minimo brio.
                      la VW XL non la vogliono vendere ed è un esercizio di stile, il prezzo parla da se ma anche la sua ergonomia senza compromessi.
                      Elio con un 900, ma anche avesse un 650cc bicilindrico o un 300 wankel diesel… appartiene al traccheggiare, visto che Marchionne affermò che l’auto elettrica sarebbe autolesionismo, sarebbe autolesionismo ora, però bisogna comunque arrivarci, Elio è un palliativo transitorio alla questione, ma potrebbe offrire benefici immediati entro quel parametro di prezzo abbordabile, come può esserlo per un Americano passare da un dodge RAM o da un Hummer a una 500 o una yaris.
                      La panda esiste anche autocarro VAN e viene immatricolata così proprio per lavorare, ed è anche un veicolo da lavoro che angoscia il ginocchio, ha lo start e stop ma non ha il cruise control mentre invece la lancia ypsilon la 500 che hanno le stesse motoristiche per quelli che probabilmente non ne fanno un uso così intensivo come la biondina con le treccine si…
                      Vedremo

                    • naja

                      mi scusi, stavo mettendo sottosopra il mio commento, mentre Lei ha risposto, potrebbe creare confusione…

                    • naja

                      e di nuovo, ma che salti mi fa?
                      mi sembrava stessimo parlando di Elio e simili, non di Tesla e il senso di un’ auto elettrica, o di verze e pannolini, o sbaglio?
                      comunque non mi meraviglia che lei sia anche un fan di Tesla…
                      ma neanche comincio a spiegarlo adesso, Lei non vuole capire nemmeno cose molto piú semplici, quindi non avrebbe senso cominciare un ulteriore discorso gigante.

                      certo che la guida autonoma fará molti disoccupati, camionisti, tassisti, tutti i conduttori di mezzi pubblici, non solo autobus ma anche tutti quelli che puliscono le strade, le riparano o tagliano le siepi, raccolgono l’ immondizia, ecc, ecc, ecc, ecc.
                      …e quindi bisogna comprare l’ Elio, o che???

                      stiamo parlando di consumi, non di brio, e di brio ne ha un’ utilitaria diesel attuale, con anche 90 CV e un’ esagerazione di coppia in confronto all’ Elio.

                      la XL1 vorrebbero venderla, ma non la vuole nessuno.
                      hanno appena deciso di allungarne la produzione di un paio d’ anni, nella speranza (vana) di riuscire ad ammortizzarne almeno un po’ i costi.
                      e che mi parla di ergonomia, la versione di “serie” dell’ XL1 é, come ergonomia, un’ auto normalissima, mentre nell’ Elio ci entra col calzascarpe, e poi non si muove piú.
                      non l’ ergonomia, ma la tecnica é senza compromessi, per questo il prezzo.

                      prima mi parla che il motore a scoppio é obsoleto, e adesso mi parla di Wankel, e addirittura diesel???
                      o mi prende in giro, o ha problemi mentali non indifferenti, o non ha la minima idea di che cosa parla, e cerca solo di polemizzare, o non lo so proprio che ca**o Le passa per la testa…
                      non so se Le é chiaro, ma il Wankel consuma molto e brucia olio, problemi derivati dal concetto, problemi che non si possono risolvere, ma al massimo lenire, e che verrebbero moltiplicati dal maggiore rapporto di compressione necessario per il diesel.
                      problemi che hanno fatto praticamente dimenticare il Wankel prima ancora che si cominciasse a parlare seriamente di inquinamento, consumi ecc.
                      e per ben finire, il Wankel ha pochissima coppia, Lei direbbe probabilmente che non ha un minimo di brio…

                      traccheggiare? e che é ‘sta cosa?
                      Marchionne disse che sviluppare giá un ibrido sarebbe assurdo per FCA, visto che non ci sono soldi, e la tecnologia elettrica é ancora molto giovane, quindi bisogna investire molto, ma il rischio di investire nella direzione sbagliata (vedi Tesla) e buttare via soldi é troppo elevato.
                      e per conto mio ha ragione al 200%.
                      …e nel frattempo é stato presentato il Pacifica, appunto con l’ ibrido, non so comprato da chi, o sviluppato dove, ma dai dati sembra niente male, e si parla giá di Levante, e poi Giulia e Stelvio con l’ ibrido.
                      Wester aveva giá detto che una Maserati elettrica non é da escludere, ma ancora non ci si pensa, visto che la tecnica non é ancora evoluta abbastanza da soddisfare le esigenze, non so se BigJim, eeeh, Bigland intendo, la vede diversamente.
                      e di nuovo, Elio non é un palliativo ad assolutamente niente, non offre né vantaggi immediati, né ritardati, e il prezzo é per adesso ancora fantasia, e solo possibile finché i numeri prodotti sono bassissimi.
                      e che vantaggi dovrebbe avere un’ americano da una Yaris o 500, a parte consumi e dimensioni ridotte, di cui non se ne frega ma assolutammente proprio moltissimo meno di NIENTE?
                      be’, Lei vede vantaggi nell’ Elio per un’ europeo, e nel Wankel diesel rispetto a un’ obsoleto Otto, non mi meraviglia piú niente…

                      allora, nella Panda Van é difficile che dietro sieda qualcuno di grosso, visto che ha due posti soli, e mi sembrava di aver capito che il ginocchio si angoscia solo in quel caso.
                      il che é una cosa veramente tremenda, é l’ unica auto al mondo che angoscia il ginocchio, mentre tutte le altre auto del mondo sono state controllate dall’ Istituto per la salute delle ginocchia, e trovate come minimo perfette…
                      ma dai, in una BMW da 50.000 € si siede di traverso, in metá delle auto ci si sbatte la testa per entrarci, e per montare od uscire dietro ci serve l’ apriscatole, non c’ é penso piú auto al mondo che abbia una visibilitá migliore della Panda, a parte qualche cubetto giapponese, e il cruise control, mamma mia, 10 anni fa ce l’ aveva solo la Classe S, ma oggi non si puó proprio lavorare, con una Panda senza cruise control, bisognerebbe denunciare la Fiat dalla CGIL, perché rovina l’ efficienza dei lavoratori…
                      difatti, tutti usano la Panda solo in’ autostrada, l’ unico posto dove il cruise control ha (forse) senso, e questo viene considerato un sistema indispensabile per la sicurezza, o forse un’ opzione per il comfort, quindi cara e inutile su un mezzo da lavoro?
                      …e quindi molto piú qualcosa da offrire piú su auto private che pubbliche?

                    • 1cr

                      Lei continua a ristrutturare ogni mia affermazione ma basta rileggermi per visualizzare la sostanza dei miei argomenti.
                      Il motore endotermico pesa, consuma, inquina, ha bisogno di vari tipi di sensori e filtri e produce della chimica che va trasportata acquisita e smaltita, è composto di molti più componenti meccanici per cui ha bisogno di maggiore manutenzione per kilometro percorso e in virtù del fatto che è composto di più pezzi si guasta e si usura con evidente superiore probabilità statistica evitando il discorso prestazioni la cui unica differenza a favore è l’autonomia.

                      I veicoli elettrici hanno baricentro più basso questo implica una maggiore stabilità e tenuta di strada e meno ingombri per il vano motore e i suoi fluidi, questo vuol dire più spazio per tutto il resto e maggiore “tolleranza progettuale”.

                      Stavo sottolineando che qualunque meccanica abbia il motore a scoppio elio non elio e qualunque altra vettura o motorino, oggi, esso nasce in un momento di transizione.

                      Francamente provo pietà per il postino precario col suo scooter che lo senti a un kilometro… in Svizzera già oggi i postini hanno tutti scooter elettrici = 1€ per 100kilometri di consegne = nessun rumore = pochissimi fermi e costi per manutenzione.

                      Salvo il teletrasporto, parziamlente già esistente con l’on-line la progettazione remota, la stampa 3d ed altre possibilità manifatturiere e progettuali, è pressoché certo che si arriverà all’auto elettrica di massa e anche collettiva condivisa, ai veicoli elettrici autonomi compresi anche i droni per le consegne di Amazon, e frattanto, già oggi assistiamo anche a un cambiamento delle consuetudini della gente, un cambiamento dei comportamenti e dei valori funzionale, adeguato o no al nuovo tipo di ambiente sociale, all’organizzazione che le tecnologie e le opportunità disponibili già oggi.
                      Certe scelte sono implicate o nel caso di ristrettezza economica imposte. ribadisco vedremo… comunque erano le Alfa ad avere il sedile inclinato… di serie una volta che uno si paga l’optional cruise control se lo vuole lo usa se non lo vuole no però approposito di autostrada e di soldi attraversare la Lombardia con circa 208km di A4 con una panda diesel costa 8euri di gasolio contro 13,40 euri di pedaggi autostradali… i costi accessori come le tasse e questi pizzi in concessione sono totalmente parte del gioco per vedere cosa conviene… e cosa funziona.

                    • naja

                      io cerco solo di dare un minimo di struttura alla discussione, visto che mi riesce molto difficile trovare un filo conduttore nelle Sue affermazioni, delle quali non sempre si capisce la sostanza.
                      e che poi una per una richiederebbero un romanzo come risposta, ma non ho cosí tanto tempo da perderci.
                      senza contare che alle domande, critiche o pensieri contrastanti che io propongo (e sono sempre risposte a un tema che Lei ha tirato fuorii), Lei non risponde praticamente mai, ma ci pesca una parola qualunque, o preferita, e ci comincia ancora un’ altro discorso, che non c ‘ entra assolutamente con quello di prima.

                      grazie, lo so quali vantaggi offre un’ auto elettrica, ma al contrario di tanti altri so anche che oggi la costruzione delle batterie, dall’ estrazione delle materie prime all’ eventuale riciclaggio, é talmente brutale per l’ ambiente, che un’ auto elettrica tipo Golf dofrebbe far 200.000 km per ammortizzare il danno con le emissioni locali risparmiate.
                      e questo solo nel caso che l’ energia elettrica sia 100% rinnovabile, il che succede solo in Svizzera e uno dei paesi scandinavi, non mi ricordo quale adesso, una grazie alla montagna con i suoi fiumi e torrenti, l’ altra in piú coi geyser.
                      mentre nel resto d’ Europa si usa il carbone e l’ energia atomica, anche per la Tesla.
                      ahsí, dimenticavo, una batteria tiene oggi neanche 100.000 km, quindi tutto il discorso é per niente, oggi un’ auto elettrica é molto piú dannosa per l’ ambiente di una a benzina, well to whell e ritorno, visto che anche il riciclaggio delle batterie é per adesso piú o meno ancora un sogno.
                      una Tesla, che non é niente di cosí fantastico come vuol far credere, ha semplicemente tante batterie e motori potenti, ma avendo 10 volte tanto di batterie, dovrebbe fare con “una batteria” 2.000.000 di chilometri per cominciare ad essere neutrale per l’ ambiente.
                      certo, l’ auto elettrica é una delle tecnologie del futuro, per il presente é una presa in giro delle Lobby, sconvolgente che cosí tanti ci cascano, e si vantano di proteggere l’ ambiente, mentre lo distruggono piú che con un V8 americano di 50 anni fa…
                      senza contare che ricaricare le batterie richiede ancora troppo tempo e quindi anche spazio, che proprio in cittá non ce n’ é.
                      a una stazione di servizio ci si ferma oggi un paio di minuti, provi a immaginare se ogni auto deve star ferma anche solo 15 minuti.
                      il metano ridurrebbe oggi, da subito, l’ emissione di CO2 piú o meno della metá, viene giá distribuito in tutto il mondo, e si puó usare con la tecnologia Otto, non serve né inventare né costruire niente.
                      e se finalmente ci investissero un po’ di soldi nel biometano, invece che nell’ elettrica, potremmo girare giá oggi con l’ auto di oggi CO2-neutrale, o addirittura positivo!!!
                      ma evidentemente la lobby del metano non é abbastanza grande e potente da farsi sentire.

                      e continuo a non capire che c’ entri il tutto con l’ Elio, da cui siamo partiti…
                      ma di che scelte parla?
                      “certe” scelte sono implicate? ma certo, e altre sono colorate, e altre scelte sono affrettate…
                      se vuole una risposta, allora spieghi cosa intende, se almeno Lei lo sa, cosa di cui dubito giá da un po’…
                      …o imposte dalla ristrettezza economica, aspetti, mi riguardo il mio commento, per vedere a cosa potrebbe aver risposto…
                      – Tesla? no, costa un casino…
                      – l’ auto elettrica in generale? no, costa anche un casino.
                      – ah, la guida autonoma come risparmio di personale? certo, si chiama “industralizzazione”, ed é in atto da perlomeno cent’ anni.
                      non è l’ industrializzazione il problema, ma il capitalismo perverso che la controlla.
                      e non capisco in che ambito sarebbe da capire, questo discorso, tenendo presente che parlavamo di Elio…
                      – che la Panda non ha brio? be’ certo che é stato imposto dalla ristrettezza economica, della Fiat.
                      – l’ XL1? macché ristrettezza, con quello che costa…
                      – il Wankel diesel? hhm, dubito…
                      – ibrido o elettrico da FCA? é proprio la ristrettezza economica che impedisce di rischiarci soldi, mi stava dando ragione su quel punto di vista? sarei quasi sconvolto…
                      – Elio come palliativo? no, non funziona, indifferente che é che impone cosa…
                      – che la Giulietta angoscia il ginocchio? non penso sia stata questione di soldi…
                      – che la ristrettezza economica impone di dare il cruise control di serie anche sulla Panda Van? no dai, i tergicristalli dorati a 24 k sono meglio per risparmiare…

                      capisce cosa puó combinare una sola parola non precisata, in una discussione?
                      e Lei lo fa con ogni risposta, nel caso raro ne dia una…
                      non so che altro pensare, la cosa piú probabile é che neanche Lei sappia veramente che vuol dire, ma che non possa tollerare che qualcuno faccia una critica a una Sua idea, per cui ne tira fuori sempre di nuove, sperando di trovarne una dove Le si puó dar ragione…
                      quindi, non é assolutamente vero che basta rileggere, per capire la sostanza, Lei sparpaglia il tutto cosí bene che é impossibile trovarci un filo conduttore.
                      sí, ok, in qualche maniera si interessa anche Lei per clima, ambiente ecc, questo é chiaro, e poi?
                      finora mi sembra che le Sue convinzioni siano basate su quello che scrive Novella 2000 (se esiste ancora…), piú che su interesse e ricerca personale.
                      e comunque non é ancora chiaro che voglia dire, nell’ insieme, che l’ Elio salva il mondo, e se no, é perfetto comunque, e se no, é comunque ottimo, e se no, almeno bisogna salvare l’ ambiente, perché non ci sono soldi?
                      una frase come “oggi assistiamo anche a un cambiamento delle consuetudini della gente, un cambiamento dei comportamenti e dei valori funzionale, adeguato o no al nuovo tipo di ambiente sociale, all’organizzazione che le tecnologie e le opportunità disponibili già oggi”, non si rende conto che non vuol dire un cazzo?
                      Lei spero lo sappia cosa intende, ma per chi legge é assolutamente impossibile capirlo, ma neanche alla lontana.
                      uno potrebbe capirlo come “la gente diventa sempre piú stronza ed egoista, e non si sa se questo ci sta bene col fatto che si stiano ricreando ghetti, chissá se ne ha colpa la politica, o la ditta che dovrebbe costruire l’ asilo”.
                      e questa é solo una delle possibiltá, non comincio neanche ad elencare una dei milioni di alternative…
                      allora, a che cambiamento di che consuetidini, forse di che tipo di gente, di che comportamenti e valori, funzionale in che senso, cosa intende con “ambiente sociale” (il suo giro di amici, quelli che seguono la stessa religione, gli abitanti del Suo quartiere, della Sua cittá, di una cittá qualunque o tutte, quelli che si possono permettere un’ auto, quelli a cui ne serve una, quelli che guadagnano piú o meno di tot, la cultura europea, la scuola, o che cazzo, son tutti “ambienti sociali”…), l’ organizzazione di che, e di che tipo, che probabilmente viene permessa (manca un verbo…) da tecnologia e opprtunitá???
                      …io ho l’ opportunitá di andare al cesso, o farmi da mangiare, o spegnere il PC, tutte permesse dalla tecnologia, e indicate dal buon senso, prima che mi rovino ancora di piú i nervi, cercando di farLe capire qualcosa…

                      la Ellenator ha avuto un’ ottima idea, che peró non capisco cosa c’ entri col resto, come anche il pizzo autostradale…
                      per il cruise control rimando all’ esempio della serie 3 da 80.000 €, e del laghetto ghiacciato.

                    • 1cr

                      scusa …già oggi… in trasformazione.
                      la gente si adegua e trova nuove strategie e soluzioni o fallisce eccetera. cazzo.
                      Applicazione del motore a scoppio del futuro? Motore all’acqua, cioè si tratta di un motore a scoppio a idrogeno che scinde l’acqua con elettrolisi, l’acqua è già pronta, cioè il 73% della crosta terrestre, non bio qua bio la e benzina verde, alcool,metano, olio di colza e altri fluidi compresa l’urina. ACQUA, H²O.
                      Anche la difesa USA sta facendo esperimenti per le sue navi ma questa tecnologia non è ancora a punto e politicamente Ci sono pressioni delle Lobby e di tutta la filiera che vive producendo filtri, candele ecc.
                      Motore standard del futuro? Motore elettrico, a punto da sempre, basta fare un confronto nella resa di una motozappa elettrica da 1400W da 150€ contro una motozappa a scoppio qualunque che costa minimo 400. Non c’è storia (ma la motozappa ha il cavo, per ora).
                      Oggi siamo in un momento di transizione e tante cose sono in piena trasformazione.
                      Ho già fatto l’esempio della proporzione tra pedaggio e costo vivo dei consumi di una panda che è paradossale in italia; tuttavia, quando aumenterà la diffusione delle auto elettriche e sta già succedendo Zoe (appena aumentata l’autonomia a 340Km), Leaf(aumentata), NV200 (aumentata), Miev… il consumatore, mettendo da parte l’ambiente e il resto, ragionerà su tempo di ammortamento e costi variabili col petrolio in calo per questione di mercato da aumento rinnovabili … ecco che tra i 36000€ di una Zoe ultima tecnologia con una rete non a punto e diverse incertezze e incognite tecnologiche e una sorta di Elio che consuma come un cinquantino 36Km/l costando circa 5100€ in acquisto e il resto… valuterà la via vecchia e quella nuova.
                      Ancora, carissimo, Il messerschmitt funzionava e ancora oggi funziona, VEDREMO. Per ora di nuovo il Journey (pardom Freemont) e Toro… cassapanca e cassapanca con fioriera.

                    • naja

                      sí, prego, di che?
                      oggi? trasformazione?
                      sta cercando di farmi il lavaggio del cervello, o di ipnotizzarmi?
                      e giá oggi, perché sto rompendo le scatole? 🙂
                      ssssí, chi non vince perde, e le soluzioni si trovano o no, ecc, quindi?
                      the winner takes it all, ta da ta da dadaa…
                      cazzo.
                      il metano, come giá ho scritto, e chiaramente, non é il futuro, ma una possibilitá attualissima, che giá viene usata, e neanche poco, visto il disinteresse messo a mostra da stati e industria.
                      in Norditalia ce ne sono parecchie di auto a gas, la maggiorparte GPL, ma ce ne sono anche a metano, in tutta Europa, non so al di fuori.
                      Fiat, Ford, Opel, VW offrono tutte anche auto a metano, ma l’ infrastruttura é poca, e finora nessuno ha interesse a investirci.
                      o piuttosto, l’ auto elettrica é piú trendy, e nessuno ne capisce niente, ci si possono fare i miliardoni.
                      …l’ industria e l’ etica, appunto…
                      del metano se ne ricorderanno appena il petrolio diventa veramente poco.
                      la carenza, o mancanza di acqua é uno dei problemi piú grossi in tutto il mondo, non solo nel terzo.
                      e noi “civilizzati” occidentali ce ne freghiamo, e riduciamo popoli interi alla fame, no, non solo, alla sete, perché l’ acqua “serve” per le piantagioni di soia o avocado per i vegetariani che pensano di salvare il mondo, per i maiali la cui carne deve costare meno della carta igienica, per le piscine dei ricchi, per le magliette da poter vendere a 1 €, ecc.
                      mentre nel resto del mondo vengono costruite dighe gigantesche e condotti allucinanti per portare l’ acqua nei posti piú impossibili (vedi Las Vegas), che da una parte lasciano intere cittá o regioni senza acqua, dall’ altra sono spesso fatti cosí “bene”, che ne crolla spesso una, o la montagna di fianco, le dice qualcosa “Vajont”?
                      cerchi pure, si legga una “bella” storia sull’ etica dell’ industria.
                      il clima si scalda, i ghiacciai, cioé i depositi naturali di acqua, si sciolgono sempre piú, diventano sempre piú piccoli, quindi prima o poi siamo anche noi senza acqua e senza magliette, col cavolo la mettono nell’ auto.
                      e l’ elettrolisi direttamente in auto é comunque ancora fantascienza.
                      non bio qua, bio lá.
                      il metano invece viene prodotto naturalmente e in quantitá quasi infinite.
                      lo sa che una mucca inquina molto piú della macchina piú tremenda che ci sia?
                      lo sa che il Suo cane, se ne ha uno di grandezza media, produce piú CO2, tra lui e il suo cibo, che una vecchia fuoristrada?
                      lo sa che potremmo girare in auto per aiutare l’ ambiente, invece che distruggendolo, se qualcuno si decidesse a proporre qualcosa di pagabile per raccogliere il metano che produce una stalla, cosí che non arrivi nell’ atmosfera, dove é responsabile per l’ effetto serra non so piú quante volte, ma parecchie piú del CO2?
                      …e questo con l’ obsoleto motore a scoppio.
                      acqua, sicuro, ma dai, si informi un momento, ogni tanto, prima di scrivere…
                      oh, incredibile, Lei capisce cosa sono le lobby dell’ industria, e che non sono un esempio etico? complimenti, facciamo progressi notevoli…
                      diciamo che nel prossimo futuro é molto probabile che il motore elettrico abbia un ruolo molto importante, se non vogliamo esagerare.
                      ma se la politica e l’ industria non si muovono, continuerá ad essere una presa in giro che rovina ancora di piú l’ ambiente, e le tasche dei consumatori.
                      che un motore elettrico si possa costruire con molti meno pezzi e quindi costi molto piú bassi é chiaro, e allora?
                      questo si sa da tempo, e nessuno ha detto qualcosa contro il motore elettrico per sé.
                      cioé, almeno io no.

                      certo, come giá detto, se l’ Elio fosse possibile produrlo in larga scala a costi cosí bassi, se fosse tutt’ altro che l’ Elio, cosí che serva a qualcosa, che attragga invece che spaventare la gente, se mia nonna avesse avuto le rotelle non mi sarebbe servita l’ auto.
                      …scusa, nonna…
                      cioé, siamo di nuovo lí, ovviamente se i costi salgono la gente deve risparmiare da qualche altra parte, appunto soprattutto per questo sono nate 500 e Kabinenroller, questo é giustissimo, per cui é anche ovvio che mezzi alternativi diventano piú interessanti, ma anche se l’ Elio diventasse interessante, sarebbe comunque un’ idea nata male.
                      in quel caso, sí, un Kabinenroller avrebbe senso, forse anche una 500 di nuovo veramente piccola, o appunto un iRoad, che tutti avrebbero giá adesso piú senso di quanto ne avrá mai l’ Elio…
                      per 5.000 € in serie c’ é forse un motorino carenato, ma non un’ Elio, come detto, il sistema patchwork ed il prezzo cosí basso funzionano solo a livello di bricolage.
                      …se poi funzionano, cosa di cui io comunque dubito, a meno che l’ Elio sia fatto di cartone insalivato per incollarlo.
                      perché pensa che tutti i costruttori, nel caso se ne fosse accorto, che hanno cominciato vendendo auto che costano poco, prima o poi hanno dovuto cominciare a metterci qualitá e allestimenti, altrimenti non ci guadagnavano niente.
                      esempio perfetto, Tata Nano, costa anche molto meno di 10.000€, non so di preciso adesso, in teoria volevano venderla anche in Europa, almeno del sud, e quando i responsabili europei l’ hanno provata, hanno lasciato cadere tutto, perché assolutamente invendibile.
                      chissá, forse in 20 anni si vende anche la bicicletta elettrica carenata col cartone, piú senso dell’ Elio avrebbe…
                      per il momento sarebbe giá una bella cosa se i politici si decidessero di lasciar vendere le Minicars in tutta Europa, si venderebbero garantito molto piú dell’ Elio.
                      e sarebbe ora che si facciano standards a livello internazionale, il Giappone ha le K-car, la Francia le Minicar, in Italia viene ucciso chi vuole l’ auto con piú CV della caffettiera, in Svezia in un paio d’ anni ci si entra solo con un veicolo a emissioni zero, peró le prese di corrente per la ricarica si é appena adesso deciso come standardizzarle a livello europeo, qui in Germania discutono su che colori devono avere gli adesivi, che lasciano o no, entrare in cittá, a Londra non ci si entra giá oggi con un SUV, ecc.

    • don vito

      Only fools and horses….

  • Mons

    Produrre un auto nel segmento B è un bagno di sangue solo per FCA?
    Perchè gli altri produttori continuano a presidiare il settore? Sono masochisti o forse non è proprio come la racconta Marchionne?
    Pur di vedere una nuova Punto accetterei che venisse prodotta in Serbia.

    • naja

      no, ma FCA non ha soldi da investire, ancora, almeno non nella Punto, Maserati e Alfa avevano piú bisogno…
      e il segmento B richiede grossi investimenti, ma dá poco guadagno.
      anche per conto mio sarebbe importante non lasciare il segmento agli altri, anche visto che Fiat ha una storia lunga e coronata da molti successi, nelle utilitarie, o macchinette in generale.
      penso, e spero, che, se le vendite del gruppo continuano ad andare bene, una Punto potrebbe arrivare magari non proprio presto, ma almeno a medio termine, io spero nella prossima Panda, con il pianale allungato per la Punto.

      • Mons

        Basta fare ciò che si è fatto con la Tipo. Produzione in Serbia, di un modello non particolarmente attraente, ma dall’ottimo rapporto qualità/prezzo

        • naja

          ooh, povera Tipo, io la trovo riuscitissima, senza voler essere premium fa comunque una figura un bel po’ migliore di una Dacia o Hyundai…
          penso che proprio il rapporto qualitá/prezzo sia il problema, nel caso della Tipo, se ho ben capito, é stato utilizzato il C-Evo della Dart, ulteriormente modificato, non so quanto pesantemente, ma il C-Evo c’ é giá in 240 variazioni, molte delle quali nell’ ordine di grandezza della Tipo, che verrá venduta anche come Dodge Neon.
          evidentemente ha bastato, ma un segmento piú sotto la lotta é ancora piú aspra, i margini ancora piú piccoli.
          e nel frattempo sul B-Wide ci fanno di tutto (addirittura il Toro da 5 metri), ma piú niente di piccolo, la 500X ha giá dimensioni da compatta, e anche tutte le altre auto fanno parte di “Fiat lifestyle” ( a parte il Toro, che peró é gigantesco e per il Sudamerica).
          che il B-Wide sia costoso se n’ era accorta anche Mercedes, quando, anni e anni fa, rinunció alla collaborazione appunto per le utlitarie, visto che alla Fiat costava la produzione piú che alla Mercedes…
          forse per questo il B-Wide é troppo sofisticato e costoso per una “semplice” Punto, in ogni caso per una Punto da sola, Marchionne lo dice giá da tempo che senza un’ altro partner sará molto difficile che arrivi presto un’ erede, visto anche che piú che in Europa non si venderebbe tanto.
          ma allora mi chiedo se non avrebbe avuto piú senso sviluppare anche una versione “base”, tra Fiat, Lancia, forse Alfa e magari Autobianchi ci sarebbero state un po’ di possibilitá in piú, e se il pianale fosse costato meno, chissá, forse sarebbe saltato qualcun’ altro in barca.
          e adesso che arrivano anche i SUV e crossover del segmento B fará ancora piú male mancarci…
          il pianale Small della Panda é stato, 2003, il primo pianale “modulare” del Gruppo Fiat, ma tanto modulare non sembra, visto che oltre alla Panda ci hanno fatto solo 500, Ypsilon e Ford Ka, e soprattutto queste ultime due soffrono molto delle ruotine da triciclo,non capisco perché non sia mai stato modernizzato, allargato, allungato come fanno con gli altri pianali, ed hanno piuttosto usato il caro B-wide.
          insomma, la prima serie della nuova Panda arrivó nel 2003, la serie attuale nel 2011, 2019 spero che sia ora per una nuova Panda, con un nuovo Small, da allargare e allungare per la Punto, e non solo.

  • Maurizio Dallara

    O fanno la 500 5 porte fighetta più cara e quindi con una “immagine competitiva” o sennò non ha senso … C’è la tipo 5 porte ad un ottimo prezzo o la panda se non ti interessa l’immagine

    • naja

      la 500 fa parte, no, la 500 É il reparto “lifestyle” della Fiat, con i suoi derivati, e adesso con la 124, mentre del reparto “pragmatico” fanno parte Panda e Tipo, ma fra l’ una e l’ altra ce n’ é di spazio, dove ci manca appunto una Punto.
      adesso che la Tipo é diventata cosí grande, manca una Punto ancora di piú.
      una 500 a cinque porte sarebbe l’ equivalente “lifestyle” della Punto, ma quel posto ce l’ ha giá la 500 X, un’ altra cinque porte ruberebbe clienti alla X, e viceversa.