Alfa Romeo Giulia: troppe richieste, ferie ridotte a Cassino

Ottime vendite Alfa Romeo Giulia 2016

Vi abbiamo già informato negli scorsi giorni di come le cose per la nuova berlina Alfa Romeo Giulia stiano andando molto ma molto bene. Basti pensare che a giugno, primo mese di vendite per questo veicolo, nel solo mercato italiano sono state piazzate qualcosa come circa 800 unità e a quanto pare anche in questo inizio di luglio, cosi come raccontano i soliti bene informati le cose sembrano andare altrettanto bene.

Proprio per questo motivo le ferie estive dello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Piedimonte San Germano, dove questo modello viene prodotto da febbraio scorso, saranno molto brevi. Se coloro i quali lavorano alla Giulietta andranno infatti in ferie anticipate dal 25 luglio al 21 agosto, sfruttando anche la solidarietà, gli operai e i tecnici che lavorano sulla linea della berlina Alfa Romeo Giulia, viste le tante richieste del mercato,  si fermeranno solo dall’8 al 21 agosto.

Alfa Romeo Giulia: l’inizio è promettente

Insomma anche questo è un segnale che il nuovo corso del Biscione sembra essere iniziato nel migliore dei modi e questo ovviamente è un aspetto molto importante visto e considerato che accresce l’entusiasmo dei dirigenti del Biscione ed in primis dello stesso numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore delegato Sergio Marchionne, il quale gli scorsi anni ha posto come obiettivo primario del suo gruppo proprio il rilancio del noto brand italiano dell’automobilismo, che deve ritornare ai fasti del passato, quando il Biscione faceva la storia nel mondo dei motori internazionali portando in alto il nome dell’Italia nel mondo. 

alfa romeo giulia cassino
Alfa Romeo Giulia: a cassino ferie ridotte per gli operai viste le tante richieste

Cassino sempre più centrale nel rilancio del Biscione, sempre li partirà la produzione di una Giulia coupè

Dunque per il celebre stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Cassino, che tra poco festeggierà 45 anni di attività si tratta di un momento importante. Infatti grazie all’incremento della produzione dovuto ai nuovi modelli del Biscione nei prossimi mesi dovrebbe avvenire il riassorbimento totale dei lavoratori, mettendo fine anche alla cosiddetta solidarietà.

Questo dovrebbe avvenire a partire dal prossimo 22 agosto. Poi addirittura con l’inizio della produzione del primo Suv Alfa Romeo Stelvio dovrebbero avvenire le prime nuove assunzioni, cosi come promesso dal numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, il Ceo Sergio Marchionne.

Sempre a proposito di Alfa Romeo Giulia, è stato annunciato che il probabile terzo modello la cui produzione dovrebbe cominciare entro la fine del prossimo anno sempre a Cassino sarà la versione coupè di Giulia. Insomma Cassino assumerà nei prossimi anni un ruolo sempre più centrale per il rilancio di Alfa Romeo.

Ricordiamo infatti che sempre a Piedimonte San Germano dove si trovano lo stabilimento Fiat Chrsyler  al massimo nel 2018, dovrebbe arrivare anche la nuova versione della mitica Alfa Romeo Giulietta, che nascerà su una versione modificata della piattaforma modulare Giorgio, la stessa della Giulia, che in un primo momento sembrava potesse essere realizzata a Pomigliano D’arco. 

  • Salvatore Medici

  • Io in strada per ora non ne ho visto neanche una

    • è entrata in commercio da 1 settima aspetta almeno 1 mese per vederla

    • Non è uscita ad aprile?

    • È in vendita ufficiale dal 28 maggio 2016…si poteva ordinare solo online dal 3 maggio

    • Non é un miraggio vero? A Milano

    • Sì vabbè Renata Negurita cosa significa? vedere una Giulia a Milano non è record di vendite

    • devi anche dargli il tempo di produrla eh

    • Se sono iscritto al gruppo ovviamente adoro le alfa romeo…io spero solo che non faccia la fine della thema perché giriamo la frittata come vogliamo negli ultimi 20 anni alfa romeo era sinonimo di auto semi economiche, sicuramente non all’altezza di BMW, Giulia è all’altezza ma da vedere se il cliente tipo dopo essersi fidelizzato per vent’anni alle tedesche oggi cambierà bandiera….io lo spero ma non ne sono mai stato sicuro….speriamo che il tempo mi smentisca e lo dico da alfista ma soprattutto da italiano

      • umberto

        più che le auto non erano all’altezza i concessionari, purtroppo aver messo insieme negli stessi saloni Alfa e Fiat, con venditori che non sapevano neanche cosa fosse un Alfa ha creato non pochi problemi.
        Se guardiamo i modelli prodotti, 155, 156, 159 erano ben all’altezza delle straniere, come peraltro 164 e 166….. però a differenza degli stranieri che valorizzano i propri prodotti i nostri concessionari erano i primi a denigrarli.
        oggi il vento è cambiato, non solo per l’arrivo, finalmente, della Giulia, ma anche per quelle che sono le modifiche alla rete distributiva, perché puoi avere anche la migliore macchina ma se non la sai vendere non vai de nessuna parte.

  • bella ma cara…..ho visto la versione td 180 cv 50.000 euro e cambio manuale….ma sai quante audi o bmw o mercedes prendo a molto meno?

    • Hai idea delle novità e soluzioni tecniche che la Giulia ha..e che Skaudi e Biemmevù si sognano..il prezzo è giusto..e cmq sono prezzi di listino

    • No non ho idea……faccio il rappresentante e ne ho avute di ogni in 36 anni di guida…..ho bisogno purtroppo della macchina di prestigio per il mio lavoro (personalmente non me ne frega nulla e ne farei volentieri a meno) e ho pensato alla Giulia. L’unica formula interessante è con il noleggio a lungo termine, a comprarla non se ne parla nemmeno, con 50.000 euro prendo delle auto che mentre la Giulia va io gli giro intorno….

      • Alfa1967

        Se sei agente come può essere conveniente il noleggio?
        Lo è se fai pochi km.
        Oltre i 25mila km annui è una fregatura

    • infatti questo è un altro grosso impedimento. Prima di dare soldi a questi sudici degli Agnelli Elkan e compagnia bella ci penso no una ma mille volte e poi forse non ne faccio di niente…….

    • umberto

      bravo, compratele!…… se non ti piace la Giulia non sei mica obbligato a comprarla.

    • 50.000? Ti volevano fare la rapina…perché a me me la davano a 46.831 euro completa di tutto ciò che al momento è disponibile per la Giulia! E quali prenderesti di BMW e Audi complete di tutto a 50000?

    • Salvatore Corica sono stato da brandini che è il concessionario Fiat più grande di Firenze ed è anche Alfa, jeep lancia ecc. C’erano due Giulia in salone una td con accessori normali e potenza 150 cv a 35.000 euro e l’altra super accessoriata con interni in pelle color tabacco e tutto un elenco fra tecnologia , cerchi, e motore da 180 cv e nel cartello c’era scritto prezzo della vettura esposta 50.000 e spiccioli…..

      • Blackimp

        ma guarda il configuratore e spiegami come è possibile con un allestimento decente, anche prendendo il 180cv, raggiungere i 50.000 prezzo finale

      • Maurizio Dallara

        Basta fare un confronto col listino delle tedesche per vedere che a parità di equipaggiamento la Giulia costa meno di a4 Jaguar mercedes Lexus infinty e bmw, tirando in ballo anche le francesi, la talisman costa meno la ds5 è paragonabile (ma non mi sono interessato degli sconti dei concessionari)

    • Però aveva il cambio manuale

    • Blackimp

      ma se costa poco più di 40.000 solo di listino?? non spariamo cifre solo per supportare malcontenti inutili

  • umberto

    adesso qualcuno si lamenterà perché non può fare le ferie e la fiom inizierà con la solita balla dello sfruttamento!

  • Purtroppo il marchio alfa romeo non ha più l’esclusività di una volta, il cliente tipo mito o Giulietta non è lo stesso che compra Giulia…sembra di rivedere la storia thema, auto fantastica marchio non più all’altezza….speriamo in una rimonta

    • Blackimp

      vivaddio. da quando l’alfa è fiat e anche prima ha fatto sempre macchine per “appassionati alfa” non macchine buone in tutto e per tutto. ADESSO finalmente sta cambiando rotta grazie ad un modo di ragionare meno provinciale e basato sui fans.

  • Si ma fiat non è Italiana, ci lavorano solo gli schiavi italiani. Per il resto è Straniera, se la pagina Ww vi sapeva rispondere battagliava su questo tema, e vi metteva a figur e merd. Fca non è Italiana

    • umberto

      in Italia esiste il reato di schiavitù……se hai delle prove che in fiat lavorano degli schiavi è tuo obbligo denunciarlo all’autorità competente.

      • Alfonso

        La più bella risposta che io abbia mai sentito su un forum automobilistico..da incorniciare veramente

        • umberto

          Ti ringrazio….. Purtroppo sta manica di ignoranti non sa neanche cosa vuol dire la schiavitu e scrivono per ideologia e non per fatti oggettivi….. Sono imbecilli ideologizzati…. la cosa grave è che se vedessero veramente qualcuno ridotto in schiavitu non avrebbero neanche il coraggio di intervenire!

          • I servi crucchen che scrivono su questo sito, “a lora piacen vederen ingrassare culonen tedeschen grazien a contributen di proprien denaren” assomigliano molto ai sindacalisti Fiom nella loro ipocrisia. talmente Ideologizzati è prigioneri del proprio odio, che il posizionarsi contro quello che loro in qualche modo percepiscono parte del gruppo Fiat o legato ad esso (spesso solo nella loro testa) diventa sempre più una raggione di vita.
            IlGönz nostrano è l’esempio più il fulgido di questo comportamento. Il piacere che questi strani individui provono nel visitare tutti i siti web in cui si parla di Fiat, o in linea generale di auto del gruppo FCA nel mondo, con il solo scopo di spalare merda, possa causare dipendenza a chi di per se è psicologicamente vunerabile. Vi immaginate un ILGönz al contrario, che spreca buona parte del suo tempo libero a scovare i siti che parlano di auto del gruppo VW nel mondo, con l’unico scopo di spalare merda?

            Quando la Fiat ha dovuto aumentare la turnazione nello stabilimento di Melfi per far fronte a la crescente domanda per Fiat 500X, e Jeep Renegade la Fiom ha scatenato un putiferio nei media, sul fatto che Fiat d’ora in poi avrebbe sfruttava i propri lavoratori anche di Domenica. Dimenticando di dire che si trattava al massimo di una Domenica al mese, è che i lavoratori personalmenti interessati da questo cambiamento erano per lo più contenti di poter incassare la maggiorazione in busta paga legate al lavoro domenicale.
            Parliamo di 13 mensilita per circa 2 mila euro netti per 38 ore settimanali, piatto arricchito dai vari premi annuali che tengono conto sia della produttivita, che della qualita ( World Class Manufacturing) raggiunta/registrata neglii stabilimenti. A partire dal 2015 inoltre ogni lavoratore Fiat partecipa al profitto aziendale. Il tutto in una parte d’Italia dove l’affitto per un’appartamento medio si pagai 300-400€

            Mi domando come mai i sindacati, specie la combattiva Fiom che tanto sembra interessarsi del bene dei lavoratori Fiat, non spende una sola parola per i veri schiavi italiani. Quelli che si vedono costretti a raccogliere sotto il sole d’estate ortaggi per 20-25 € al giorno, spesso per 10 ore in continuazione senza avere diritto ad una minima pausa, senza nessun sicurezza lavorativa, senza avere pagato quei contributi che un domani gli potevano dare una minima pensione avere dove l’affitto per un’appartamento si 300-500€

            • umberto

              Bellissima e condivisibile descrizione….. La risposta alla tua domanda sulla fiom è semplice…. Non gli interessa minimamente dei lavoratori, gli interessano esclusivamente le poltrone e i soldi che riescono ad incassare, logicamente esentasse perché si tratta di “quote associative” …..

    • Blackimp

      chi ha progettato l’auto? Ramaciotti e il suo team. Fine.

  • Meglio no!? Bene così !

  • Alfa1967

    A giorni mi consegneranno la Giulia 150cv automatica.
    Sarà la mia sesta Alfa Romeo dal 2001, mai avuto problemi nonostante i tanti km percorsi per lavoro.
    A chi denigra i prodotti italiani gli vorrei ricordare i numerosi problemi alle turbine tedesche.
    A chi scrive di Giulia cara, dico che la mia la portò a casa con sconto agente 12% e permuta 159jtdm con 180mila km. €27000

    • umberto

      lascia che denigrino ……. comprano auto straniere perché fa figo, mica per la qualità….. e quando si rompono, perché si rompono parecchio, non possono di certo dire che hanno comprato un catorcio!
      complimenti per l’acquisto…… io aspetto il benzina, sono stanco del diesel.

      • Alfa1967

        Si riempiono la bocca di banalità e luoghi comuni.
        A loro interessa di più la plastica del cruscotto invece del motore senza problemi.
        Orgoglioso di guidare Alfa Romeo ,la Giulia chiuderà la bocca a molti.

        • umberto

          Sono semplicemente i soliti esterofili che non sanno minimamente cosa vuol dire guidare un auto, ma seguono le mode…. E gente inutile!

  • ILKönz

    L’ennesima scusa del maglionne per sfruttare gli operai come schiavi.
    Peccato però che questi dati non siano riferiti alle auto vendute ai privati e quindi circolanti, ma immatricolate dai concessionari che hanno i magazzini pieni. Ovunque si trovano fiat 500 di vari modelli a km 0. Ripeto, 500, non Maserati.
    Che poi affidarsi esclusivamente al mercato italiano come fattore per decretare il successo commerciale di un qualsiasi modello è da malati mentali: bisognerebbe ricordarsi che in Italia si vendono comunque un milione di auto in meno rispetto ai primi anni ’00.
    “i soliti bene informati”… ma non fatemi ridere!

    • PIERANGELO FAE

      Ma quanto ti piace spalare pupù…

      • umberto

        lascialo scrivere…. scarica le sue frustrazioni. Gli fa bene poverino.

    • Blackimp

      da persona che ha sempre avuto solo auto straniere – gruppo VW con un intermezzo Rover – stai dicendo una sciocchezza e parli solo per pregiudizio sciocco. Le Alfa che sto vedendo, a parte la mancanza di motori benzina un po’ grossi che stanno per essere finalmente prodotti, sono fatte decisamente bene e sono molto robuste e competitive. la mia seat leon 20vt – in tutto e per tutto meccanicamente è la vecchia golf gti o audi tt da 180cv – come le sue cugine uguali, pur essendo una macchina meravigliosa con un motore che sbrana quando si sale un pelo di giri e con una elasticità incredibile, tanto che sorpasso tranquillamente in sesta in autostrada, ha avuto un sacco di problemi all’inizio per componenti scadenti – le bobine – difettosi alla nascita. E’ pieno nei forum di gente che ha avuto gli stessi problemi alle bobine, o alla sonda lambda, su uno di quei modelli. Sono stati così stronzi quelli del gruppo VW che non hanno informato i meccanici della Seat, così tu cliente che hai speso di meno per la seat anziché comprare la VW o l’audi ti sei ritrovato per anni ad impazzire con i centri assistenza seat. Mi sostituirono UNA bobina ma erano due quelle difettose per cui continuavo a sentire singhiozzi in ripresa a bassi giri. Un giorno “finalmente” il motore andò definitivamente a 3. Mi sostituirono tutte le bobine – ovviamente cambiai diversi centri assistenza nel frattempo – e la macchina andò da dio come va tutt’oggi. Dopo che cambiai le bobine ci fu il richiamo ufficiale – dopo una decina di anni dall’acquisto!! – e la cosa veramente stronza è che malgrado questo non mi hanno rimborsato le bobine che ho cambiato io prima. Di buono c’è che sostituisco la frizione solo adesso a 150.000km perché un pelo indurita ma non slitta neanche un pelo ma me ne è successa una molto peggiore: mi si è rotta la forcella prima-seconda. Quando il meccanico – un esperto di cambi che prepara macchine da gara e riparava cambi per tutta italia – mi ha fatto vedere la forcella rotta mi sono cadute le … braccia. Il punto di rottura era chiaramente un punto di debolezza pensato malissimo. Questo per dire che se anche sono fatte bene le macchine tedesche, non è che i costruttori non facciano anche delle porcate o si comportino in modo scorretto. Leggendo tutti i forum anche inglesi e vedendo amici che hanno la Giulietta, non hanno avuto quasi mai problemi, se non con il dna all’inizio. Il cambio della Giulietta – tra l’altro credo sia tedesco – è forse migliore del mio, mi duole dirlo. Questo per dire che stai volutamente spalando m…a su un brand per partito preso. E’ parzialmente vero quel che dici sulle vendite ma basta vedere i video con le recensioni straniere della Giulia – si anche di tedeschi! – per capire che stai decisamente sparlando a caso.

      • ILKönz

        Mi spiace essere così duro e cinico, ma NON ME NE FREGA NIENTE delle vostre esperienze personali con questo o quel modello.
        Avete davvero rotto le balle con questo metro di giudizio da bar di periferia. Eeeh io ho avuto problemi con il modello X, quindi il modello X è una merda.
        E quindi? Seat fallirà forse domani perchè tu sei stato così sfortunato?
        E le recensioni che vai osannando sono per la maggior parte riguardanti la Quadrifoglio, grazie al cavolo che ne parlano bene, visto che è il top di gamma. Però per versioni più normali ci sono fior di pareri, per il 90% in lingua inglese, che nonostante non nascondano le doti dinamiche della Giulia da una parte, dall’altra mettono in risalto senza pietà svariate pecche a livello di qualità costruttiva o qualità percepita.
        In Europa magari qualcuno chiuderà pure un occhio, e in Italia non ne parliamo perchè è piena di sedicenti “alfisti” che non vedono l’ora di fare i fenomeni del volante senza esserne in grado.
        Ma negli USA, dove c’è un livello di consapevolezza dell’automobilista medio ben maggiore, una berlina che “corre” ma che si smonta soltanto a guardarla verrà snobbata senza colpo ferire.
        E già FCA da quelle parti gode di una pessima fama in affidabilità e soddisfazione prodotto/cliente. Vai a leggerti le loro classifiche periodiche JD e CR e fatti due risate anche te. O piangi, come ti pare, ma risparmiami l’ennesima menata da “eeeh questa macchina l’ho avuta quindi è così e cosà”
        Forse non sai che il mercato principale per FCA è proprio quello americano, e se Alfa non fa “il botto” da quelle parti è finita.
        Ti faccio pure lo spelling, per sicurezza:
        FI-NI-TA.
        Non ci sarà nessuno che la salverà stavolta, nemmeno i cinesi.
        Grazie e buona giornata.

        • Blackimp

          va beh non hai capito una mazza o non vuoi capire. Hai rotto tu le palle di dire scemenze senza usare il cervello: ti ho parlato di dati statistici e la mia esperienza personale mi ha poi indotto a cercare informazioni appunto su grandi numeri. Se non vuoi capire cavoli tuoi. Ma tu risparmia i tuoi commenti inutili se non capisci nulla neanche di quello che ti si scrive

        • umberto

          Dimostri come sempre di non capire un cazzo! Critichi in continuo l’Alfa e non accetti che gli altri dicano la verità su quei catorci che tanto ami! A NOI DI QUEI TUOI CESSI NON CE NE FREGA NULLA TORNATENE PURE NELLA TUA FOGNA DI CRUCCHI E NON ROMPERE LE SCATOLE VENDUTO! A differenza dei tuoi cessi l’Alfa è sempre l’Alfa !

        • Fippo

          Caro Konzo, quando leggi le belle notizie sul gruppo FCA per caso ti sale un embolo al cervello? Sai….quando vengono messe in mostra le novità o le buone performance del gruppo ti trovo sempre qui a sparlare ed a lanciare cacca a raffica. Mai…. ti ho visto sparlare dei tuoi Vaggari o crucchi che siano. Ma almeno ti pagano per farlo? Poi sarà come dici te sull’affidabilità Fca, allora come lo spieghi che sia in Usa che in EU è l’unica società che ha sovraperformato il mercato, e solo in in Usa cresce nelle vendite più di Ford Gm e Toyota. Inoltre Seat, VW e tutta la trafila meritava di fallire già qualche mese fa, che metro di giudizio hanno i tuoi amici tedeschi? Agli americani mettono sul piatto 16 mld per il dieselgate e in EU nisba, come dire vi attaccate alla marmitta e te li ciucci se non vuoi inquinare.
          Poi sai ….siccome so tedeschi come ovvio devono essere di qualità e ci si può fidare ad occhi chiusi…..siiiiii come no……….infatti si è visto quanto ci si può fidare…..ti consiglio di andare a vedere la recensione dell’Audi A4 su Omniauto e vedrai che anche le tue belle auto scricchiolano e peccano in qualità di assemblaggio.

          • umberto

            Le critiche alle sue cariole crucche non riesce a leggerle ….. È troppo ignorante e invidioso!

  • Vincent

    Ho il timore che questi primi ordini siano acquisti di pancia come si suol dire e che passata la sbornia le vendite freneranno. Premetto che sono apossesore attualmente, sia di alfa che bmw. Mi dispiace ammetterlo ma questa Giulia mi sembra un gradino sotto le tedesche, ma la delusione più grande è stata il non ritrovare lo spirito Alfa, così decantato in questo mesi. Evidentemente non sapevano di ciò che parlavano. Sinceramente mi fece più effetto la 156 di de Silva all’epoca.

    • umberto

      È indubbiamente soggettivo, a me la 156 è iniziata a piacere un po’ solo dopo che è andata fuori produzione…. E onestamente se questa è la migliore opera di De Silva allora Poteva dedicarsi ad altro.
      La Giulia non mi sembra proprio sotto le tedesche, ma questo lo potrò scoprire solo dopo che inizierò ad usarla quotidianamente….. Considerato che ho avuto per un periodo una Bmw, spero proprio che la Giulia non sia così…. Quel catorcio era sempre in officina! E la qualità tedesca, la vogliono sempre controllare!!!!

      • Vincent

        Non alludevo al gusto soggettivo, ma allo spirito Alfa che solo i veri alfisti lo sanno riconoscere e che nella 156 se ne percepiva la presenza.
        Sul fatto che De Silva doveva fare altro non sono affatto d’accordo, il suo è stato un capolavoro, è riuscito ad interpretare in chiave moderna degli stilemi tipici delle vecchie alfa, quelle che hanno fatto la storia del marchio, senza scivolare nel pacchiano, come è facile vedere dei veri sgorbi oggigiorno. E poi a dirla tutta un altro capolavoro di Alfa dell’era Fiat,ci è stato regalato dal grande Enrico Fumìa, che con grandi limiti imposti dalla produzione dell’epoca, riuscì a tracciare linee nuove con l’interpretazione di particolari quasi nascosti delle vecchie Alfa.

        • umberto

          E si vede che non sarò un vero Alfista, ma con la 156 all’esterno non ci vedo granché del passato Alfa, onestamente lo trovo molto più presente sulla 159.

          • Vincent

            E’ molto piacevole interloquire con te Umberto, perché anche se come mi sembra, abbiamo pareri diversi, riesci a mantenere un tono pacato e disteso indice di educazione e rispetto. (almeno così mi è parso).
            Hai perfettamente ragione a non trovare similitudini nella 156 con i modelli da te citati, ma semplicemente perché hai sbagliato epoca. Devi andare ancora più indietro ed esattamente ai tempi della 6c 2300 per accorgerti che il trilobo annegato nel paraurti con le feritoie intorno non è lì per caso. Se poi proviamo ad entrare all’interno della 156 quei due cannocchiali fusi al resto del cruscotto è un indubbio richiamo alla giulia gt.
            Se ti riferisci al De Silva del gruppo VW ed alle Alfa di Pinifarina sono completamente d’accordo, ma d’accordo con stretta di mano……

            • umberto

              il confronto deve sempre essere rispettoso degli altri…. questa è la mia abitudine di vita e non la cambierei mai, neanche dietro all’anonimato di una tastiera. L’unico per cui mi concedo un’eccezione a questa regola è quell’ignorante e venduto che scrive sovente su queste pagine una tale infinità di stupidate e si permette sempre di denigrare chi la pensa diversamente da lui.
              Detto questo, e ringraziandoti comunque dell’apprezzamento, concordo in pieno per quanto riguarda gli interni, difatti avrai notato che il mio riferimento era all’esterno dell’auto.
              Ho provato a confrontare le foto della 156 con la 6c, sicuramente posso trovarvi nel frontale dei richiami, anche se in proporzioni diverse, però erano due linee e due mondi completamente differenti, i quali purtroppo non bastano a far rivivere, a mio modesto pare, quello che è lo spirito che ha caratterizzato l’evoluzione dell’Alfa Romeo dalla prima Giulietta all’Alfa 75.
              La 156 non è una brutta auto, peraltro da appassionato sfegatato ti posso dire che per me è bella pure l’Arna, però questa “rottura” di linea, il posteriore troppo piccolo, l’altezza da terra nella visione posteriore e l’anteriore del primo modello, non mi hanno entusiasmato quando è stata presentata, quindi, per un semplice gusto soggettivo, non condivido tutto il valore che è stato dato a De Silva per aver progettato questa auto….. .

    • Alfa1967

      Il mio non e’ una scelta di pancia.
      Non vedo l’ora che mi chiamino per la consegna.
      Se la guidi ti innamori

  • Blackimp

    ma qualcuno ha visto mezza recensione, magari estera, della Giulia prima di frignare come bambini che non hanno avuto il giocattolo del colore che volevano? no così… perché sembra veramente che le chiacchere da bar dominino.

  • Maurizio Viola

    Le ferie vengono gestite in funzione degli accordi sindacali, che prevedono un certo grado di flessibilità; in ogni caso credo che i tecnici di Cassino, dopo anni di ferie forzate (cig e solidarietà), non abbiamo nessuna voglia di perdere il treno produttivo che si è messo in moto alla grande, come hanno fatto in precedenza i loro colleghi di Melfi!