,

Alfa Romeo Giulia: troppe richieste, ferie ridotte a Cassino

Vi abbiamo già informato negli scorsi giorni di come le cose per la nuova berlina Alfa Romeo Giulia stiano andando molto ma molto bene. Basti pensare che a giugno, primo mese di vendite per questo veicolo, nel solo mercato italiano sono state piazzate qualcosa come circa 800 unità e a quanto pare anche in questo inizio di luglio, cosi come raccontano i soliti bene informati le cose sembrano andare altrettanto bene.

Proprio per questo motivo le ferie estive dello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Piedimonte San Germano, dove questo modello viene prodotto da febbraio scorso, saranno molto brevi. Se coloro i quali lavorano alla Giulietta andranno infatti in ferie anticipate dal 25 luglio al 21 agosto, sfruttando anche la solidarietà, gli operai e i tecnici che lavorano sulla linea della berlina Alfa Romeo Giulia, viste le tante richieste del mercato,  si fermeranno solo dall’8 al 21 agosto.

Alfa Romeo Giulia: l’inizio è promettente

Insomma anche questo è un segnale che il nuovo corso del Biscione sembra essere iniziato nel migliore dei modi e questo ovviamente è un aspetto molto importante visto e considerato che accresce l’entusiasmo dei dirigenti del Biscione ed in primis dello stesso numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore delegato Sergio Marchionne, il quale gli scorsi anni ha posto come obiettivo primario del suo gruppo proprio il rilancio del noto brand italiano dell’automobilismo, che deve ritornare ai fasti del passato, quando il Biscione faceva la storia nel mondo dei motori internazionali portando in alto il nome dell’Italia nel mondo. 

alfa romeo giulia cassino
Alfa Romeo Giulia: a cassino ferie ridotte per gli operai viste le tante richieste

Cassino sempre più centrale nel rilancio del Biscione, sempre li partirà la produzione di una Giulia coupè

Dunque per il celebre stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Cassino, che tra poco festeggierà 45 anni di attività si tratta di un momento importante. Infatti grazie all’incremento della produzione dovuto ai nuovi modelli del Biscione nei prossimi mesi dovrebbe avvenire il riassorbimento totale dei lavoratori, mettendo fine anche alla cosiddetta solidarietà.

Questo dovrebbe avvenire a partire dal prossimo 22 agosto. Poi addirittura con l’inizio della produzione del primo Suv Alfa Romeo Stelvio dovrebbero avvenire le prime nuove assunzioni, cosi come promesso dal numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, il Ceo Sergio Marchionne.

Sempre a proposito di Alfa Romeo Giulia, è stato annunciato che il probabile terzo modello la cui produzione dovrebbe cominciare entro la fine del prossimo anno sempre a Cassino sarà la versione coupè di Giulia. Insomma Cassino assumerà nei prossimi anni un ruolo sempre più centrale per il rilancio di Alfa Romeo.

Ricordiamo infatti che sempre a Piedimonte San Germano dove si trovano lo stabilimento Fiat Chrsyler  al massimo nel 2018, dovrebbe arrivare anche la nuova versione della mitica Alfa Romeo Giulietta, che nascerà su una versione modificata della piattaforma modulare Giorgio, la stessa della Giulia, che in un primo momento sembrava potesse essere realizzata a Pomigliano D’arco. 

Lascia un commento

Loading…