Alfa Romeo: I motori della futura ammiraglia di segmento E

di -

Dopo il lancio commerciale della nuova Alfa Romeo Giulia e la presentazione, sempre più vicina, del nuovo D-SUV Stelvio, atteso in autunno, la casa italiana concentrerà i suoi sforzi sul segmento E del mercato in cui si registrerà il lancio di una nuova berlina, la futura ammiraglia del marchio italiano che, alcuni rumors, chiamano Alfetta. Il progetto nascerà, come anticipato nei giorni scorsi, su di una versione leggermente modificata della piattaforma a trazione posteriore Giorgio, la stessa della Giulia, e condividerà diversi elementi tecnici con la nuova berlina.

Sebbene sia ancora presto per informazioni dettagliate e definitive, la nuova ammiraglia di casa Alfa Romeo, che dovrebbe debuttare soltanto nel 2018 (nel 2017 è attesa la nuova Giulietta), può già contare su di una gamma di motorizzazioni piuttosto definita. La versione “base” della nuova Alfetta potrà contare sui motori della Giulia, il 2.0 Turbo benzina, nella variante da 280 CV che arriverà con la Giulia americana, e il 2.2 Turbodiesel in una versione ad alte prestazioni non ancora annunciata (la Giulia può contare sui powerstep da 150 e 180 CV di questo motore).

Il listino della nuova ammiraglia di segmento E di casa Alfa Romeo sarà, in ogni caso, molto articolato. Per massimizzare le vendite in Europa, la berlina potrà contare su di una gamma di unità turbodiesel di assoluto livello in cui si registrerà il debutto dei primi motori sei cilindri a gasolio di nuova generazione che dovrebbero garantire prestazioni eccellenti e consumi decisamente ridotti. Naturalmente, la sorella più grande della Giulia potrà contare anche su diverse varianti a trazione integrale, una caratteristica essenziale per conquistare diversi mercati internazionali. La berlina sarà disponibile con cambio automatico ad otto rapporti o con un manuale a sei marce.

Alfa Romeo: L’ammiraglia sarà ibrida

La nuova ammiraglia di segmento E di casa Alfa Romeo dovrebbe essere la prima Alfa Romeo di nuova generazione a poter contare, grazie alla flessibilità della piattaforma Giorgio, su di un sistema ibrido che probabilmente dovrebbe presentare diversi punti in comune con la variante ibrida del Maserati Levante, il nuovo SUV di casa Maserati prodotto a Mirafiori (proprio nello stabilimento piemontese Alfa Romeo dovrebbe produrre la berlina ed il SUV di segmento E).

Ricordiamo che la futura variante ibrida del Levante, che dovrebbe debuttare nel corso della prima parte del 2017, deriva direttamente dalla Chrysler Pacifica, la prima vettura ibrida di FCA che ha debuttato ufficialmente ad inizio 2016 nel corso del Salone dell’auto di Detroit. La versione ibrida della nuova Alfetta dovrebbe essere disponibile già nei primi mesi di commercializzazione della berlina.

Attesa anche una variante Quadrifoglio

La gamma di vetture super-sportive Quadrifoglio è destinata ad allargarsi. In attesa di capire se lo Stelvio avrà una variante ad alte prestazioni, ad oggi possiamo già affermare che la futura ammiraglia della casa italiana potrà fregiarsi del Quadrifoglio. La versione top di gamma della futura berlina di segmento E dovrebbe montare lo stesso motore della Giulia Quadrifoglio, il 2.9 V6 che potrebbe essere proposto in una variante aggiornata ed arricchita da qualche cavallo in più. Questo motore consentirà alla berlina di sfidare, e probabilmente battere, le dirette rivali come la  BMW M5, l’AMG E 63 e l’Audi RS 6.giulia quadrifoglio

Maggiori dettagli in merito alla nuova ammiraglia di casa Alfa Romeo dovrebbero emergere, senza alcun dubbio, nel corso delle prossime settimane. Ricordiamo che il prossimo appuntamento con le novità di casa Alfa Romeo è programmato, a meno di sorprese, per ottobre con la presentazione dello Stelvio al Salone di Parigi 2016. Nel corso del 2017, come detto in precedenza, dovrebbe debuttare la nuova generazione della Giulietta anche se, anche in questo caso, non vi sono informazioni precise in merito. Per il momento, quindi, non ci resta continuare ad attendere l’arrivo di nuovi dettagli in merito alle future vetture che arriveranno ad arricchire la gamma di casa Alfa Romeo.

  • Maurizio

    Ibrida! … wow questa si che potrebbe aver successo!