Partono lunedì 7 settembre i lavori di pre-produzione del nuovo SUV Maserati Levante nello stabilimento FCA di Mirafiori che dopo cinque anni di cassa integrazione torna in attività con la possibilità di guardare al futuro con speranza, ambizione e tanto lavoro da fare. I primi trecento dipendenti di FCA entreranno in attività già lunedì ma entro la fine della settimana saranno circa 1500 i dipendenti che torneranno a lavoro. Nelle prossime settimane sono già programmati diversi corsi di formazione per preparare al meglio i lavoratori alle nuove mansioni che andranno a svolgere nei prossimi mesi. Ricordiamo che, ad oggi, a Mirafiori si produce, a ritmo ridottissimo in relazione alle potenzialità dello stabilimento, soltanto l’Alfa Romeo MiTo.Maserati Levante 1A breve, inoltre, inizierà la produzione dei primi prototipi del nuovo Maserati Levante la cui carrozzeria dovrebbe essere già pronta. In questi mesi, infatti, Maserati ha sempre testato la base del suo nuovo SUV sfruttando una carrozzeria modificata della Ghibli ma, a partire probabilmente da fine settembre, dovremmo essere in grado di avvistare in strada, grazie alle immancabili foto spia, i primi muletti completi del nuovo Levante, l’asso nella manica per il brand Maserati che, proprio grazie al suo nuovo SUV, mira a compiere il passo decisivo verso il raggiungimento dei suoi obiettivi di vendita che, ricordiamo, sono stati fissati dal piano industriale di Fiat Chrysler Automobiles in 75 mila unità vendute all’anno da raggiungere entro la fine del 2018. Maserati Levante, la produzione al via a gennaio

Il nuovo SUV Maserati Levante, nei piani del gruppo italo-americano, dovrebbe raggiungere un livello produttivo di circa 20 mila unità all’anno una volta che la produzione e la successiva commercializzazione saranno entrate a pieno regime. Le potenzialità del segmento di mercato dei SUV sono però enormi ed il Levante dovrebbe avere tutte le carte in regola per andare oltre alle aspettative, comunque conservative, di Maserati.

Maserati Levante si mostra nei disegni dei brevetti

In ogni caso, lo stabilimento di Mirafiori sarà pronto già dalla prossima settimana per entrare a pieno regime in attività affiancandosi cosi al vicino stabilimento di Grugliasco dove vengono prodotte la Maserati Ghibli e la Maserati Quattroporte che, entro il prossimo anno, dovrebbero superare una quota complessiva di 40 mila unità all’anno. Maserati Levante 2

Stando a quanto emerso nelle scorse settimane, la produzione effettiva del nuovo SUV Maserati Levante dovrebbe avviarsi a gennaio del prossimo anno. La presentazione ufficiale in pubblico del nuovo SUV dovrebbe avvenire praticamente in parallelo all’avvio dei lavori di produzione. La scelta di Maserati è, infatti, caduta sul Salone dell’auto di Detroit in programma proprio ad inizio del mese di gennaio. L’evento fieristico di Detroit rappresenta il più importante evento per il mercato nordamericano che, per il Levante, rappresenterà, senza alcun dubbio, il mercato principale insieme alla Cina. Continuate, quindi, a seguirci anche nel corso dei prossimi giorni per restare in contatto con tutte le novità e gli aggiornamenti legati al progetto del nuovo SUV Maserati Levante e allo stabilimento di Mirafiori. Maggiori informazioni in merito arriveranno, infatti, già a partire dalla prossima settimana.

  • Alberto Lo Monaco

    Ma è una Hunday???

    • Doriano Battagin

      sicuro la Maserati deve copiare da una Hunday, mi sembrano mercati e prodotti completamente diversi

  • orazio.bacci

    Ma queste macchine bestiali che mascherano l’aggressività e non l’amore per l’auto in sè,dove vanno,ma non fatemi ridere miserabili pieni di soldi,non si vedono che crossover e suv,smania di potere dell’egoismo umano per voi va bene il film ” Ultimatum alla Terra “…………….

  • orazio.bacci

    Poi dove cribbio andate con questa moda stupida,che è tutto ormai asfaltato? E solo per esibizionismo da cafoni,ma ragionate!

    • Doriano Battagin

      invidioso, rosiki male per essere un Italiano, ma forse sei comunista

  • Gianni Stella

    complimenti per la qualità giornalistica dei vostri articoli, diventata RARISSIMA su internet, bravi ClubAlfa!