Alfa Romeo Giulia, i prezzi dovrebbero partire da 30.000 Euro

di -
Alfa Romeo Giulia prezzi

Nella giornata di ieri, ad Arese, con il debutto della nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio Verde si è aperta una nuova era per Alfa Romeo. La nuova berlina segna, infatti, l’inizio di un lungo percorso che, se tutto andrà come deve, porterà il marchio al raggiungimento del target di 400 mila unità vendute all’anno entro la fine del 2018. 

Uno degli aspetti ancora da chiarire della nuova Alfa Romeo Giulia, in produzione entro fine anno, è rappresentato dal listino prezzi con cui la nuova berlina di segmento D si presenterà sul mercato. Marchionne e i dirigenti di Alfa Romeo non hanno fatto alcun riferimento ad un possibile prezzo di vendita ma i rumors, già nelle ore successive il debutto, non sono mancati di certo. Secondo diverse fonti, infatti, la nuova Alfa Romeo Giulia dovrebbe presentarsi con un listino prezzi da vera berlina premium con un prezzo di partenza di circa 30.000 Euro. Le principali rivali della nuova Giulia, infatti, si attestano proprio su questo livello. La BMW Serie 3, ad esempio, parte da 31.500 Euro e l’Audi A4 parte da poco meno di 31 mila Euro. Questo prezzo si riferirà alla versione entry level benzina della nuova Alfa Romeo Giulia che dovrebbe montare uno dei nuovi motori la cui produzione è iniziata in queste settimane a Termoli.

La nuova Alfa Romeo Giulia entrerà in produzione ad ottobre, debutto sul mercato ad inizio 2016

Per quanto riguarda le motorizzazioni diesel, sia la BMW Serie 3 che l’Audi A4, presenta una versione entry level sempre intorno ai 30-31 mila Euro. La nuova Alfa Romeo Giulia potrebbe, invece, presentare una versione turbodiesel d’accesso alla gamma caratterizzata da una potenza superiore rispetto alle rivali, che arrivano a 120 CV. Il prezzo potrebbe essere superiore di qualche migliaia di Euro che però serviranno a garantire prestazioni nettamente superiori. Anche in questo caso però sarà necessario attendere il rilascio di nuove informazioni da parte di Alfa Romeo.

Per quanto riguarda la nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio Verde, vero e proprio simbolo della rinascita del marchio italiano, le tempistiche di arrivo sul mercato non dovrebbero essere troppo differenti. Le prime consegne della nuova sportiva sono, infatti, fissate per la prima parte del prossimo anno. Naturalmente, il listino prezzi sarà sensibilmente differente.

Il primo video ufficiale della nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio Verde

La nuova versione sportiva della Giulia, che ricordiamo monta un motore  V6 biturbo da 3.0 in grado di erogare una potenza massima pari a ben 510 CV e di garantire uno 0-100 km/h in 3.9 secondi, dovrebbe presentarsi sul mercato con un listino da 80/90 mila Euro, superiore anche all’Alfa Romeo 4C. Cifre di tutto rispetto che però permetteranno ai fortunati clienti futuri di guidare una vettura sportiva senza compromessi in grado di offrire prestazioni al top della sua categoria e di incarnare al meglio l’essenza del marchio e della storia di Alfa Romeo. Maggiori dettagli in merito ai prezzi della nuova Alfa Romeo Giulia e della sua versione Quadrifoglio Verde arriveranno, con ogni probabilità, a settembre quando la nuova berlina debutterà in pubblico al Salone dell’auto di Francoforte, la fiera dedicata al mondo delle quattro ruote che rappresenterà una vetrina perfetta per la prima apparizione della Giulia dopo l’evento di ieri ad Arese. Nei prossimi giorni potrebbero, in ogni caso, emergere nuovi dettagli.

  • don vito

    Entry level 1,4 turbobenzina 150 cv.Entry level diesel 1,6 mutijet 150 cv.

    • Darkhalo

      Entry level benzina 2.0 180cv e Diesel 2.2 136cv.

    • Blackimp

      ma su dai… già usare il 1.4 strizzato a 170cv sulla Giulietta è una presa in giro. Su questa sarebbe totalmente ridicolo. Per fortuna si sono decisi ad adottare un 2 litri da cui tirano fuori diversi tagli di potenza.

  • PatrickGE

    Sbav

  • orazio.bacci

    I prezzi dell’Alfa Giulia mi sembrano più/meno come le sue dirette concorrenti,BMW,Mercedes,Audi.

  • Almeno in Italia, se i prezzi saranno quelli ipotizzati, vedo la macchina sostanzialmente irrilevante nel mondo delle flotte aziendali dove oltre al costo di acquisto conta anche il valore di rivendita atteso (che per il biscione non è storicamente a livello dei marchi premium tedeschi) nel determinare il costo del leasing.