Tesla, 20 anni di successi e polemiche per la regina dell’elettrico

Ippolito V
Vent’anni fa nasceva la Tesla: in questi decenni ha spesso destato clamore, compiendo spesso delle imprese impossibili
Tesla Roadster 2008

Non lo si direbbe, in quanto il suo nome è salito agli onori delle cronache soprattutto negli ultimi anni. Eppure, la Tesla compie la bellezza di 20 anni. Costituita a San Carlos, in California, il 1° luglio del 2003, in onore di Nikola Tesla, ritenuto il padre della mobilità elettrica, ha avuto subito il coraggio di osare. Anziché annoverare i motori a combustione interna, quando ancora le bev erano poco più di un sogno, la Casa ha tirato dritto verso le zero emissioni.

Tesla, 20 anni di innovazione e sfide nel mondo dell’auto

tesla model y

A dispetto della EV1 targata General Motors, uscita nel 1996, un flop a livello di vendite, i padri fondatori Martin Eberhand e Marc Tarpenning tentano la scommessa e nel 2004 irrompe in scena Elon Musk. L’imprenditore sudafricano, reduce dal successo con PayPal, acquisita da eBay due anni prima, è il nuovo azionista principale della compagnia.

Nel frattempo, viene presentata la Roadster, che entra in produzione durante il 2008. È il primo veicolo di serie di marchio, che da allora in avanti non si è mai più fermato. Dotata dello stesso telaio leggero della Lotus Elise, sviluppa 288 CV con il suo motore asincrono trifase. Il pacco batterie raggiunge, invece, una capacità di 56 kWh.

Un’altra tappa cruciale è costituita dall’ingresso negli azionisti della Daimler, che se ne assicura il 10 per cento delle quote nel 2009: le venderà nel 2014 per 780 milioni di euro.

La concept car della Model S viene mostrata al pubblico, rivestendo il ruolo di ammiraglia della gamma. Dietro vi è pure la sovvenzione dell’amministrazione Obama, con cui riceve in dote 500 milioni di euro. 200 ne raccoglierà con l’ingresso in borsa, decretato il 29 giugno del 2010 a Wall Street.

Nel 2012 la Tesla Model S raggiunge la forma definitiva e partono le consegne. Dalla silhouette sinuosa e aerodinamica, l’esemplare conta su batterie di celle 18650 da 40, 60 e 85 kWh. Vengono, contestualmente, inaugurate le stazioni ultrafast, di cui si sta facendo un gran parlare, dati gli accordi in territorio nordamericano con Case in teoria rivali.

Modelli Tesla

Il successo traguardo è l’approdo dell’Autopilot, un sistema di guida assistita di livello 2, introdotto nel 2014 sulla Model S. È il fiore all’occhiello delle tecnologie della compagnia, accolto in termini perlopiù positivi dal pubblico, anche se non mancano le controversie legati ad alcuni presunti problemi di sicurezza, con l’Autopilot che avrebbe causato degli incidenti.

Da lì la Tesla è pronta a fare sul serio: man mano guadagnerà quote e il successo della Model Y, la prima bev di sempre a essere la più venduta al mondo, rappresenta il coronamento di una scalata continua alle posizioni che contano del settore automotive. E se fossimo appena all’inizio?

Marca:    Argomento: 
Share to...