BMW Serie 1, il restyling è in arrivo: ecco come cambierà la hatchback tedesca

Ippolito V
BMW Serie 1 2024 render

Le recenti foto spia inducono addirittura a credere che dalla divisione “M” ne tireranno fuori una sportiva in… miniatura. Anche se dall’azienda non trapelano comunicazioni ufficiali, l’aggiornamento della BMW Serie 1 è uno dei temi più dibattuti tra gli appassionati della Casa automobilistica dell’Elica. E basta davvero poco per accendere la fantasia dei fan.

Del resto, rispetto alle sorelle maggiori, costa meno e, per via di ciò, si rivolge a una platea di pubblico più ampia. Qualunque sia l’opinione in merito, la sensazione è che da qui in avanti ne vedremo delle belle. Ogni aggiornamento da parte del Costruttore stesso sarà, ovviamente, più che ben accetto. Nel frattempo, però, cerchiamo di ingannare l’attesa attraverso un render stuzzicante, anche perché plausibile, alla luce delle mosse adottate dal marchio in tempi recenti.

BMW Serie 1, il restyling si fa desiderare: le anticipazioni

BMW Serie 1 render

La terza generazione dell’hatchback bavarese è stata lanciata per la prima volta nel 2019 e, se la matematica non è un’opinione, nel corso del 2023 cade il suo quarto anniversario. Passare già al quarto capitolo appare francamente eccessivo, perché, in fondo, non è così vecchia. Al contrario, sembrano esserci delle buone probabilità di accogliere il restyling. Una “rispolverata” agli stilemi, con l’aggiunta di qualche affinamento, saprebbe conferire alla BMW Serie 1 ulteriore slancio nelle vendite.

Del resto, non c’è modo di battere la fiacca. Delle realtà emergenti sono pronte a soffiare il posto nel segmento e, pertanto, occorre rispondere colpo su colpo, in linea con le recenti innovazioni nel settore. La velocità con cui il settore dell’automotive evolve è più che mai sostenuta e fingere il contrario non può portare a risoluzioni positive. Ma resta da capire in quale direzione intendano muoversi i progettisti tedeschi. Cos’avranno in serbo con la BMW Serie 1 facelift 2024?

Anche se una precisa data di uscita al momento manca, il restyling di metà carriera è da porre in preventivo. Da un po’ circolano le voci circa un’opera di ringiovanimento in procinto di essere effettuata. Tra le ipotesi caldeggiate da fonti vicine alla compagnia, il modello di taglia “small” del generoso portafoglio prodotti, dovrebbe presentare una griglia più vistosa e accrescere le performance. Che sia vero o meno, un dato pare incontrovertibile: non ci si limiterà al compitino.

Non sarà giusto una questione di aggiungere qualche nuova palette alla tavolozza cromatica o degli optional: polle altro in pentola. Poi stabilire, in maniera dettagliata, fin dove ci si spingerà resta da stabilirlo. Le premesse lasciano pensare che il marchio si ispirerà a una delle punte di diamante dei prossimi anni, quale la Serie 3, che viene data in arrivo per il 2025.

Nel frattempo, la testata francese automobile-magazine cerca di immaginare i cambiamenti apportati agli esterni. All’artista (o gli artisti) digitale chiamati a occuparsi della ricostruzione grafica è stata impartita una direttiva: l’iconico “doppio rene” BMW sacrificherà qualcosa in altezza, mentre crescerà in larghezza. Dal versione M della Serie 1, ritirata nel 2019, si prenderà spunto con le prese d’aria, collocate sul lato inferiore del frontale.

Una nota dolente riguarderà (salvo sorprese) la componente meccanica. Per quanto abbiano cercato di esortare il brand verso la trazione posteriore, difficilmente ciò accadrà. E il motivo non è nemmeno poi troppo campato per aria: un intervento simile avrebbe senso compierlo in vista di una generazione inedita, anziché a una tappa intermedia.

Una novità significativa interesserà la divisione marketing: nella nomenclatura sparirà la “i” finale. Tradotto: la 116i diventerà 116, ecc. Una scelta dipesa dalla volontà di scongiurare sul nascere qualsiasi confusione tra le versioni endotermiche ed elettriche. La storia della BMW Serie 1 è stata scandita da tappe importanti e, pur avendo risentito in via provvisoria, della pandemia, pure il terzo atto ha saputo lasciare un’impronta. Il proposito è di continuare sulla stessa linea.

  Argomento: 
Share to...