Auto elettriche: ecco perchè sono pericolose per i neopatentati

Avatar photo
Ecco perchè le auto elettriche sono così pericolose per i giovani guidatori
Tesla Model S Plaid

Le prime auto elettriche dell’era moderna erano macchine lente che si concentravano principalmente sull’efficienza. Quando Tesla ha presentato la Model S nel 2012, la percezione dei veicoli elettrici ha iniziato a cambiare. La Model S era molto veloce e la versione top che apparve pochi anni dopo con la sua accelerazione metteva in difficoltà molte super car. Quasi tutti i produttori ora offrono in vendita veicoli elettrificati (ibridi, ibridi plug-in o elettrici) e molti sono significativamente più veloci delle loro controparti alimentate a benzina. Allo stesso tempo, adolescenti e nuovi conducenti non hanno l’esperienza per controllare l’accelerazione simile a quella di una Lamborghini e il comportamento di un veicolo del genere. E questo li rende una combinazione pericolosa, secondo quanto scrive Newsweek nella sua analisi.

Ecco perchè le auto elettriche sono pericolose per i giovani guidatori

Le auto elettriche accelerano così velocemente perché i motori elettrici che li guidano hanno a disposizione il 100% della loro coppia. La ricerca di Gridserve, una società con sede nel Regno Unito che produce energia sostenibile, mostra che la Tesla Model 3 Performance può superare il 90% delle auto a benzina, alcune delle quali costano il doppio. La berlina elettrica nella versione a trazione integrale accelera da 0 a 100 km/h in 3,2 secondi. Allo stesso tempo, la Kia EV6 GT offre le stesse prestazioni, riuscendo a superare alcuni modelli Ferrari e McLaren. Anche i veicoli elettrici più lenti superano il 43% dei modelli ICE sul mercato in termini di accelerazione.

“Le auto ad alta accelerazione sono un rischio per i conducenti inesperti in quanto potrebbero essere più tentati di esplorare le opportunità prestazionali. Ecco perché consigliamo ai neopatentati di optare per modelli tradizionali con potenza moderata e motore a 4 cilindri”, ha commentato William van Tassel, manager dell’Association of Driving Schools in Great Britain (AAA).

“Il tempo di reazione degli adolescenti è migliore, ma hanno bisogno di una base per giudicare le cose. E per questo serve esperienza, che si acquisisce nel tempo”, ha affermato Brett Robinson, direttore esecutivo dell’American Driver Education and Traffic Safety Association (ADTSEA), come citato da Newsweek.

“Il fatto è che ci sono molti altri fattori che influenzano i tempi di reazione, tra cui droghe, alcol e sonnolenza. Gli adolescenti conducono stili di vita diversi e spesso non dormono abbastanza. “Anche se hanno una buona reazione, si scontra con la loro indecisione, che è dovuta alla mancanza di esperienza”, dice Robinson.

Benny Molbert, proprietario di una scuola di formazione per conducenti a Royal Oak, nel Michigan, ritiene che non si sia riflettuto abbastanza su come creare un’auto elettrica per i nuovi conducenti. Nota che la maggior parte delle auto elettriche sono lucide, fresche e veloci (ne possiede anche una lui stesso), ma concorda sul fatto che pongono problemi ai conducenti adolescenti.

Occorre però precisare che molte auto elettriche ora hanno limiti di velocità, così come altre restrizioni che i genitori possono imporre sui veicoli per garantire che i loro figli adolescenti siano il più sicuri e protetti possibile sulla strada. Ford, ad esempio, offre la sua Mustang Mach-E EV con MyKey, un portachiavi programmabile che può limitare cose come il volume della radio e la velocità massima, pur consentendo al guidatore di accelerare a tutto gas (in questo caso da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi)

Auto elettriche

I veicoli General Motors, d’altra parte, sono dotati del software Teen Driver, che ha una funzione Buckle to Drive che non disattiva il suono fino a quando i passeggeri dei sedili anteriori non sono allacciati e attiva automaticamente le tecnologie di sicurezza attiva disponibili. Presenta anche una pagella della guida di tuo figlio in modo che i genitori possano identificare potenziali problemi.

  Argomento: 
Share to...