in

FCA sarebbe in procinto di licenziare 295 dipendenti

Arrivano brutte notizie per alcuni lavoratori della divisione Trasporti del sito canadese

FCA Logo

I dirigenti di Fiat Chrysler Automobiles hanno riportato nelle scorse ore di avere in programma di licenziare quasi 300 dipendenti della divisione Trasporti presente nello stabilimento di Windsor, nell’Ontario (Canada).

La fabbrica si occupa di produrre le Chrysler Pacifica e Pacifica Hybrid e la Dodge Grand Caravan e inoltre ha un totale di oltre 6100 dipendenti. La nota ufficiale rilasciata da FCA riporta: “Pacchetti di pensionamento saranno offerti ai dipendenti idonei presso lo stabilimento di assemblaggio di Windsor che include FCA Transport. Ai dipendenti che scelgono di non prendere il pacchetto o perché non possono andare in pensione, verrà offerto un posto presso il Windsor Assembly Plant“.

FCA stabilimento Windsor
FCA Windsor Assembly Plant

FCA: lo stabilimento di Windsor subirà un taglio dei dipendenti

La società ha comunicato questa notizia al sindacato Unifor Local 444 attraverso una lettera. Dino Chiodo, presidente del sindacato, ha dichiarato di aver ricevuto l’avviso giovedì e che è iniziato un periodo di preavviso di 6 mesi prima di far partire i licenziamenti.

Il sindacato cercherà di determinare se il risparmio sui costi risolverà o meno i problemi. La divisione Trasporti presente nell’impianto di Windsor comprende camionisti, meccanici e impiegati, secondo quanto affermato da Chiodo. Un portavoce del gruppo automobilistico italo-americano ha confermato che il numero dei dipendenti interessati è 295.

Dino Chiodo ha concluso dicendo: “Ci saranno molte discussioni. Proveremo a mettere insieme un piano. Non credo che questa transizione sarà perfetta. Penso che ci sarà un grosso ostacolo da affrontare. Dicono da anni che vogliono esternalizzare la divisione Trasporti“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento