in

Fiat Chrysler: in settimana partono i colloqui con la UAW

I colloqui per il nuovo contratto di lavoro tra Fiat Chrysler e il sindacato United Auto Workers inizieranno la prossima settimana

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

I colloqui per il nuovo contratto di lavoro tra Fiat Chrysler e il sindacato United Auto Workers inizieranno seriamente la prossima settimana. Resta da vedere se saranno facili come i colloqui appena conclusi con la Ford o complicati come quelli della General Motors che hanno portato a uno sciopero di sei settimane. Da un lato le cose stanno andando abbastanza bene in Fiat Chrysler, il che dovrebbe suggerire che potrebbe essere possibile raggiungere un accordo abbastanza rapidamente con il sindacato.

Fiat Chrysler ha appena registrato guadagni record nel terzo trimestre. Ha accettato di fondersi con il gruppo automobilistico francese PSA Group, produttore di Peugeot, un accordo che gli conferisce le dimensioni e le risorse finanziarie che Il compianto Sergio Marchionne cercava da quando Fiat e Chrysler hanno unito le loro forze 10 anni fa. La società ha dichiarato di non avere in programma la chiusura di stabilimenti statunitensi o europei e gli analisti finanziari e le agenzie di rating concordano sul fatto che la società sarà più forte se e quando l’accordo sarà completato.
Infatti, anziché chiudere gli stabilimenti statunitensi, come faranno General Motors e Ford, Fiat Chrysler sta costruendo un nuovo impianto per produrre Jeep a Detroit, che aggiungerà quasi 4.000 posti di lavoro. E Fiat Chrysler ha già aggiunto circa 5.000 membri del sindacato ai libri paga negli ultimi quattro anni. Ma il gruppo italo americano ha lavorato con un contratto che gli ha dato un costo medio del lavoro inferiore rispetto a GM o Ford negli ultimi anni, poiché ha utilizzato assunzioni molto più recenti che ricevono una retribuzione inferiore e meno benefici rispetto ai lavoratori assunti prima del 2007.
Mentre i dipendenti veterani ricevono circa la stessa retribuzione in tutte e tre le società, solo il 28% degli addetti alla produzione oraria di Fiat Chrysler in USA sono stati assunti prima del 2007 e quindi ottengono quella retribuzione massima. Il resto sono assunzioni più recenti che ricevono un pacchetto retributivo e previdenziale inferiore o lavoratori temporanei che ricevono uno stipendio ancora più basso.
Ciò significa che oggi Fiat Chrysler ha un vantaggio in termini di costo del lavoro da $ 8 a $ 10 l’ora rispetto a Ford e GM, ha dichiarato Kristin Dziczek, vicepresidente dell’industria, del lavoro e dell’economia presso il Center for Automotive Research, un think tank del Michigan. Gli accordi con Ford e GM elimineranno il divario retributivo tra i lavoratori a tempo indeterminato entro la fine di tali contratti quadriennali. E tali accordi porteranno anche un maggior numero di lavoratori temporanei a uno status permanente.
Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento