in

Il talento è la chiave del futuro automobilistico secondo John Elkann

John Elkann presente per la prima volta alla Monterey Car Week parla del futuro della sua azienda

John Elkann

John Elkann di recente ha preso parte per la prima volta alla Monterey Car Week. Nel corso di quell’evento il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles ha rilasciato un’intervista con alcune interessanti dichiarazioni. Sebbene Elkann abbia affermato che la sua attenzione è rivolta ai futuri prodotti il presidente di FCA ha dichiarato: “Sono rimasto molto sorpreso dalla quantità di passione per le auto e per la storia delle auto che ho trovato a Monterey, soprattutto per quello che riguarda i nostri marchi tra cui Alfa Romeo, Lancia, Maserati e, naturalmente, Ferrari.

Con così tanti marchi nel portafoglio di Fiat Chrysler Automobiles, una delle missioni di Elkann è assicurarsi che ogni marchio rimanga “distinto e unico” e rimanga fedele al suo patrimonio, ma anche rilevante in un mondo che cambia è di farlo, anche se le tecnologie sono condivise tra marchi e modelli, nel rispetto delle aspettative dei clienti in una varietà di regioni geografiche.

Ad esempio, un propulsore ibrido plug-in potrebbe effettivamente migliorare la capacità di fuoristrada di una Jeep, mantenendola al contempo rilevante nelle regioni che limitano l’uso del carburante di petrolio? “Considera, ad esempio, l’ibrido Ferrari da 1.000 cavalli che sta arrivando”, ha detto.  A proposito, ha aggiunto, di tutti i marchi FCA, Jeep è il più grande nel volume delle vendite globali. Un altro marchio che sta crescendo in importanza è Maserati, che FCA ha designato per diventare lo sfidante per Porsche in quanto quel tradizionale marchio di auto sportive non solo aggiungerà berline e SUV alla sua gamma, ma elettrizzerà i suoi propulsori.

Guardando al futuro della tecnologia automobilistica, Elkann ha condiviso la sua visione. L’elettrificazione su larga scala durerà dai 10 ai 20 anni, ha aggiunto, aggiungendo che ibridi e veicoli a metano sono anche tra le possibili soluzioni per ridurre le emissioni a breve termine. I veicoli autonomi arriveranno nel giro di 20/ 25 anni e inizialmente tali tecnologie a guida autonoma si concentreranno su veicoli commerciali, come i taxi robotici e veicoli per le consegne di pacchi per aziende come Amazon.

Mentre ci si potrebbe aspettare che tali problemi pesino pesantemente sulla mente di un giovane presidente, Elkann ha affermato che la chiave per il futuro della sua compagnia coinvolge persone non molto più grandi dell’età che aveva lui quando suo nonno lo inserì nell’azienda. La chiave, ha detto, non è la tecnologia ma “attirare persone di talento e giovani nella nostra azienda. Sono loro che determineranno il nostro successo per i prossimi 25 anni. “