in

FCA starebbe trattenendo parte della retribuzione di Reid Bigland perché implicato in un’indagine federale

Gli avvocati della casa automobilistica delineano perché la paga di Reid Bigland è stata trattenuta all’inizio di quest’anno

FCA afferma che sta trattenendo parte della retribuzione del capo delle vendite statunitensi Reid Bigland perché è implicato in un’indagine federale in corso sulle pratiche di vendita delle case automobilistiche e non perché ha collaborato con la Securities and Exchange Commission durante le sue indagini su tali pratiche di vendita.

In una mozione presentata lunedì da FCA per bloccare un emendamento alla denuncia federale iniziale di Bigland, gli avvocati della casa automobilistica delineano perché la paga di Bigland è stata trattenuta all’inizio di quest’anno. Il capo del marchio Ram e delle vendite statunitensi della casa automobilistica nel mese di giugno ha intentato una denuncia federale in cui dichiarava di essere stato reso capro espiatorio per le pratiche di vendita di veicoli con numeri gonfiati, sotto inchiesta da parte del governo federale.

Ecco perché FCA starebbe trattenendo il 90% dello stipendio di Reid Bigland

FCA ha tagliato la sua paga di oltre il 90%, il che potrebbe costargli più di $ 1,8 milioni, perché ha collaborato con gli investigatori federali. Ma gli avvocati di FCA hanno scritto che la società aveva il diritto di trattenere il bonus, i guadagni in azioni e i dividendi speciali di Bigland perché Reid Bigland è accusato di aver commesso un errore in relazione all’inchiesta. L’archiviazione di lunedì fornisce ulteriori informazioni su un’indagine federale in corso e su una spaccatura tra uno dei massimi dirigenti della società e il suo datore di lavoro.

La spiegazione del taglio allo stipendio di Reid Bigland arriva mentre FCA sta cercando di bloccare un emendamento alla denuncia iniziale presentata più di un mese fa. In questione è una modifica al deposito originale che aggiungerebbe un reclamo per violazione della disposizione relativa al whistleblower del Sarbanes-Oxley Act del 2002. L’atto protegge specificatamente le persone che hanno partecipato a un’indagine della SEC. 

Bigland sostiene di aver collaborato con l’investigazione della SEC, testimoniando “a lungo” sulle relazioni di vendita di Fiat Chrysler, che a suo dire era fatte in questa modo da tempo antecedente al suo incarico di capo vendite negli Stati Uniti, secondo la causa. Il dirigente inoltre ha negato le irregolarità relative alle pratiche di reporting delle vendite, che sono state modificate nel 2016.

Il compenso di Bigland consiste in uno stipendio base e in un bonus annuale e in un pagamento di azioni che riceve in genere a marzo. L’8 marzo, il capo delle risorse umane globali di Fiat Chrysler, Linda Knoll, ha dichiarato a Bigland che il pagamento delle azioni e il bonus sono stati trattenuti indefinitamente, secondo la presentazione originale. Bigland vuole che un giudice proibisca a Fiat Chrysler ulteriori illeciti o ritorsioni e chiede una quantità non specificata di danni.

FCA

Tuttavia, FCA ha detto che solo perché a Bigland non piace la modifica della sua retribuzione non significa che si tratti di una “azione avversa nei suoi confronti”. I dipendenti non hanno automaticamente diritto ai bonus. La compensazione degli incentivi alla fonte “non è un’azione avversa per l’occupazione”. Che Reid Bigland sia accusato di cattiva condotta da parte di un ente governativo è una ragione sufficiente per trattenere il pagamento degli incentivi, hanno scritto gli avvocati di FCA.

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento