in

Una fusione FCA-Renault porterebbe Elkann fuori dall’ombra di Marchionne

La fusione tra FCA e Renault potrebbe rappresentare per Elkann un modo di uscire dall’ombra di Marchionne

Marchionne e John Elkann Intervista Moncalvo
Marchionne e John Elkann

Se Fiat Chrysler Automobiles dovesse unirsi con Renault per creare la terza casa automobilistica del mondo, il presidente di FCA John Elkann sarebbe protagonista di un colpo da maestro che lo porterebbe fuori dall’ombra del suo mentore storico Sergio Marchionne. Da alcuni anni, Elkann, 43 anni, sta cercando un accordo che assicuri il futuro della casa automobilistica fondata da suo nonno Gianni Agnelli. Ha detto molte volte che la famiglia Agnelli / Elkann era aperta a diventare un azionista di piccole dimensioni in un’entità di automaking più grande. La fusione 50-50 che FCA ha proposto a Renault offre questa possibilità.

“Non siamo venditori, ma la nostra famiglia è pronta a diluire la sua partecipazione in FCA se l’obiettivo è quello di rafforzare la nostra azienda”, ha dichiarato Elkann in un’intervista a Bloomberg nel 2014. L’accordo con la Renault darebbe ad Exor, la holding quotata Agnelli, una partecipazione del 14,5 percento nel nuovo gruppo, diventando così il maggiore azionista con lo stato francese e Nissan, che avrebbero il 7,5 percento ciascuno.

La fusione proposta si accorda perfettamente con la strategia presentata nel 2015 da Marchionne, il defunto amministratore delegato di FCA, nel suo discorso “Confessioni di un capital junkie”. Marchionne aveva detto che il rimedio alla “dipendenza dalla distruzione del valore” dell’industria verso il capitale era il consolidamento. Da una fusione scaturirebbero rapidamente tutti i potenziali risparmi sui costi derivanti dall’acquisto congiunto e dalla standardizzazione della piattaforma, contribuendo a far fronte agli investimenti sempre crescenti necessari nelle nuove tecnologie.

Elkann ha sfruttato l’esperienza acquisita nei molti anni accanto a Marchionne, ha dichiarato Stefano Aversa, responsabile della consulenza per l’Europa di AlixPartners. Il rampollo della famiglia Agnelli è stato direttamente coinvolto in una serie di progetti di fusione, ha affermato Aversa, tra cui un tentativo di fusione con la General Motors. Anche se tale offerta è stata rispedita al mittente senza troppe cerimonie dal CEO di GM Mary Barra. Se l’acquisizione da parte di Fiat di Chrysler 10 anni orsono è stata secondo molti il capolavoro di Marchionne, una fusione tra FCA e Renault dimostrerebbe che Elkann ha imparato molto bene le lezioni del suo mentore.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento