in

L’espansione americana di FCA alimenta i timori nello stabilimento di Brampton

Il recente investimento di Fiat Chrysler in USA preoccupa i lavoratori dello stabilimento canadese

Fiat Chrysler Brampton
Fiat Chrysler Brampton

Il recente investimento di 4,5 miliardi di dollari USA di Fiat Chrysler Automobiles in impianti di assemblaggio nuovi e esistenti nel Michigan costituirà un vantaggio per i fornitori di ricambi canadesi, anche se la casa automobilistica taglierà la produzione nei suoi due stabilimenti in Ontario, ha detto il presidente dell’Associazione dei produttori di componenti automobilistici. “Ogni volta che qualcuno investe nella regione dei Grandi Laghi, è un bene per noi”, ha dichiarato Flavio Volpe parlando con la stampa locale. Con i produttori di parti canadesi che già spediscono la maggior parte del loro prodotto negli Stati Uniti, il piano di FCA potrebbe tradursi in 2 miliardi o 3 miliardi di nuovi affari all’anno, creando 3.000 nuovi posti di lavoro in Canada, ha detto Volpe.

Ma la decisione di Fiat Chrysler di espandere la produzione statunitense ha aumentato le preoccupazioni per il futuro dello stabilimento di Brampton Assembly in Ontario. Per il progetto del Michigan, FCA investirà in tre stabilimenti per creare 6.500 posti di lavoro e incrementare la produzione di carrelli Ram attuali e di un nuovo modello, un Jeep Wagoneer rivitalizzato, la Jeep Grand Cherokee di prossima generazione e futuri modelli ibridi plug-in. “In teoria, quei modelli avrebbero potuto essere assegnati a Brampton”, ha detto John Holmes, professore emerito alla Queen’s University di Kingston, Ontario e coautore di un rapporto intitolato The Future of the Canadian Auto industry. “Non è incoraggiante per Brampton sapere che quei modelli non saranno prodotti qui.”

FCA

FCA Canada ha dichiarato che l’investimento in Michigan “non ha alcun impatto sulle sue attività canadesi. Per quanto riguarda Brampton Assembly, non discutiamo di piani e prodotti futuri. Tuttavia, i prodotti costruiti lì hanno una base di clienti molto fedele e impegnata e rimangono una parte importante del nostro portafoglio di prodotti negli Stati Uniti e nel Nord America e continueranno ad esserlo “. In gennaio al North American International Auto Show di Detroit, il presidente della FCA Canada Reid Bigland ha dichiarato che la sua società rimane impegnata a Brampton Assembly, sebbene abbia riconosciuto che il segmento delle autovetture è sotto pressione. L’impianto, che impiega circa 3.600 persone su due turni, produce la berlina Chrysler 300, la berlina Dodge Charger e la Dodge Challenger a due porte. “Ci siamo impegnati a lungo a Brampton e non stiamo cercando di disimpegnarci”, ha affermato Bigland. Al salone dell’auto di Detroit, il CEO di FCA Mike Manley ha accennato a un futuro elettrico e a una nuova piattaforma per i veicoli attualmente costruiti lì.