in

Fiat Chrysler avrebbe pagato 77 milioni di multa per non avere rispettato i requisiti di consumo di carburante

A causa di motori quali il V8 da 5,2 litri Hellcat e Hemi V8 da 5,7 e 6,4 litri, Fiat Chrysler deve pagare 77 milioni di multa

Dodge Challenger SRT Hellcat Redeye Hennessey Performance

Secondo la Reuters, il gruppo Fiat Chrysler Automobiles avrebbe pagato 77 milioni di dollari in sanzioni civili negli Stati Uniti alla fine dello scorso anno perché non è riuscita a soddisfare i requisiti di consumo di carburante per il 2016. La ragione è piuttosto ovvia: troppi modelli potenti con motore V8, come Dodge Charger e Challenger. È stato nel 2015 quando FCA ha svelato il suo potente motore da 5,2 litri Hellcat V8 con una potenza di 707 CV e 650 Nm di coppia e lo ha infilato sotto il cofano di Charger e Challenger. Un paio di anni dopo, la Jeep Grand Cherokee divenne il terzo destinatario di questo potente motore. Altri modelli che avrebbero costretto Fiat Chrysler a pagare la multa sono quelli con motore Hemi V8 da 5,7 e 6,4 litri che alimenta diversi modelli del gruppo italo americano negli Stati Uniti. 

Non sorprendentemente, la casa automobilistica italo americana oggi sta facendo pressioni sull’amministrazione Trump per rivedere i requisiti di risparmio di carburante. Un portavoce della società ha affermato che gli attuali requisiti in materia di risparmio di carburante dovrebbero essere riformati invece di “richiedere alle aziende di effettuare pagamenti di conformità elevati perché le ipotesi fatte nel 2011 si sono rivelate sbagliate”. Ciò che Fiat Chrysler e probabilmente anche altre case automobilistiche chiedono è che le autorità di regolamentazione congelino i requisiti di risparmio di carburante a partire dall’anno modello 2020. FCA, tuttavia, rimane ancora “impegnata a migliorare l’efficienza della nostra flotta e ad espandere la nostra impronta manifatturiera degli Stati Uniti “. La cosa interessante della sanzione da 77 milioni di dollari di FCA è l’importo in sé, ad esempio la pena civile nel 2014 è stata di soli 2,3 milioni di dollari, nel 2011 fu invece di 40 milioni di dollari.