in

Fiat Chrysler: settima condanna nello scandalo UAW

L’ex numero due del sindacato UAW, Nancy Johnson, è stata condannata ad un anno di prigione

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Il giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti, Paul Borman, ha condannato l’ex numero due del sindacato UAW, Nancy Johnson, per lo scandalo che ha riguardato alcuni membri del sindacato e alcuni ex dirigenti di Fiat Chrysler. Nancy Johnson andrà in prigione per aver usato la carta di credito del centro di formazione di FCA per pagare decine di migliaia di dollari in ristoranti, vestiti e viaggi. 

“È un reato molto grave, che danneggia il sindacato”, ha detto Borman. Johnson, che durante la sentenza si asciugava ripetutamente gli occhi con i fazzoletti, si scusava per quello che era successo, dicendo che si assumeva la responsabilità della sua parte e offriva un messaggio per la sua unione.

“Amo la mia organizzazione, amo i soci e per questo, sono davvero dispiaciuta di essere qui”, ha detto, sottolineando che spera che i membri possano “trovare nei loro cuori” il modo per perdonarla. Johnson ha detto che il sindacato sta mettendo in atto misure di salvaguardia a causa dei procedimenti giudiziari che hanno portato a sette condanne. “I membri meritano molto di più di quello che hanno ottenuto”, ha detto. 

Johnson, 58 anni, è l’ultima persona tra le sette accusate e condannate fino ad oggi a causa  dell’uso illecito dei fondi del centro di formazione sindacale. I condannati hanno utilizzato milioni di dollari destinati all’addestramento dei lavoratori in una serie di prodotti costosi per ex dirigenti di Fiat Chrysler e funzionari sindacali.

L’accusa sostiene che il National Training Center è stato utilizzato come canale per facilitare i pagamenti dall’industria automobilistica ai dirigenti sindacali e aziendali, acquistando la pace dal sindacato durante le trattative contrattuali.