in

Stellantis doterà più modelli del suo propulsore ibrido per soddisfare la domanda dei suoi clienti

Stellantis è già rappresentata nel mercato europeo con 30 modelli ibridi nel 2024 e prevede sei nuovi lanci per il 2026

Stellantis

Stellantis sta sfruttando il suo esclusivo approccio multi-energia per rispondere rapidamente all’impennata degli ordini di veicoli ibridi in Europa, compresi i modelli dotati della nuova tecnologia ibrida avanzata eDCT. L’azienda offrirà 30 modelli ibridi in Europa quest’anno e prevede di immetterne altri sei sul mercato entro il 2026. Le versioni ibride offrono un’esperienza di guida eccezionale riducendo al contempo le emissioni di CO2, il tutto a un prezzo più conveniente rispetto ai veicoli elettrici al 100% o agli ibridi plug-in.

Stellantis è già rappresentata nel mercato europeo con 30 modelli ibridi nel 2024 e prevede sei nuovi lanci per il 2026

Stellantis ha aumentato le vendite di modelli ibridi nell’UE30 del 41% dall’inizio del 2024 rispetto allo stesso periodo del 2023 e prevede una maggiore adozione da parte dei clienti con i prossimi nuovi lanci. Stellantis è leader nelle vendite di veicoli a basse emissioni, inclusi veicoli elettrici a batteria, veicoli a celle a combustibile, ibridi plug-in e ibridi, nell’UE30 per i segmenti A e B e veicoli commerciali leggeri.

“In un’era che unisce sostenibilità e innovazione, Stellantis riafferma il proprio impegno nell’offrire tecnologia ibrida avanzata ai propri clienti europei”, ha affermato Uwe Hochgeschurtz, Chief Operating Officer di Stellantis, Greater Europe. “Questa tecnologia non solo migliora l’efficienza e le prestazioni dei tradizionali motori a combustione, ma ci proietta anche verso un futuro a basse emissioni, con una maggiore autonomia dei veicoli e un prezzo più conveniente per i nostri clienti. »

Stellantis offre un’ampia gamma di tecnologie – ibrida, ibrida plug-in e 100% elettrica – grazie alla sua impronta industriale multi-energia per offrire ai propri clienti scelte adattate in base alle loro preferenze, stili di guida e dimensioni dei loro veicoli. I veicoli ibridi recuperano l’energia cinetica che altrimenti andrebbe persa durante la frenata e la decelerazione. Questa energia viene immagazzinata in una batteria leggera e compatta e quindi riutilizzata durante l’accelerazione, promuovendo un’esperienza di guida più efficiente nei consumi.

“Disponiamo di una soluzione ibrida particolarmente competitiva che sta guadagnando slancio grazie alla nuova tecnologia eDCT che stiamo implementando su numerosi modelli per renderla accessibile a un gran numero di clienti”, ha dichiarato Sébastien Jacquet, Deputy Chief Engineering Officer di Stellantis. “I veicoli ibridi sono facili da usare e non richiedono ai conducenti di modificare le proprie abitudini di guida rispetto alle auto con motore a combustione interna tradizionale. Grazie alla nostra avanzata tecnologia eDCT, l’auto può essere guidata con il motore a combustione interna spento, soprattutto a basse velocità, riducendo le emissioni di CO 2 e il consumo di carburante. Non è solo un’innovazione, ma un’innovazione accessibile a tutti. »

La maggior parte dei veicoli ibridi dei marchi Stellantis in Europa sono già dotati della tecnologia ibrida eDCT all’avanguardia che include un motore elettrico integrato da 21 kW e offrono un’esperienza di guida senza interruzioni e senza complicazioni. Ciò include anche la guida puramente elettrica, ad esempio nel traffico cittadino, perché il veicolo può funzionare solo con il motore elettrico quando il motore a combustione è spento. La batteria da 48 volt, 0,9 kilowattora garantisce un’autonomia fino a un chilometro a velocità di guida costante e può anche fornire una certa quantità di trazione elettrica durante la guida con un carico leggero o durante la guida. Durante il rotolamento e la frenata il motore elettrico passa al funzionamento con generatore. Ciò significa che fornisce energia cinetica alla batteria.

Un generatore di avviamento azionato da cinghia garantisce il passaggio graduale dalla modalità elettrica a quella ibrida. La trazione ibrida basata sull’eDCT è progettata per un’efficienza ottimale del carburante e riduce le emissioni di CO 2 fino al 20% rispetto a un motore a combustione con cambio automatico. Grazie alla sua struttura modulare, l’innovativo concetto eDCT può essere installato anche nei veicoli elettrici, dove il 93% dei componenti sono identici. Vengono sostituiti solo il modulo di azionamento elettrico e l’inverter.

Stellantis

Stellantis attualmente produce veicoli ibridi in oltre il 70% dei suoi stabilimenti europei. Nell’ambito della joint venture eTransmissions, Stellantis e il suo partner stanno attualmente costruendo eDCT a Metz (Francia) e Torino (Italia) e fornendoli a undici stabilimenti di produzione di veicoli. La capacità di produzione totale è di oltre 1,2 milioni di eDCT all’anno.

Stellantis investirà più di 50 miliardi di euro nell’elettrificazione in tutto il mondo nei prossimi dieci anni per raggiungere gli obiettivi del piano strategico Dare Forward 2030: entro il 2030, il 100% delle vendite di autovetture in Europa e il 50% delle vendite di veicoli passeggeri e leggeri Veicoli commerciali negli Stati Uniti saranno BEV. Per raggiungere questi obiettivi di vendita, l’azienda si sta assicurando circa 400 gigawattora di capacità di batterie fornite da fabbriche di batterie in Nord America ed Europa. Stellantis è sulla buona strada per raggiungere l’ obiettivo di zero emissioni nette di CO2 in tutti gli ambiti entro il 2038.