in

Nuova Alfa Romeo Giulietta: ecco l’ultima ipotesi dal web

Nuova Alfa Romeo Giulietta: ecco come potrebbe essere la futura vettura secondo AutoWeek

Nuova Alfa Romeo Giulietta

L’attuale Alfa Romeo Giulietta è apparsa nel 2010 ed è stata aggiornata l’ultima volta nel 2016, ma le differenze con l’originale sono minime. E’ dunque tempo di un rinnovamento più deciso per la celebre vettura compatta che ora che Alfa Romeo MiTo è andata in pensione è divenuta la nuova entry level della gamma della casa automobilistica del Biscione. Il nuovo piano industriale di Alfa Romeo non prevede nei prossimi 5 anni l’arrivo di una nuova generazione di Alfa Romeo Giulietta. Tuttavia questo piano prevede che l’attuale modello venga aggiornato radicalmente. Questo probabilmente avverrà nel corso del prossimo anno o al massimo nel 2020.

Nuova Alfa Romeo Giulietta: ecco come potrebbe essere la futura vettura secondo AutoWeek

Al momento non sappiamo molto di come sarà la nuova Alfa Romeo Giulietta. E’ facile ipotizzare però una certa somiglianza nello stile con la recente Alfa Romeo Giulia per garantire un certo family feeling con le altre auto dello storico marchio milanese. Oggi vi segnaliamo un nuovo render pubblicato dal celebre magazine automobilistico olandese AutoWeek che prova ad immaginare come sarà una nuova Giulietta. 

Nuova Alfa Romeo Giulietta

Le caratteristiche tipiche del design di Alfa Romeo dovrebbero conferire alla nuova Alfa Romeo Giulietta un aspetto ancora più potente e aggressivo rispetto al modello attuale. Per quanto riguarda i motori, al momento non è chiaro se anche l’aggiornamento di Giulietta, al pari delle nuove auto del Biscione, prevederà la presenza di versioni ibride leggere. La piattaforma per il momento rimarrà la stessa del veicolo attuale. L’auto ovviamente sarà aggiornata anche da un punto di vista tecnologico. In futuro però dopo il 2022 potrebbe arrivare una nuova generazione del modello che in tal caso potrebbe nascere su una versione accorciata della piattaforma modulare Giorgio ed avere dunque la trazione posteriore.