in

Stellantis: a Rennes anticipa la rivoluzione elettrica

Stellantis: a Rennes anticipa la rivoluzione elettrica ormai inevitabile data la conferma sul divieto di vendere auto a combustione in Europa nel 2035

Stellantis logo

In un settore automobilistico che si prepara alla rivoluzione elettrica con la conferma del divieto di vendita di auto a benzina e diesel nel 2035, il gruppo Stellantis anticipa i tempi nel suo stabilimento di Rennes in Francia. La fabbrica di automobili che un tempo apparteneva al gruppo PSA sarà dotata di una nuova piattaforma in grado di produrre un veicolo entro il 2025 con una scelta di tre motorizzazioni: termica, ibrida o elettrica. CR3 è il nome in codice industriale di questo futuro modello prodotto in Bretagna, un piccolo SUV compatto la cui versione elettrica avrà un’autonomia di 700 km.

Stellantis: a Rennes anticipa la rivoluzione elettrica ormai inevitabile

Per la fabbrica di Rennes si tratta di un investimento di 152 milioni di euro annunciato lo scorso ottobre dal gruppo automobilistico nato dalla fusione di Fiat Chrysler e PSA e adesso guidato a livello globale dal CEO Carlos Tavares, che ha già iniziato la sua trasformazione industriale per produrre più veicoli carbon free. Il piano strategico di Stellantis prevede il passaggio al 100% elettrico per il mercato europeo, dal 2030.

“Questo passaggio all’elettrico è necessario da un punto di vista ecologico, sapremo come produrre questi veicoli”, promette Didier Picard, delegato CFE-CGC presso lo stabilimento di Janais. “Solo che ci sono ancora molte domande senza risposta, sul prezzo di questi veicoli, sulla capacità dei clienti di acquistarli. Tuttavia, l’attività industriale dipende dal numero di clienti e quindi dal successo o meno di questi veicoli.”

Stellantis Logo
Stellantis: a Rennes anticipa la rivoluzione elettrica ormai inevitabile data la conferma sul divieto di vendere auto a combustione in Europa nel 2035

Il CEO di Stellantis, Carlos Tavares, ha già allertato i decisori europei sulle conseguenze del passaggio all’elettricità per i lavori nelle fabbriche. “È vero, ma genererà anche nuovi posti di lavoro nella progettazione e produzione di batterie, il loro assemblaggio”, ha affermato il rappresentante sindacale, citando, ad esempio, la futura fabbrica di batterie Stellantis prevista a Douvrin.

“Ciò presuppone un aumento delle competenze e quindi della formazione delle squadre in essere, ma anche il reclutamento dei giovani. Ad esempio, la realizzazione del “pacchetto elettrico” per il montaggio delle batterie à la Janais dovrebbe generare una trentina di posti di lavoro.

Lo stabilimento Stellantis di La Janais produce attualmente 400 veicoli al giorno, Peugeot 5008 (circa il 15% della produzione) e Citroën C5 Aircross, la cui nuova versione restyling sta arrivando in concessione in questi giorni. Tra il 30 e il 35% di C5 Aircross sono ibridi. Il sito impiega circa 2.500 persone, di cui 2.366 dipendenti a tempo indeterminato e 287 lavoratori a tempo determinato

Ti potrebbe interessare: Stellantis: lo stabilimento di Goiana è quello più ecosostenibile del gruppo