in ,

Conducente abbagliato dal Sole? Responsabile del sinistro

I raggi negli occhi non sono una buona scusa per ritenersi senza colpa

Sta per esplodere l’estate e quindi è bene rammentare un principio: conducente abbagliato dal Sole? Responsabile del sinistro con lesioni fisiche per la vittima (un motociclista). I raggi negli occhi non sono una buona scusa per ritenersi senza colpa. Lo ha stabilito la Cassazione, con sentenza 52649/2014.

All’inizio, il guidatore vince. Il Giudice di Pace assolve l’uomo dal reato di cui all’articolo 590 del Codice Penale, perché il fatto non costituisce reato. Niente lesioni colpose, ossia causate in modo “involontario”. Perché? Il sinistro era stato determinato dall’improvviso accecamento causato dalla luce del Sole. Questa circostanza aveva impedito di rilevare la presenza della moto all’incrocio. Un caso fortuito, inevitabile, improvviso.

Conducente abbagliato dal Sole: il Procuratore non ci sta

Ma il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale propone ricorso per Cassazione per ottenere l’annullamento del provvedimento impugnato. Il motivo? Il caso fortuito si realizza quando un fattore causale, sopravvenuto, concomitante o preesistente d indipendente dalla condotta del soggetto, renda eccezionalmente possibile il verificarsi di un evento. Assolutamente non prevedibile ed evitabile.

Nella fattispecie, l’eventuale abbagliamento da raggi solari del conducente di un mezzo non integrerebbe un caso fortuito. Non escluderebbe la penale responsabilità per i danni che siano derivati alle persone.

Per la Cassazione, infatti, guidatore dell’auto colpevole: ribaltone degli ermellini contro la sentenza del Giudice di Pace. Per una ragione: il conducente quindi dovrà adottare tutte le più opportune cautele al fine di non creare intralcio alla circolazione o l’insorgere di altri pencoli ed attendere di superare gli effetti del fenomeno impeditivo della visibilità.

In tema di circolazione stradale, l’abbagliamento da raggi solari del conducente di un mezzo non integra il caso fortuito. E, pertanto, non esclude la penale responsabilità per danni che ne siano derivati alle persone.

Quindi, che fare se si è abbagliati? In sicurezza, il conducente è tenuto a interrompere la marcia, adottando opportune cautele per non creare intralcio alla circolazione. O l’insorgere di altri pericoli. E attendere di superare gli effetti del fenomeno impeditivo della visibilità.

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento