in ,

Riscossione vecchi bolli auto, multe e tasse dal 1° maggio 2021

Ci siamo: la tregua fiscale sta per finire. E per i debitori ci sarà da soffrire

Riscossione vecchi bolli auto

Con la pandemia di coronavirus, il Governo italiano ha inizialmente stoppato 50 milioni di cartelle esattoriali dell’Agenzia delle entrate. Sono debiti degli italiani con lo Stato, con le Regioni, con le Province, coi Comuni. Ma ora c’è una novità: riscossione vecchi bolli auto, multe e tasse dal 1° maggio 2021. D’altronde, con le casse dello Stato esauste e con gli Enti locali che necessitano di denaro, era inevitabile. La tregua della riscossione termina il 30 aprile.

Dal 1° maggio ripartiranno le notifiche, le procedure esecutive e cautelari. Non solo: dovranno essere pagati, entro la fine dello stesso mese, tutti gli importi sospesi del periodo emergenziale che va dall’8 marzo 2020 al 30 aprile 2021.

In particolare, per gli automobilisti, arriveranno le cartelle esattoriali per debiti con le Regioni: i bolli auto, le tasse di proprietà non versate alla Regione di residenza. Alla faccia delle fake news: qualche sito diceva che tutti quei debiti venivano cancellati. Una bufala.

E in più, ci sono i debiti per le multe stradali. Infrazioni al Codice della Strada: in genere, a rilevare tutto sono autovelox, telecamere delle Zone a traffico limitato, occhi elettronici ai semafori. Ma dentro ci sono anche le famigerate multe per divieto di sosta.

Chiaramente, se l’Agenzia delle entrate dirà ok, il debito della cartella esattoriale, con penali, interessi e maggiorazioni, potrà essere dilazionato. Si paga a rate. Bisognerà vedere se il contribuente ce la farà a versare quelle rate che magari si sommano a mutui, prestiti, finanziamenti. O ad altre rate per altri debiti con fisco. Chi ha un lavoro a tempo indeterminato se la può cavare; per gli altri, resta un’incognita. Economica e sociale.

Come pagare a rate? SI prende appuntamento con l’Agenzia delle entrate e si va a parlare: in presenza. Allo sportello. L’addetto mostra debito, rate e modalità di pagamento. ClubAlfa vi dà un link prezioso: qui.

Viceversa, della famigerata sanatoria di cui tanti siti, con fake news, hanno blaterato, resta un mini condono con numerosissimi e pesantissimi paletti: alla fine, sono davvero pochi a beneficiarne.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento