in

Stellantis: altre due settimane di cassa integrazione per Melfi

La cassa è stata estesa al mese di aprile

Jeep Compass stabilmento Melfi

Continuano le difficoltà per lo stabilimento Stellantis di Melfi, da settimane alle prese con problemi legati agli approvvigionamenti di semiconduttori in arrivo principalmente dalla Cina. L’azienda ha confermato l’estensione della cassa integrazione già richiesta lo scorso mese di febbraio per tutti i lavoratori dello stabilimento (oltre 7 mila addetti).

Verso la metà di febbraio, a pochi giorni dalla partenza dell’atteso terzo turno di lavoro sulla linea della Jeep Compass, Stellantis confermò la richiesta di sei settimane di cassa integrazione (fino al 28 marzo) a causa dei problemi legati ad alcuni fornitori dello stabilimento ed alla situazione generale del mercato. Con tale richiesta, il terzo turno di lavoro venne posticipato a data da destinarsi.

Oggi Stellantis ha confermato l’estensione della cassa integrazione di altre due settimane. Il provvedimento sarà esteso fino al successivo 11 aprile, allungando il periodo di incertezze per i dipendenti dello stabilimento lucano e posticipando ulteriormente l’avvio del terzo turno di lavoro per la Jeep Compass.

Al momento, l’estensione della cassa integrazione non si accompagna a nuovi annunci di blocco della produzione. Dopo gli stop già registrati a febbraio (quattro giorni nella seconda metà del mese), è probabile in ogni caso che nelle settimane successive la produzione nello stabilimento venga interrotta momentaneamente.

Jeep Compass stabilmento Melfi

Il commento dei sindacati sulla situazione di Melfi

I rappresentanti delle sigle sindacali Fim, Uilm e Fismi hanno così commentato l’annuncio di Stellantis di oggi: “Questa ulteriore richiesta di cassa integrazione ci pone un grande punto interrogativo: ma che fine ha fatto il terzo turno? Dopo lo slittamento del 15 febbraio ne registriamo un ulteriore perché il tutto era previsto per il 29 marzo. Adesso basta c’è bisogno di un confronto serio. Oggi vediamo solo la strada di azioni unilaterali”

Le novità nel futuro di Melfi

Nel futuro di Melfi dovrebbe esserci una forte crescita della produzione. Lo stabilimento ha ricevuto ingenti investimenti con il Piano Italia di FCA che ha permesso l’avvio della produzione della Jeep Compass, precedentemente realizzata in Messico e poi importata in Europa. Da notare anche il debutto delle varianti ibride di Renegade e della stessa Compass.

A completare la gamma di novità per Melfi ci saranno le nuove varianti mild hybrid dei due modelli Jeep e della Fiat 500X. Tali varianti utilizzeranno il nuovo motore mild hybrid attualmente in fase di pre-produzione nello stabilimento di Termoli e pronto al debutto sul finire della prossima primavera. Con l’arrivo di queste varianti, gli investimenti per Melfi saranno completi.

Per i prossimi anni Stellantis dovrà valutare il futuro dei tre modelli attualmente in produzione e scegliere quali saranno i nuovi progetti. In ogni caso, almeno in linea teorica, gli investimenti garantiti dal Piano Italia dovrebbero essere più che sufficienti a garantire una forte crescita della produzione. Sarà necessario capire quando lo stabilimento supererà i problemi con i fornitori in breve tempo per avere un’idea chiara in merito alla futura crescita produttiva. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti legati alle novità in arrivo per Melfi.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento