in

Lo stabilimento Fiat di Tychy si prepara alla rivoluzione

Lo stabilimento Fiat di Tychy si sta adeguando ai piani dell’azienda Stellantis che prevedono una rivoluzione per l’impianto

Fiat Chrysler Tychy
Fiat Chrysler Tychy

Lo stabilimento Fiat di Tychy si sta adeguando ai piani dell’azienda Stellantis. L’anno prossimo verranno lanciati modelli di auto completamente nuovi con i marchi Jeep e Alfa Romeo. Tychy sarà il primo stabilimento fuori dall’Italia a produrre modelli Alfa Romeo.

Lo stabilimento Fiat di Tychy si sta adeguando ai piani dell’azienda Stellantis che prevedono una rivoluzione per l’impianto

Soprattutto, però, sarà il primo degli oltre cento stabilimenti Stellantis in 30 paesi, dove la produzione avverrà utilizzando la tecnologia di entrambe le società partecipanti alla fusione.

– Questa è la prima fabbrica dell’azienda al mondo che implementa un progetto comune – ha confermato Tomasz Gębka, direttore dello stabilimento di Tychy durante la sessione “Fabbrica digitale” all’interno della EEC Trends (EEC Digital).

Secondo lui, sarà una grande sfida, soprattutto perché l’impianto non ha avuto molto tempo per prepararsi a questo processo.

– L’azienda è stata ufficialmente fondata poche settimane fa – e infatti solo ora abbiamo potuto iniziare a parlare. Prima di allora, eravamo ancora formalmente in competizione – ha detto Tomasz Gębka.

Lui stesso aveva attraversato un processo simile al momento in cui Fiat si è fusa con Chrysler e le auto costruite su piattaforme condivise iniziarono ad entrare nelle fabbriche. Questa volta, tuttavia, la situazione è completamente diversa. Le auto costruite sulla piattaforma Fiat continueranno a essere costruite a Tychy per Fiat 500 in varie varianti e Lancia Ypsilon – ma ci saranno anche nuovi modelli Jeep e Alfa Romeo attualmente sviluppati basati su una piattaforma CMP leggermente più grande di PSA. Quindi bisognerà creare due linee di produzione complete e separate.

Fabryka Samochodow Małolitrażowych è stata fondata a Tychy nel 1975. Per 15 anni ha prodotto Fiat 126p, poi Cinquecento, Seicento e infine Panda e Fiat 500, e persino Ford Ka (su componenti comuni con piccoli modelli Fiat). Queste sono le auto di base perché a quel tempo c’erano anche lotti più piccoli di altri modelli. Le più importanti, tuttavia, erano le auto prodotte sulle piattaforme Fiat più piccole.

Tomasz Gębka spiega che le modifiche relative all’introduzione di nuovi modelli, al cambio di tecnologia e all’aumento della capacità produttiva sono avvenute “al volo”, durante la produzione continua. Pertanto, gli elementi aggiunti durante l’ampliamento non sono stati sempre collocati nella posizione migliore in termini di processo produttivo.

– Aggiungendo più moduli ed eseguendo linee aggiuntive, è stata creata una sorta di ibrido … Il nostro primo compito è quindi la deframmentazione: pulire questo ibrido, raddrizzando i percorsi logistici – afferma Tomasz Gębka, direttore dell’impianto.

Ti potrebbe interessare: FCA: tra le auto prodotte a Tychy anche la nuova Fiat Punto

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento