in

GM e Stellantis potrebbero successivamente produrre l’Apple Car

Dopo Hyundai si vocifera che anche Stellantis e General Motors possano collaborare al lancio di una Apple Car nei prossimi anni

apple_car

Dopo le notizie di una collaborazione tra Apple e Hyundai per portare una macchina elettrica sul mercato, maggiori dettagli stanno ora venendo alla luce. Il primo di Apple Car sarà basato sulla nuova piattaforma di e-car E-GMP di Hyundai. La controllata Hyundai Mobis assumerà la guida nella progettazione e produzione dei componenti. Lo ha rivelato il noto esperto di Apple Kuo. Il marchio Hyundai, Kia, produrrà quindi i primi veicoli. Apple tuttavia starebbe già pianificando collaborazioni con altri produttori.

Dopo Hyundai si vocifera che anche Stellantis e General Motors possano collaborare al lancio di una Apple Car nei prossimi anni

La piattaforma E-GMP di Hyundai ha una struttura modulare in modo che i veicoli realizzati su di essa possano essere anche molto diversi tra loro. L’obiettivo della piattaforma è l’efficienza della trasmissione, lo ha detto il responsabile dello sviluppo Albert Biermann in occasione della presentazione nel mese di dicembre. Due motori sono possibili su ciascun asse del veicolo, per cui la trazione anteriore può essere attivata o disattivata.

Secondo Hyundai, le configurazioni più potenti dovrebbero portare un totale di 440 kilowatt di potenza (circa 600 CV) e accelerare a 100 chilometri all’ora in 3,5 secondi. Il produttore parla di una velocità massima di 260 chilometri all’ora. L’unità di carica ad alta tensione può gestire fino a 350 kilowatt di potenza e dovrebbe consentire una portata di 500 chilometri.  Ioniq 5 sarà il primo modello basato sulla piattaforma.

Ming-Chi Kuo sospetta che, in contrasto con i suoi prodotti precedenti, Apple si baserà su catene di fornitura esterne. Poiché un’auto elettrica richiede da 40 a 50 volte più parti di uno smartphone, Apple deve fare affidamento sulle risorse dei produttori esistenti.

Oltre a Hyundai, l’esperto nomina GM e PSA come partner per una futura collaborazione. Dal momento che PSA è stato recentemente assorbito nel Gruppo Stellantis, è difficile dire in quale direzione si svilupperà la cooperazione. Kuo parla di un vantaggio time-to-market che deriverebbe dalla collaborazione con produttori convenzionali.

Egli scrive: “Noi crediamo che Apple voglia sfruttare le risorse di case automobilistiche correnti e concentrarsi su guida autonoma e sviluppo del software, semiconduttori, tecnologie per le batterie-correlate, garantendo innovative esperienze agli utenti e l’integrazione  del veicolo con l’ecosistema Apple esistente.” Dunque anche Stellantis potrebbe venire coinvolta.

Ti potrebbe interessare: Stellantis chiude gennaio 2021 in Messico con circa 5000 esemplari venduti

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento