in

FCA e PSA: la fusione arriva in un momento difficile per il settore

La fusione tra FCA e PSA arriva in un momento difficile per il settore automotive

fca psa stellantis

Entro la fine del primo trimestre del 2021, ma forse anche prima, si dovrebbe concludere la fusione tra FCA e PSA. Questa operazione dovrebbe aiutare entrambi i gruppi a risolvere i loro problemi attuali, ma arriva in un momento davvero difficile per tutto il settore. L’Europa ha perso finora quasi 4,5 milioni di unità quest’anno rispetto a quelle prodotte nel 2019. E questo calo ha influito anche sulle vendite di auto, che nell’Unione Europea nel complesso hanno perso 25,5 % delle vendite accumulate nei primi undici mesi dell’anno.

Il gruppo PSA con tutti i suoi marchi inclusi è sceso del 31,5% nei primi 11 mesi dell’anno e ha perso più di 630.000 unità quest’anno. Di tutti, il marchio che cala di più è stato Opel che ha registrato un calo delle vendite del 43,2%. Anche nel caso del gruppo Fiat Chrysler le cose non vanno molto meglio, visto che complessivamente scende del 28,3% nel cumulato dell’anno. E questo in un mercato europeo che scende del 25,5%.

La fusione tra FCA e PSA porterà senza dubbio alcuni vantaggi grazie alla riduzione dei costi per il nuovo gruppo Stellantis che verrà creato. Ma sarà una fusione molto complicata. Fino ad ora, la politica del gruppo PSA è stata quella di sfruttare la stessa piattaforma per ottenere il massimo dalle auto e quindi ridurre i costi.

Ci sono Opel Corsa, Peugeot 208 e Citroën C3, o le loro equivalenti di tipo SUV, C3 AirCross, Peugeot 2008 e Opel Mokka. Condividono tutti la stessa piattaforma e in alcuni casi anche una fabbrica. Si tratta di un qualcosa di simile a quanto sta facendo anche Volkswagen. Occorre però capire se con la fusione e il conseguente aumento del numero di marchi sarà ancora semplice armonizzare tra di loro le singole gamme di auto dei vari marchi.

Carlos Tavares, capo del gruppo PSA e promotore di questa nuova fusione, ha lanciato il marchio DS tre anni fa con l’obiettivo di renderlo il marchio francese di auto premium. Per questo le ha fornito un budget sufficiente per durare almeno dieci anni sul mercato e crescere poco a poco, lanciando ogni anno un nuovo modello e nel tempo diventare un marchio forte e competitivo. Il problema è che ora ha diversi marchi in cui deve investire molti soldi se non vuole che muoiano, Opel, Jeep o Alfa Romeo e la domanda è se avrà la capacità finanziaria per farlo oppure no. Vedremo dunque se Stellantis riuscirà a far fronte a tutti questi problemi.

Ti potrebbe interessare: Passo avanti FCA PSA verso Stellantis: Antitrust Ue a un passo dal sì?

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento