in

Manley: le case automobilistiche hanno bisogno del sostegno dei governi in Europa

Il CEO di Fiat Chrysler Automobiles Mike Manley ha invitato i responsabili politici europei martedì a intensificare il loro sostegno alle case automobilistiche

Mike Manley

Il CEO di Fiat Chrysler Automobiles Mike Manley ha invitato i responsabili politici europei martedì a intensificare il loro sostegno alle case automobilistiche nella loro transizione verso i veicoli elettrificati, poiché la nuova pandemia di coronavirus rappresenta il “più grande rischio mai affrontato dal nostro settore”.

Nella prima metà dell’anno, la produzione nel continente di circa 3,6 milioni di veicoli per un valore di circa 110 miliardi è andata persa a causa delle fermate relative a COVID-19, con nuove immatricolazioni di veicoli nel 2020 previste in calo del 25% rispetto allo scorso anno, ha detto Manley. Invece di allentare le limitazioni alle emissioni di carbonio, tuttavia, l’Unione europea nell’ultimo anno ha accelerato i suoi requisiti.

“La posta in gioco è estremamente alta con COVID, che sta aggiungendo un’enorme pressione al settore automobilistico quando sta affrontando cambiamenti tecnologici fondamentali”, ha detto Manley durante un seminario virtuale tenuto dalla European Automobile Manufacturers Association. “In questo periodo di sfide senza precedenti, i responsabili politici a Bruxelles e negli Stati membri devono aumentare il loro sostegno politico e pratico”.

Nello specifico, Manley, presidente dell’associazione, ha citato il Green Deal europeo approvato a gennaio che ha aumentato l’obiettivo di riduzione di anidride carbonica per il 2030 al 55% dal 45% rispetto ai livelli del 1990.

“Ci saremmo potuti aspettare che la Commissione europea avrebbe concesso una pausa al settore, ma in realtà non è successo affatto”, ha detto Colin Couchman, analista di IHS Markit, durante un panel dopo le osservazioni di Manley.

FCA è ampiamente considerata in ritardo nello sviluppo di veicoli elettrici, dovendo pagare ai suoi concorrenti 470 milioni di dollari per soddisfare gli standard di conformità in Europa e Nord America nella prima metà dell’anno. L’anno scorso prima dell’approvazione del Green Deal, Manley ha affermato che FCA sarebbe stata conforme in Europa entro la fine del 2021 o nel 2022, sebbene la sua fusione in sospeso con il rivale francese Groupe PSA dovrebbe accelerare tale tempistica.

“Le ambizioni delineate dalla nuova proposta della Commissione richiederanno ora massicci investimenti aggiuntivi in ​​un momento già difficile”, ha detto Manley. “Ma i nostri investimenti da soli non saranno mai sufficienti. Se vogliamo che la mobilità a emissioni zero diventi un’opzione reale per tutti gli europei, avremo tutti bisogno di una vasta rete di punti di ricarica e stazioni di rifornimento in tutti i paesi dell’UE, unita a incentivi economicamente sostenibili.

“Il piano di ripresa dell’UE dovrebbe anche essere tradotto in misure di sostegno concrete come programmi di rinnovo della flotta per stimolare la domanda di auto, camion e altri veicoli commerciali a basse e zero emissioni”.

Ti potrebbe interessare: Il CEO di FCA Manley offrirà la sua visione sulla rinascita del mercato automobilistico europeo

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento